indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Qualifica
Alpine pole da usato garantito

Michele Montesano A dispetto del nuovo corso delle HyperCar, voluto da Aco e WEC, a siglare la pole position a Portimão è st...

Leggi »
formula 1

Gli incidenti di Baku: sotto accusa
le pressioni adottate in gara dai team

Sono trascorsi sette giorni dal Gran Premio di Baku e ancora non si conoscono le cause precise che hanno determinato il cedim...

Leggi »
formula 1

La Haas non è più ultima,
ma la lotta interna si scalda

Anche un 13esimo posto può valere moltissimo. Quello ottenuto da Mick Schumacher nella caotica domenica a Baku, per esempio, ...

Leggi »
Rally

Mossa a sorpresa McLaren:
dal 2022 entra in Extreme E

Sorpresa: la McLaren aprirà una nuova pagina della sua lunga storia sportiva debuttando nelle gare off-road. Quali? Quelle de...

Leggi »
IMSA

BMW conferma il programma LMDh
per il 2023 e con obiettivo Le Mans

Il nuovo direttore di BMW M Markus Flasch ha confermato che la marca bavarese realizzerà un programma LMDh per il 2023. Senza...

Leggi »
5 Mag [21:18]

Vallelunga, gara 2
Il marchio di Agostini-Rovera

Una gara 2 difficile, resa impegnativa dalla pioggia caduta nel secondo stint e dalle frenetiche operazioni ai box per il cambio gomme, è stata vinta meritatamente da Riccardo Agostini e Alessio Rovera che hanno concluso alla grande il primo weekend stagionale, impreziosito anche da una pole e dal secondo posto in gara 1. I portacolori dell’Antonelli Motorsport hanno a lungo occupato il comando nel primo stint con il poleman Agostini e lo hanno ripreso al 24° passaggio con un Rovera in grande spolvero, abilissimo sotto la pioggia dopo aver montato le gomme rain, al termine di un bel duello con Fontana.

Nel finale il 23enne pilota varesino ha gestito bene il ritorno di Postiglione, in grande recupero, che aveva preso il volante dal suo coequipier Mul, bravo all’ottavo passaggio a guadagnare la seconda posizione su Antonio Fuoco. L’equipaggio dell’Imperiale Racing ha preceduto Fontana-Kaffer, che con un’abile gestione del cambio gomme era passato a condurre nella bagarre del secondo stint, ma il 22enne portacolori Audi nel finale non è riuscito a difendere la leadership con la pista che andava lentamente asciugandosi.

Al quinto posto hanno concluso Di Amato-Vezzoni (Ferrari 488-RS Racing), primi della classe PRO/AM, con un ottimo secondo stint in grande rimonta del pilota romano, che hanno preceduto le due vetture gemelle di Casè-Veglia (Easy Race), penalizzati di una posizione nel post gara per cambio irregolare, e di Fuoco-Hudspeth (AF Corse). Il 22enne pilota cosentino ha gestito al meglio la prima parte di gara che lo ha visto a lungo in terza posizione, mentre le difficili condizioni di pista nel secondo stint hanno impedito al pilota singaporiano di esprimersi al meglio.

Al settimo posto Nicola Baldan, all’esordio nel GT tricolore con la Mercedes AMG (Antonelli Motorsport), davanti alla BMW M6 GT3 di Comandini-Johansson (BMW Team Italia), alla terza Mercedes AMG di Palma-Larini e alle due Lamborghini Huracan di Perolini-Gersekowski (Imperiale Racing) e di Cuneo-Magnoni (Iron Lynx), primi tra gli AM.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone