18 Set [12:41]

Sandown, gara
Waters-Stanaway per la tripletta Ford

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Silvano Taormina

Si apre nel segno della Ford l'edizione 2017 della Pirtek Enduro Cup. A sorpresa la Sandown 500 è finita nelle mani di Cameron Waters e Richie Stanaway, entrambi al primo successo nel Supercars Championship. La coppia della Prodrive ha dominato la corsa sin dalle prime battute dopo essersi aggiudicata la pole position grazie al secondo posto di Stanaway nella gara di qualificazione riservata ai guest-driver e alla vittoria di Waters in quella dei titolari. Un dominio netto iniziato con una partenza perfetta da parte del neozelandese, alla quale hanno fatto seguito due stint condotti alla perfezione, e completato da una prova magistrale dell'australiano che nel finale ha tenuto a bada il leader in campionato McLaughlin.

Proprio l'alfiere del DJR Penske, ben coadiuvato da Alex Premat, ha chiuso in scia alla Ford gemella senza tuttavia provare degli affondi decisivi per aggiudicarsi la corsa. Una condotta comprensibile considerando che si sta giocando il titolo e soprattutto che il suo principale rivale Whincup non ha vissuto una delle sue giornate migliori. Una foratura occorsa al suo co-equiper Dumbrell al trentacinquesimo giro, in quel momento in testa per via di una strategia alternativa che li ha visti imbarcare meno carburante durante il primo pit-stop, ha relegato la Commodore del Triple Eight a centro gruppo costringendo Whincup ad una poderosa rimonta fino alla sesta posizione.

Un destino simile è toccato al suo compagno di squadra Van Gisbergen, uno dei pochissimi titolari a prendersi la responsabilità della partenza, bravo a risalire dalla ventesima fila alla zona podio prima di lasciare la vettura a Campbell per la parte centrale della gara. Tornato in pista per gli ultimi due stint, al giro 106 ha sofferto una foratura che lo ha rispedito a fondo classifica. Il podio lo ha così completato un altra Ford Falcon, quella di Mostert e Owen, nonostante una una penalità di cinque secondi rimediata dopo pochi giri per un contatto con Youlden. Positiva la giornata del Garry Rogers Motorsport.

Tander, bravo a sopravanzare Coulthard all'ultimo passaggio, ha conquistato il quarto posto insieme al giovanissimo Golding mentre i loro compagni Moffat-Muscat hanno chiuso poco dietro in settima piazza. Non ha preso parte alla festa della Ford il campione 2015 Winterbottom, solamente decimo, costretto a sgomitare a centro gruppo dopo che il suo co-equiper Canto è stato spedito in testacoda dopo tre curve. Decisamente negativa la giornata della Nissan, in cima alle graduatorie nei primi due turni di libere ma incapace di andare oltre il quindicesimo posto di Kelly e Wall. Va sottolineato che la gara è stata ridotta di una quarantina di giri dopo una lunga interruzione con bandiera rossa causata da un incidente occorso nella tornata iniziale a Douglas al termine della Dandenong Road.

Nello stesso punto il giorno prima Hazelwood è stato protagonista di uno spettacolare incidente, in cui si è ribaltato più volte dopo aver picchiato con il posteriore, che lo ha costretto a chiudere anticipatamente il weekend. Con il secondo posto odierno McLaughlin consolida il primato in campionato nei confronti di Whincup in vista della Bathurst 1000.

Domenica 17 settembre, gara

1 - Waters/Stanaway (Ford Falcon) - Prodrive - 125 giri 3.31'35''785
2 - McLaughlin/Premat (Ford Falcon) - DJR Penske - 0''675
3 - Mostert/Owen (Ford Falcon) - Nash - 22''575
4 - Tander/Golding (Holden Commodore) - GRM - 27''167
5 - Coulthard/D'Alberto (Ford Falcon) - DJR Penske - 27''720
6 - Whincup/Dumbrell (Holden Commodore) - Triple Eight - 36''395
7 - Moffat/Muscat (Holden Commodore) - GRM - 37''339
8 - Holdsworth/Reindler (Holden Commodore) - Schwerkolt - 38''776
9 - Slade/Walsh (Holden Commodore) - BJR - 42''519
10 - Winterbottom/Canto (Ford Falcon) - Prodrive - 43''940
11 - Courtney/Perkins (Holden Commodore) - Walkinshaw - 47''230
12 - Lowndes/Richards (Holden Commodore) - Triple Eight - 57''637
13 - Davison/Webb (Holden Commodore) - Tekno - 1'09''604
14 - Wood/Pither (Holden Commodore) - Erebus - 1 giro
15 - R. Kelly/Wall (Nissan Altima) - Kelly Racing - 1 giro
16 - Van Gisbergen/Campbell (Holden Commodore) - Triple Eight - 1 giro
17 - Bright/Jacobson (Ford Falcon) - Britek - 1 giro
18 - T. Kelly/Le Brocq (Nissan Altima) - Kelly Racing - 1 giro
19 - Reynolds/Youlden (Holden Commodore) - Erebus - 1 giro
20 - De Silvestro/D.Russell (Nissan Altima) - Kelly Racing - 1 giro
21 - Caruso/Fiore (Nissan Altima) - Kelly Racing - 2 giri
22 - Pye/Luff (Holden Commodore) - Walkinshaw - 12 giri
23 - Percat/Jones (Holden Commodore) - BJR - 16 giri

Giro più veloce: Chaz Mostert 1'09''228

Ritirati
43° giro - Rullo/A. Davison
1° giro - A. Russell/Douglas

Non partiti
Blanchard/Hazelwood

Il campionato
1. McLaughlin 2334; 2. Whincup 2250; 3. Coulthard 2173; 4. Mostert 2052; 5. Van Gisbergen 1920; 6. Winterbottom 1671; 7. Tander 1608; 8. Lowndes 1590; 9. Waters 1564; 10. Reynolds 1503.

La Pirtek Enduro Cup
1. Waters, Stanaway 300; 2. McLaughlin, Premat 276; 3. Mostert, Owen 258; 4. Tander, Golding 240; 5. Coulthard, D'Alberto 222.

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone