26 Feb [17:44]

Test a Jerez - 2° turno
De Vries mantiene la vetta

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Jacopo Rubino

ll precampionato 2019 della Formula 2 è iniziato nel segno di Nyck De Vries. Leader nella sessione di questa mattina, l'olandese ha svettato anche nel turno pomeridiano della giornata inaugurale di test a Jerez: a una decina di minuti dal termine, il pilota della ART Grand Prix ha stampato il crono di 1'25"358, il migliore assoluto di oggi e di quasi mezzo secondo sotto a quanto stabilito in mattinata. Per confronto, ricordiamo che Charles Leclerc siglò qui la pole-position della gara 2017 in 1'24"682, ma con la vecchia generazione di Dallara-Mecachrome.

De Vries si è ripreso la leadership mettendosi dietro Nicholas Latifi di 369 millesimi, con Mick Schumacher e Luca Ghiotto (sotto nella foto) in terza e quarta posizione. Sia il tedesco della Prema che l'italiano di casa UNI Virtuosi hanno occupato a loro volta il comando provvisorio, mostrando certamente un bel potenziale. Nel caso di Ghiotto, così come per il compagno Guan Yu Zhou, decimo, bisogna inoltre ricordare la scelta di utilizzare solo due set gomme Pirelli, contro i tre di tutti gli avversari. Un vantaggio che potrà tornare utile per il resto delle prove, visti gli 8 treni a disposizione per l'intera tre-giorni.



A seguire, quinto crono per il russo Nikita Mazepin con l'altra vettura targata ART, mentre Louis Deletraz, Callum Ilott, Giuliano Alesi della Trident, Sergio Sette Camara e il già citato Zhou sono racchiusi in un pugno di centesimi.

Sono state tre le interruzioni di questo segmento, la prima delle quali causata dallo stop di Jordan King: sulla sua monoposto della MP Motorsport si è scatenato anche un principio di incendio, probabilmente per l'olio fuoriuscito sugli scarichi roventi. Il britannico, ufficialmente chiamato in Andalusia come semplice "collaudatore", ha quindi percorso appena 11 giri, meno di tutti.

La seconda bandiera rossa è stata provocata dall'uscita in curva 4 di Juan Manuel Correa, mentre a circa 20 minuti dalla fine Sean Gelael è rimasto fermo alla curva Aspar. L'indonesiano figura dodicesimo in classifica. In elenco questa volta c'è anche la colombiana Tatiana Calderon, 19esima con la Arden, i cui riferimenti del mattino erano stati cancellati per la vettura sotto al peso minimo.

Martedì 26 febbraio 2019, 2° turno
  1. Nyck de Vries - ART - 1'25"358 - 51 giri
  2. Nicholas Latifi - DAMS - 1'25"727 - 41
  3. Mick Schumacher - Prema - 1'25"783 - 31
  4. Luca Ghiotto - UNI Virtuosi - 1'25"887 - 27
  5. Nikita Mazepin - ART - 1'26"230 - 48
  6. Louis Delétraz - Carlin - 1'26"512 - 38
  7. Callum Ilott - Sauber Junior - 1'26"573 - 40
  8. Giuliano Alesi - Trident - 1'26"577 - 41
  9. Sergio Sette Camâra - DAMS - 1'26"579 - 36
  10. Guanyu Zhou - UNI Virtuosi - 1'26"593 - 23
  11. Nobuharu Matsushita - Carlin - 1'26"625 - 26
  12. Sean Gelael - Prema - 1'26"733 - 29
  13. Juan Manuel Correa - Sauber Junior - 1'26"882 - 24
  14. Ralph Boschung - Trident - 1'27"076 - 14
  15. Richard Verschoor - MP Motorsport - 1'27"102 - 20
  16. Jack Aitken - Campos - 1'27"227 - 24
  17. Jordan King - MP Motorsport - 1'27"317 - 11
  18. Anthoine Hubert - Arden - 1'27"551 - 31
  19. Tatiana Caldéron - Arden - 1'28"515 - 33
  20. Dorian Boccolacci - Campos - 1'28"903 - 26

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone