formula 1

I benefici economici del
GP di Imola? 274 milioni

Uno studio sulla ricaduta economica del Gran Premio di F1 svoltosi a Imola, ha sancito il successo della manifestazione per q...

Leggi »
dtm

L'ADAC salva il DTM
La mediazione di Berger

Il DTM è salvo. L'ADAC, Allgemeiner Deutscher Automobil Club, sarà il nuovo organizzatore e promotore della serie più fam...

Leggi »
dtm

ITR non organizzerà il DTM
Berger spera nell'ADAC

Il 6 novembre Italiaracing aveva riportato la difficoltà da parte di Gerhard Berger e della ITR nell'organizzare il campi...

Leggi »
formula 1

Brawn se ne va in pensione
Un gigante che ha vinto tutto

"Ora è il momento giusto per me di ritirarmi". Una frase chiara, che sembra non ammettere repliche. L'ha scritt...

Leggi »
formula 1

Vettel erede di Marko
nel team Red Bull?

L'idea lanciata da Helmut Marko è certamente suggestiva: Sebastian Vettel suo erede all'interno del team Red Bull. Al...

Leggi »
formula 1

Finalmente sono arrivate le
finte dimissioni di Binotto

Sono giorni non facili per il presidente della Ferrari John Elkann che ha appena licenziato il team principal Mattia Binotto,...

Leggi »
1 Ott [20:35]

WSK Open Cup a Lonato
Tutti i risultati del sabato

Il sole è tornato a splendere sul circuito South Garda Karting di Lonato dopo la pioggia di venerdì, e le 36 manches di qualificazione si sono completate in perfetta regolarità per delineare i finalisti della fase conclusiva della quinta edizione della WSK Open Cup in svolgimento al South Garda Karting di Lonato. I maggiori protagonisti fra i 206 piloti provenienti da 48 nazioni sono quindi più che mai pronti alla sfida finale di domenica 2 ottobre, in diretta TV Streaming nel sito wsk.it e su Motorsport.tv dalle ore 10:50 per le Prefinali e dalle ore 14:00 per le 4 Finali che eleggeranno i campioni delle 4 categorie MINI, OKJ, OK e KZ2.

KZ2 – Nelle qualificazioni domina Denner
In KZ2 il francese Emilien Denner (CPB Sport/Sodikart-TM Racing-Vega) domina le qualificazioni, dal miglior tempo in prova all’en-plein di vittorie nelle tre manches della categoria. Alle spalle del francese si inserisce il vincitore dell’edizione 2019 e 2021, Giuseppe Palomba (BirelART Racing/BirelART-TM Racing), autore di ottimi piazzamenti. Ma anche altri validi protagonisti sono pronti a dar battaglia, come il francese Jeremy Iglesias (CRG Racing Team/CRG-TM Racing), il tedesco David Trefilov (Maranello SRP/Maranello-TM Racing), e gli altri due portacolori di CRG, lo svedese Viktor Gustavsson e il finlandese Paavo Tonteri. Tutti decisi a dar battaglia insieme ad altri pretendenti che per varie ragioni per ora sono rimasti attardati.
KZ2, classifica manches: 1. Denner penalità 0; 2. Palomba pen. 10; 3. Iglesias pen. 11; 4. Trefilov pen. 14; 5. Gustavsson pen. 18; 6. Tonteri pen. 21; 7. Stell pen. 27; 8. Putiatin pen. 28.

OK – Cui e Powell in evidenza
Nelle tre manches della OK prevale il cinese Yuanpu Cui (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont) grazie ad una vittoria e due piazzamenti, mentre il suo compagno di squadra, il finlandese Luka Sammalisto, dopo la pole position in prova, per un ritiro nella prima manche è rimasto relegato nelle retrovie anche nelle altre due manches. A risalire invece la classifica è l’altro portacolori di KR Motorsport, il giamaicano Alex Powell, che si piazza secondo dopo le manches. Bene anche lo svedese Oscar Pedersen (Ward Racing/Tony Kart-Vortex), terzo, e Anatoly Khavalkin (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) quarto con la vittoria nella terza manche. L’italiano Sebastiano Pavan (Forza Racing/Exprit-TM Racing) si conferma tra i migliori andando a conquistare la quinta posizione, davanti all’ettone Tomass Stolcermanis (Energy Corse/Energy-TM Racing).
OK, classifica manches: 1. Cui penalità 8; 2. Powell pen. 9; 3. Pedersen pen. 10; 4. Khavalkin pen. 12; 5. Pavan pen. 21; 6. Stolcermanis pen. 22; 7. Bianco pen. 24; 8. Walther pen. 26.

OKJ – Hanna Hernandez in prima posizione
Particolarmente interessante la OKJ, con 60 giovani emergenti e diversi in questa occasione al debutto nella categoria superiore provenienti dalla MINI. La migliore posizione dopo le manches è occupata dal colombiano Salim Hanna Hernandez (Ricky Flynn/LN-Vortex-Vega), seguito dal tedesco Taym Saleh (KR Motorsport/KR-Iame), ambedue con due vittorie, dal polacco Maciej Gladysz (Ricky Flynn Motorsport/LN) che aveva ottenuto la pole position e poi vincitore di una manche ma sempre fra i migliori, e poi dall’australiano Griffin Peebles (Koski Motorsport/Tony kart-Vortex) anche questi con due vittorie. Sono comunque diversi i pretendenti al successo.
OKJ, classifica manches: 1. Hanna Hernandez penalità 9; 2. Saleh pen. 9; 3. Gladysz pen. 10; 4. Peebles pen. 13; 5. Schaufler pen. 14; 6. Helias pen. 16; 7. Ageev 20; 8. Chi pen. 21.

MINI – Kamyab prevale su una moltitudine di giovanissimi
Nelle 15 manches degli 87 giovanissimi che hanno affollato la MINI, prevale l’inglese Roman Kamyab (BabyRace/Parolin-Iame-Vega) con 3 vittorie nelle manches, seguito a pari penalità dall’americano Jack Iliffe (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) con due vittorie. Ottimo il recupero dell’italiano Filippo Sala (Team Driver/KR-Iame) con 2 vittorie, così come quello del suo compagno di squadra, il brasiliano Augustus Toniolo. Si confermano protagonisti anche l’olandese Dean Hoogendoorn (Alonso Kart by Kidix/Alonso Kart-Iame), Vladimir Ivannikov (Gamoto/EKS-TM Racing), il turco Iskender Zulfikari (BabyRace/Parolin-Iame) e l’italiano Ludovico Busso (DR/DR-TM Racing) in evidenza fin dalle prove. Un ritiro pesa nella classifica del romeno Bogdan Cosma Cristofor (BabyRace/Parolin-Iame-Vega) che aveva ottenuto la pole position.
MINI, classifica manches: 1. Kamyab penalità 8; 2. Iliffe pen. 8; 3. Sala pen. 10; 4. Toniolo pen. 11; 5. Hoogendoorn pen. 15; 6. Ivannikov pen. 18; 7. Zulfikari pen. 20; 8. Busso pen. 23.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone
gdlracinggdlhouse