formula 1

Vasseur si presenta: "Alla Ferrari
nulla è impossibile, sono qui per vincere"

Giovedi scorso, Frederic Vasseur si è presentato alla stampa. Di buon umore, tanti sorrisi, il nuovo team principal francese ...

Leggi »
Formula E

Diriyah – Qualifica 2
Hughes regala la prima pole a McLaren

Michele Montesano McLaren e Jake Hughes continuano a sorprendere al loro debutto in Formula E. Dopo esserci andato vicino gi...

Leggi »
Regional Mid-East

Kuwait City - Gara 3
Meguetounif vince, Antonelli allunga

1 - Sami Meguetounif - Hyderabad Blackbirds by MP - 14 giri2 - Andrea Kimi Antonelli - Mumbai Falcons - 1”0933 - Joshua Durks...

Leggi »
Regional Mid-East

Kuwait City - Gara 2
Doppietta PHM con Dufek e Barnard

Prima vittoria in Formula Regional per il team PHM, che all’esordio nella categoria ha subito conquistato una doppietta con J...

Leggi »
F4 Nel mondo

F4 a Kuwait City - Gara 2
Ugochukwu sempre più leader

C'è un ragazzo in fuga nella F4 degli Emirati Arabi Uniti. Si chiama Ugo Ugochukwu e arriva da New York. Il pilota del te...

Leggi »
Formula E

Diriyah – Gara 1
Wehrlein vince di rimonta

Michele Montesano Porsche si ripete siglando la seconda doppietta stagionale in Formula E. Questa volta però, è stato Pascal...

Leggi »
25 Set [16:31]

Spa, gara: Prema vede il titolo
United Autosports torna al successo

Michele Montesano - Foto Speedy

Prima vittoria stagionale per il team United Autosports nella ELMS. A quasi un anno dal trionfo di Portimão, l’equipaggio composto da Phil Hanson, Duncan Tappy e Tom Gamble ha conquistato la 4 Ore di Spa-Francorchamps. Il team Prema, terzo al traguardo, ha sfiorato la conquista del titolo continentale con una gara in anticipo. Doppietta Ferrari in LMGTE con il Kessel Racing che ha preceduto sotto la bandiera a scacchi la vettura gemella delle Iron Dames.

Grazie ad un ottimo avvio, Tappy è riuscito a issarsi dalla quarta alla seconda posizione portandosi negli scarichi del leader Nicklas Kruetten, al volante dell’Oreca del Cool Racing. Gli uomini di United Autosports, hanno sfruttato al meglio le varie fasi di neutralizzazione per effettuare le soste ai box e permettere al trio di restare costantemente in lotta per la vittoria. La svolta è avvenuta a metà gara, quando il battistrada Nicolas Lapierre ha dovuto effettuare un intero giro con uno pneumatico forato prima di rientrare ai box. Hanson ha immediatamente sfruttato l’occasione, prendendo le redini della gara per poi lasciare a Gamble l’onore di tagliare per primo il traguardo. Nemmeno uno stop & go di 5 secondi, per aver superato l’Oreca del Panis Racing in regime di bandiere gialle, ha rallentato la marcia dello United Autosports (nella foto sotto).



Gara perfetta per l’Inter Europol Competition. Scattato dal fondo della griglia, Fabio Scherer si è reso protagonista di una rimonta forsennata culminata con la conquista della prima posizione al termine del suo stint. Tuttavia David Heinemeier-Hansson non si è rivelato efficace quanto lo svizzero scivolando al terzo posto in classifica assoluta. È poi toccato a Pietro Fittipaldi riconquistare la seconda posizione e gestire l’ultimo scorcio di gara contenendo la progressione del team Prema, arrivato in scia con un distacco di poco più di un secondo.

Autore di una partenza fulminea, Ferdinand Habsburg ha effettuato tre sorpassi nel corso della prima tornata. Terminato il periodo di safety-car, per recuperare la LMP3 Rob Hodes finita in ghiaia al primo giro, l’austriaco ha superato di potenza sul Raidillon Matthias Kaiser per salire in terza posizione. È toccato quindi a Juan Manuel Correa, alla sua prima gara nella ELMS, effettuare lo stint centrale per poi cedere l’Oreca a Louis Deletraz. Lo svizzero ha cercato di colmare il gap nei confronti dell’Inter Europol Competition dovendosi però accontentare del gradino più basso del podio. Con 24 punti di vantaggio sui secondi, e 26 ancora da assegnare nell’ultimo round di Portimão, la conquista del titolo piloti per Deletraz e Habsburg sarà solamente una formalità.



Fuori dal podio Julien Canal, Job van Uitert e Nicolas Jamin che hanno terminato davanti l’Oreca del Cool Racing del poleman Yifei Ye. Arrivo al fotofinish per la classe ProAm. Al termine della 4 Ore di Spa a dividere il Racing Team Turkey dall’AF Corse sono stati solamente 42 millesimi. Dopo aver tentato a lungo il sorpasso, Will Stevens, chiamato a sostituire Jack Aitkein, ha avuto la meglio in volata su Alessio Rovera, in equipaggio con Nicklas Nielsen e François Perrodo.



Terza vittoria consecutiva in LMP3 per l’Inter Europol Competition (nella foto sopra). Charlese Crews, Nicolas Pino e Guilherme Oliveira hanno conquistato anche la vetta del campionato per via dello zero in casella da parte del Cool Racing. Infatti, nel corso della prima ora, Maurice Smith è stato speronato da Horst Felbermayr a La Source riportando la rottura della sospensione posteriore destra sulla sua Ligier. Secondo posto per l’equipaggio del DKR Engineering composto da Tom Van Rompuy, Sebastian Alvarez e Alexander Bukhantsov. A chiudere il podio Anthony Wells e James Littlejhom che, nonostante un piccolo contatto in fase di doppiaggio, sono riusciti a portare sul traguardo la LMP3 del Nielsen Racing.



Prima affermazione stagionale per la Ferrari del Kessel Racing in LMGTE (nella foto sopra). Conrad Grunewald, Frederik Schandorff e Mikkel Jensen hanno preceduto la 488 GTE delle Iron Dames Michelle Gatting, Sarah Bovy e Dorianne Pin. Nelle prime fasi di gara il poleman si è reso protagonista di un pericoloso testacoda. Grunewald ha infatti perso il controllo della sua Ferrari al Raidillon rischiando di essere centrato dalla Bovy. La belga ne ha approfittato per prendere il comando della classe, per essere poi gestito dalla Pin nelle fasi centrali di gara. È toccato quindi a Jensen cercare di ricucire il distacco sulle Iron Dames. L’operazione è riuscita a 50 minuti dalla bandiera a scacchi, quando l’ufficiale Peugeot nel WEC ha superato la Gatting conquistando il meritato successo.

La Porsche dell’Absolute Racing ha completato il podio della LMGTE con Martin Rump, Alessio Picariello e Andrew Haryanto. Dopo aver militato nelle prime posizioni, l’Aston Martin dell’Oman Racing with TF Sport è scivolata al quarto posto di classe davanti la Porsche dei leader di campionato Gianmaria Bruni, Lorenzo Ferrari e Christian Ried.

Domenica 25 settembre 2022, gara

1 - Hanson/Tappy/Gamble (Oreca 07-Gibson) - United Autosports - 97 giri
2 - Scherer/Fittipaldi/Hansson (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - 23"508
3 - Delétraz/Correa/Habsburg (Oreca 07-Gibson) - Prema - 24"661
4 - Canal/Jamin/Van Uitert (Oreca 07-Gibson) - Panis - 35"904
5 - Lapierre/Kruetten/Ye (Oreca 07-Gibson) - Cool - 48"995
6 - Yoluc/Eastwood/Stevens (Oreca 07-Gibson) - R. T. Turkey - 1'04"217
7 - Perrodo/Nielsen/Rovera (Oreca 07-Gibson) - AF Corse - 1'04"259
8 - Ugran/Viscall (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 1'35"290
9 - Bradley/Rojas/De Barbuat (Oreca 07-Gibson) - Duqueine - 1'47"745
10 - Falb/Allen/Peroni (Oreca 07–Gibson) - Algarve Pro - 2'17"167
11 - Sales/Bell/Hanley (Oreca 07-Gibson) - Nielsen - 1 giro
12 - Cimadomo/Beche/Van der Helm (Oreca 07-Gibson) - TDS Vaillante - 1 giro
13 - Dracone/Campana/Pommer (Oreca 07-Gibson) - BHK - 2 giri
14 - Crews/Oliveira/Pino (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 4 giri
15 - Hodes/Aubry/Rodriguez (Oreca 07-Gibson) - Virage - 4 giri
16 - Alvarez/Bukhantsov/Van Rompuy (Duqueine M30-Nissan) - DKR - 4 giri
17 - Wells/Littlejohn (Ligier JS P3-Nissan) - Nielsen - 4 giri
18 - Maulini/Foubert/Doquin (Ligier JS P3-Nissan) - Cool - 5 giri
19 - Van Berlo/Bentley/McGuire (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosports - 5 giri
20 - Koebolt/De Sadeleer/Serrano (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 5 giri
21 - Grunewald/Schandorff/Jensen (Ferrari F488 GTE EVO) - Kessel - 5 giri
22 - Kaiser/Woodward/Richards (Ligier JS P3-Nissan) - 360 - 5 giri
23 - Pin/Gatting/Bovy (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 5 giri
24 - Haryanto/Rump/Picariello (Porsche 911 RSR) - Absolute - 6 giri
25 - Al Harthy/Sorensen/De Haan (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 6 giri
26 - Ried/Ferrari/Bruni (Porsche 911 RSR) - Proton - 6 giri
27 - Abramczyk/Kaprzyk/Dayson (Ligier JS P3-Nissan) - Inter Europol - 6 giri
28 - Petrobelli/Hudspeth/Payne (Ferrari F488 GTE EVO) - JMW - 6 giri
29 - Fassbender/Robichon/Lietz (Porsche 911 RSR) - Proton - 7 giri
30 - Jensen/Adcock/Kapadia (Ligier JS P3-Nissan) - RLR - 7 giri
31 - Hartshorne/Chaves/Adam (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 7 giri
32 - Schiavoni/Cressoni/Rigon (Ferrari F488 GTE EVO) - Iron Lynx - 7 giri
33 - Ehret/Varrone/Alessi (Ferrari F488 GTE EVO) - Rinaldi - 10 giri
34 - Lloveras/Cristóvão (Ligier JS P3-Nissan) - EuroInternational - 27 giri

Giro più veloce: Yifei Ye 2'03"544

Ritirati
Kaiser/Laurent/De Wilde (Oreca 07-Gibson) - Mühlner
Voisin/Caygill/Gehrsitz (Ligier JS P3-Nissan) - United Autosports
Felbermayr/Catalano/McCusker (Ligier JS P3-Nissan) - RLR
Lafargue/Chatin/Pilet (Oreca 07-Gibson) - Idec
Smith/Benham/Jakobsen (Ligier JS P3-Nissan) - Cool

Il campionato LMP2
1.Delétraz/Habsburg 100 punti; 2.Colombo 85; 3.Canal/Jamin/Van Uitert 76; 4.Hanson/Tappy/Gamble 73.

Il campionato LMP3
1.Crews/Oliveira/Pino 79 punti; 2.Smith/Benham/Jakobsen 60; 3.Alvarez/Bukhantsov 52.

Il campionato GTE
1.Ried/Ferrari/Bruni 72 punti; 2.Schandorff/Jensen 63; 3.Schiavoni/Cressoni/Rigon 51.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone