Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
World Endurance

Test ad Alcaniz per la Peugeot 9X8
Il team salterà la 1000 Miglia di Sebring

Michele Montesano Continua senza sosta la tabella di marcia per il ritorno nel FIA WEC da parte di Peugeot Sport. Il team s...

Leggi »
altre

Adria sotto sequestro
Buco di 53 milioni di euro

Il paddock dell'area karting era strapieno, come sempre quando si è alla vigilia del primo evento internazionale organizz...

Leggi »
formula 1

La F1 pensa all'obbligo vaccinale:
non ci saranno casi simil Djokovic

Il caso di Novak Djokovic ha dominato la scena del dibattito internazionale, non solo sportivo. Il tennista serbo, numero 1 a...

Leggi »
Rally

Oreca obiettivo Dakar 2023 con l’ibrido
Allo studio anche un motore a idrogeno

Michele Montesano La quarantaquattresima edizione della Dakar è appena andata in archivio, ma Oreca punta lo sguardo già al...

Leggi »
30 Giu [11:26]

Spielberg - Gara 1
Vince Ilott, Pulcini e Lorandi sul podio

Da Spielberg - Massimo Costa

Callum Ilott del team ART ribalta la classifica della GP3 e in un colpo solo cancella tutti i dubbi montati su di lui in questo inizio di stagione. Il pilota britannico della ART a Spielberg ha colto il suo primo successo nella main race della GP3, seconda vittoria stagionale dopo quella di gara 2 a Le Castellet, e lo ha fatto in maniera netta e decisa. Partito dalla pole, ha sempre tenuto la prima posizione regalandosi 25 punti fondamentali che lo proiettano al vertice della classifica generale considerando gli errori commessi dai suoi compagni Anthoine Hubert e Nikita Mazepin. L'inglese del Ferrari Driver Academy guarda ora con grande fiducia all'appuntamento casalingo di Silverstone della prossima settimana.

Alle spalle di Ilott, troviamo Leonardo Pulcini ed Alessio Lorandi, bravissimi nella gestione della corsa dopo essere partiti dalla seconda fila. Al via, Lorandi ha avuto un ottimo spunto superando Jake Hughes e mettendosi alle spalle di Ilott, poi si è verificato un fatto decisamente curioso. Joey Mawson, partito lentamente, si è bloccato al vertice della salita che precede la prima curva ed è stata chiamata la safety-car mentre i piloti sono stati invitati a passare attraverso la corsia box.

Ma solo Lorandi ha imboccato la pit-lane, tutti gli altri hanno proseguito normalmente passando sul rettifilo. Sgomento generale, si pensava che fosse stato l'italiano del team Trident a male interpretare la comunicazione della direzione gara, invece no. È stato l'unico a capirla e difatti dopo un momento di imbarazzo è stato concesso a Lorandi di recuperare la posizione e magari rimproverare poi a voce gli altri diciotto...

Ripartita la corsa, Lorandi non aveva la velocità di Ilott mentre alle sue spalle, Pulcini ha sorpreso Hughes salendo in terza posizione. Un problema all'anteriore non permetteva a Lorandi di essere veloce come voleva, Pulcini lo ha raggiunto e i due per un paio di tornate hanno battagliato correttamente, poi il romano del team Campos ha preso il sopravvento. Pulcini ha spinto forte realizzando anche il giro più veloce e provando ad andare a prendere Ilott. Ma quando ha capito che sarebbe stata ardua, si è limitato a gestire la seconda posizione.

Lorandi invece, ha dovuto soccombere anche a Hughes, poi è stato attaccato dal compagno Pedro Piquet. Il brasiliano però, quando sembrava essere riuscito a passare l'italiano, è arrivato lungo alla curva 1. Anche la vettura di Hughes ha cominciato a calare nel rendimento permettendo a Lorandi di avvicinarsi e superarlo con una bella manovra, riprendendosi il terzo posto. Hughes è stato scavalcato anche da Piquet. Al traguardo, festa grande per Pulcini che bissa il secondo posto di Montmelò 2017 e per Lorandi che dopo la quarta e quinta posizione ottenute a Le Castellet prosegue la propria crescita col primo podio 2018. Pulcini è ora quarto in campionato con 49 punti, gli stessi di Mazepin (Ilott comanda con 65) mentre Lorandi avanza in settima piazza con 33 punti.

Trident ha piazzato tutte le monoposto a punti. Oltre a Lorandi e Piquet, Giuliano Alesi ha terminato sesto dopo un duro duello col compagno Ryan Tveter, settimo. Ottava piazza per David Beckmann del team Jenzer; il tedesco ha superato una incredibile serie di duelli all'arma bianca, soprattutto quello con il compagno Juan Manuel Correa che gli ha rifilato una ruotata. Bello e corretto invece, quello degli ultimi giri con Simo Laaksonen. Hubert aveva recuperato forte dal fondo griglia (assetto scarico), ma ha trovato sulla sua strada Mazepin che lo ha spedito in testacoda e così entrambi sono finiti fuori dalla top 10.

Sabato 30 giugno 2018, gara 1

1 - Callum Ilott - ART - 24 giri 34'11"806
2 - Leonardo Pulcini - Campos - 4"519
3 - Alessio Lorandi - Trident - 10"404
4 - Pedro Piquet - Trident - 11"317
5 - Jake Hughes - ART - 13"873
6 - Giuliano Alesi - Trident - 14"546
7 - Ryan Tveter - Trident - 15"327
8 - David Beckmann - Jenzer - 17"024
9 - Simo Laaksonen - Campos - 18"946
10 - Dorian Boccolacci - MP Motorsport - 19"306
11 - Niko Kari - MP Motorsport - 20"069
12 - Tatiana Calderon - Jenzer - 25"390
13 - Nikita Mazepin - ART - 27"326
14 - Diego Menchaca - Campos - 27"582
15 - Julien Falchero - Arden - 36"223
16 - Gabriel Aubry - Arden - 36"687
17 - Anthoine Hubert - ART - 52"372
18 - Devlin De Francesco - MP Motorsport - 1 giro
19 - Juan Manuel Correa - Jenzer - 2 giri

Giro più veloce: Leonardo Pulcini 1'20"850

Ritirato
0 giri - Joey Mawson

Il campionato
1.Ilott 65; 2.Hubert 63; 3.Alesi 50; 4.Mazepin, Pulcini 49; 6.Piquet 34; 7.Lorandi 33; 8.Hughes, Boccolacci 21; 10.Mawson 16.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone