formula 1

Binotto stupisce: "Nessun errore,
le nostre strategie sempre corrette"

Dagli errori si cresce e sarebbe meglio non ripeterli. Ce lo dicono fin dalle scuole elementari ed è sicuramente una eccellen...

Leggi »
formula 1

Per Zhou buon esordio in F1,
ma il rinnovo rimane in sospeso

Guanyu Zhou ha fatto ricredere gli scettici. L'unico rookie al via quest'anno in Formula 1 ha saputo farsi valere in ...

Leggi »
GT World Challenge

Intervista ad Andrea Caldarelli
“Nel 2023 possibile un programma LMP2”

Europa, Giappone, di nuovo Europa e America. Andrea Caldarelli ha corso e vinto ovunque negli ultimi 15 anni. Prima nelle for...

Leggi »
formula 1

Come combattere il "porpoising"
Ben Sulayem zittisce Binotto e Horner

Si fa come dico io. Questo può essere il riassunto di quanto espresso dal presidente FIA Mohammed Ben Sulayem per combattere ...

Leggi »
FIA Formula 2

Il bando per i motori 2024 di F2:
benzine sostenibili, ibrido possibile

630 cavalli, compatibilità con carburanti sostenibili, possibilità di integrare una componente ibrida. Questi sono i punti ch...

Leggi »
formula 1

Piastri-McLaren, il giallo continua
Per ora vince la mancanza di etica

E' senza dubbio il giallo dell'estate quello che coinvolge il giovane Oscar Piastri, forse finito in un gioco più gra...

Leggi »
27 Giu [19:08]

Vallelunga - Gara 3
Bearman graziato dalla rossa

Da Vallelunga - Mattia Tremolada 

La fortuna aiuta gli audaci. Così si potrebbe riassumere gara 3 della Formula 4 Italia a Vallelunga, in cui il dominatore Oliver Bearman è riuscito a chiudere un fine settimana perfetto, conquistando la tripletta. Il pilota inglese diventa il settimo a riuscire nell'impresa di vincere tre corse nello stesso fine settimana della F4 tricolore, succedendo a Mattia Drudi (Monza 2014), Guanyu Zhou (Monza 2015), Sebastian Fernandez (Misano 2017), Enzo Fittipaldi (Misano 2018), Olli Caldwell (Vallelunga 2018) e Dennis Hauger (Monza 2019). Ma il successo di gara 3 non è stato affatto scontato, anzi è maturato con un po' di fortuna. 

Alla ripartenza dopo la safety car causata dallo stop di Samir Ben ed Erick Zuniga, Bearman è arrivato lungo alla staccata dei Cimini, bloccando entrambe le ruote anteriori e scivolando nelle retrovie. Pochi istanti più tardi, però, la direzione gara ha sospeso la corsa con la bandiera rossa, necessaria in seguito al brutto incidente che ha visto coinvolti Han Cenyu e Joshua Durksen, con il cinese che ha capottato diverse volte nella ghiaia del curvone ad alta velocità. Il pilota di Van Amersfoort è riuscito ad uscire dalla propria monoposto distrutta sulle sue gambe. Bearman ha così potuto ripartire dalla prima posizione, essendo la griglia della ripartenza basata sul terzo giro di gara, quando ancora occupava la testa della corsa. Ancora una volta, Sebastian Montoya ha così visto svanire la chance di conquistare il primo successo in carriera, non trovando lo spazio per sorprendere Bearman nel finale della corsa. 

Il portacolori di Prema ha preceduto sul traguardo Tim Tramnitz, sempre a podio nelle sei corse disputate nella serie italiana nel 2021. Proprio il tedesco è il principale inseguitore di Bearman nella classifica piloti, ma accusa già ben 66 punti di ritardo, quasi quanto quelli in palio in un intero fine settimana. La coppia di Prema composta da Montoya e Kirill Smal, quinto al termine di un appuntamento poco brillante, si è portata in terza e quarta posizione in classifica, scavalcando Leonardo Fornaroli, ottavo anche in gara 3 dopo una prima parte di corsa tutta all'attacco che lo ha riportato in top-10.

Quarta posizione e prima vittoria tra i rookie per un bravo Charlie Wurz, che dopo aver commesso qualche errore di troppo nelle prime due corse, è riuscito finalmente a portare a termine una gara priva di sbavature, mostrando un ottimo passo gara che gli ha permesso di mettere alle spalle i compagni di squadra alla Prema Smal, Conrad Laursen e Hamda Al Qubaisi. Chiudono la top-10 Bence Valint e Joshua Dufek di VAR, mentre Leonardo Bizzotto, undicesimo, completa il podio rookie. Violento incidente, ma senza conseguenze, per Francesco Braschi, già acciaccato dopo aver colpito la vettura di Vlad Lomko in gara 2. Per i danni riportati nell'incidente, il russo non ha preso parte all'ultima corsa.

Domenica 27 giugno 2021, gara 3

1 - Olli Bearman - VAR - 16 giri in 28'14"313
2 - Sebastian Montoya - Prema - 0"947
3 - Tim Tramnitz - US Racing - 3"233
4 - Charlie Wurz - Prema - 4"552
5 - Kirill Smal - Prema - 8"948
6 - Conrad Laursen - Prema - 10"075
7 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 12"497
8 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 16"083
9 - Bence Valint - VAR - 16"988
10 - Joshua Dufek - VAR - 17"391
11 - Leonardo Bizzotto - BVM - 19"002
12 - Maya Weug - Iron Dames - 26"080
13 - Levente Revesz - AKM - 28"000
14 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 29"939
15 - Nikita Bedrin - VAR - 31"011
16 - Eron Rexhepi - BVM - 35"287
17 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 36"626
18 - Jorge Garciarce - Jenzer - 37"799
19 - Nicolas Baptiste - Cram - 44"541
20 - Kacper Sztuka - ASM - 46"749
21 - Georgios Markogiannis - Cram - 3'07"273
22 - Lorenzo Patrese - AKM - 1 giro
23 - Jonas Ried - Mucke - 3 giri

Ritirati
Pedro Perino‍
Vittorio Catino
Han Cenyu 
Francesco Braschi
Joshua Durksen 
Samir Ben
Erick Zuniga

Non partito 
Vlad Lomko

G‍iro più veloce: Tim Tramnitz in 1'33"878.


Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone
gdlracinggdlhouse