GT Internazionale

IGTC – 12 Ore di Bathurst
Vittoria al cardiopalma per Mercedes

Michele Montesano Con il trionfo nella 12 Ore di Bathurst Jules Gounon, Luca Stolz e Kenny Habul hanno aperto la stagione 2...

Leggi »
formula 1

Verstappen, il simulatore nel motorhome
“Lo userò dopo le sessioni in pista”

Helmut Marko l’aveva sparata grossa negli scorsi giorni, affermando che Max Verstappen avrebbe fatto installare un simulatore...

Leggi »
indycar

Alla scoperta di Thermal Club
La città morta e il Coachella Festival

Marco Cortesi‍La scelta del circuito di Thermal Club, in California, per i test collettivi dell'IndyCar ha destato molta ...

Leggi »
World Endurance

ByKolles perde la causa contro
Sanderson, a rischio il marchio Vanwall

Michele Montesano Per la Vanwall la presenza nel FIA WEC si sta rivelando sempre più una corsa a ostacoli. La ByKolles, str...

Leggi »
formula 1

La Red Bull mostra a
New York la livrea della RB19

La presentazione della nuova Red Bull? No, la RB19 non c'era e la vedremo forse in un filming day a Silverstone o diretta...

Leggi »
formula 1

La Ford ritorna nel Mondiale F1
Sarà il motorista della Red Bull

Pochi istanti prima della presentazione della Red Bull 2023, è arrivato l'annuncio ufficiale del ritorno in Formula 1 del...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
27 Nov [21:44]

Jeddah - Gara 2
Magnus vince e chiude un capitolo

Michele Montesano

Tagliando per primo il traguardo del tracciato cittadino di Jeddah, Gilles Magnus ha vinto l’ultima manche del Mondiale Turismo. Dopo 5 stagioni e 108 gare, in Arabia Saudita è definitivamente calato il sipario sul
WTCR che abbiamo imparato a conoscere e apprezzare in questi anni. Chiuso questo capitolo, al termine di una stagione a dir poco tumultuosa, è già l’ora di voltare pagina con il nuovo TCR World Tour che a breve svelerà il suo calendario.

Attila Tassi questa volta non ha tentennato e allo spegnimento dei semafori ha mantenuto saldamente la prima posizione. Scattato dalla seconda piazzola, Esteban Guerrieri ha provato a sopravanzare l’ungherese arrivando a ruote fumanti alla prima staccata del secondo passaggio, per poi finire in testacoda nelle vie di fuga. Nicky Catsburg ha così ereditato la seconda posizione incalzato da Franco Girolami e Magnus, lesti a scalzare il compagno di squadra Viktor Davidovski allo start.


Nel corso del terzo giro proprio l’argentino del Comtoyou Racing, nel tentativo di sorpassare Catsburg, è arrivato al bloccaggio alla prima curva centrando in pieno l’incolpevole Tassi che, a sua volta, ha tamponato la Hyundai dell’olandese. Tutti e tre i piloti coinvolti nel rovinoso groviglio sono stati costretti al ritiro. Ad approfittarne è stato Magnus, balzato al comando seguito dal team mate Davidovski e da Mikel Azcona. Il neo campione WTCR ha provato a sopravanzare il portacolori del Comtoyou Racing ma, dopo vari tentativi, ha dovuto desistere accettando di dover festeggiare il titolo con la conquista dell’ultimo podio stagionale.

Con le posizioni di vertice congelare, e Norbert Michelisz saldamente al quarto posto, ad infiammare la gara ci hanno pensato Rob Huff e Nathanaël Berthon. I due piloti hanno dato spettacolo duellando strenuamente sul cittadino di Jeddah. L’inglese ha dato fondo a tutta la sua esperienza per bloccare gli attacchi del francese, a sua volta obbligato a superare Huff per conquistare il secondo posto nella classifica mondiale. Berthon ha dapprima provato l’affondo al quindicesimo passaggio superando la Cupra, salvo poi tagliare la chicane e restituire la posizione. La gara dell’alfiere del Comtoyou Racing è però finita mestamente nel corso del diciassettesimo giro. Berthon ha infilato Huff nell’ultima curva calcolando male gli spazi, il contatto è stato inevitabile con l’Audi RS3 LMS che ci ha rimesso la sospensione anteriore destra. La vettura, rimasta ferma in traiettoria, ha obbligato l’ingresso della safety car neutralizzando la gara fino all’esposizione della bandiera a scacchi.

Huff ha così conquistato la top 5 seguito dal diretto rivale nel WTCR Trophy Tom Coronel. Con il secondo posto di campionato in cassaforte, Nestor Girolami ha lasciato sfilare Daniel Nagy poco prima che la gara venisse neutralizzata. Settimo, l’ungherese ha coronato una bella rimonta cancellando il pessimo avvio. A chiudere la top 10 Tiago Monteiro e Ahmed Khaled BinKhanen. Fanalino di coda Guerrieri costretto a ripartire dal fondo dopo l’errore commesso al secondo giro.

Domenica 27 novembre 2022, gara 2

1 - Gilles Magnus (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 22 giri
2 - Viktor Davidovski (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 0"464
3 - Mikel Azcona (Hyundai Elantra N) - BRC - 0"932
4 - Norbert Michelisz (Hyundai Elantra N) - BRC - 1"314
5 - Rob Huff (Cupra Leon Competición) - Zengő - 1"570
6 - Tom Coronel (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 1"788
7 - Dániel Nagy (Cupra Leon Competición) - Zengő - 2"217
8 - Néstor Girolami (Honda Civic TypeR) - Münnich - 3"030
9 - Tiago Monteiro (Honda Civic TypeR) - Engstler - 3"621
10 - Ahmed Khaled BinKhanen (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 5"057
11 - Esteban Guerrieri (Honda Civic TypeR) - Münnich - 6"309

Giro più veloce: Gilles Magnus 1'16"986

Ritirati
Nathanaël Berthon (Audi RS3 LMS) - Comtoyou
Franco Girolami (Audi RS3 LMS) - Comtoyou
Attila Tasi (Honda Civic TypeR) - Engstler
Nicky Catsburg (Hyundai Elantra N) - BRC

Il campionato
1.Azcona 337 punti; 2.Girolami 254; 3.Berthon 240; 4.Michelisz 222; 5.Magnus 210; 6.Huff 210; 7.Guerrieri 149; 8.Urrutia 137; 9.Ehrlacher 133; 10.Coronel 115.

27 Nov [19:24]

Jeddah - Gara 1
Berthon mette la seconda

Michele Montesano

Successo mai messo in discussione quello conquistato da Nathanaël Berthon a Jeddah. Scattato dalla pole di gara 1, il francese ha gestito alla perfezione il margine nei confronti degli inseguitori capitanati dalla Hyundai di Norbert Michelisz. L’alfiere del Comtoyou Racing è inoltre riuscito a sfruttare il BoP favorevole della sua Audi per involarsi verso la seconda vittoria stagionale, dopo il successo casalingo ottenuto ad Anneau du Rhin.

Complice il minor peso rispetto le altre vetture (1245 kg alla bilancia), le RS3 LMS sono state imprendibili sui lunghi rettilinei del cittadino di Jeddah. Dopo l’ingresso della safety car, per via dello stallo in partenza da parte di Attila Tassi, Berthon ha incrementato il distacco su Michelisz nella prima parte di gara. L’ungherese ha poi cercato di ricucire il gap nei confronti del leader chiedendo troppo agli pneumatici. Così, nelle ultime tornate, l’alfiere del BRC Hyundai si è dovuto difendere da un arrembante Franco Girolami. Il neo campione del TCR Europe in più di un’occasione ha provato ad infilare il muso della sua Audi davanti alla Elantra N, ma Michelisz ha prontamente rintuzzato gli attacchi fino all’ultima curva. Persa la battaglia, l’argentino ha infine lasciato passare il compagno di squadra Tom Coronel per permettergli di conquistare il gradino più basso del podio.


Costretto a percorrere la traiettoria esterna allo start, Mikel Azcona si è ritrovato in sesta posizione all’uscita della prima curva. Il fresco campione del WTCR non si è perso d’animo e ha iniziato una lotta serrata contro Gilles Magnus culminata con un contatto al venticinquesimo giro. Fortunatamente entrambe le vetture non hanno riportato danni e Azcona, per evitare sanzioni nel post gara, ha restituito la quinta posizione a Magnus. Nonostante un problema con l’anteriore sinistra, Nicky Catsburg è riuscito a difende il settimo posto fin sotto la bandiera a scacchi da Viktor Davidovski. Nono Rob Huff già matematicamente vincitore del WTCR Trophy, il campionato riservato alle squadre indipendenti.

È culminata con la conquista della decima piazza la rimonta di Nestor Girolami. Costretto a partire dal fondo, a causa della penalità per aver terminato la qualifica con poca benzina a bordo, l’argentino nel corso del secondo giro era già risalito in undicesima posizione. Ancora una volta è intervenuto Esteban Guerrieri che, da perfetto uomo squadra, ha permesso al connazionale del Münnich Motorsport di entrare in top 10. Dodicesimo Ahmed Khaled BinKhanen, il pilota saudita si è tolto la soddisfazione di precedere le due Honda Civic dell’Engstler Motorsport di Tiago Monteiro e Tassi.

Domenica 27 novembre 2022, gara 1

1 - Nathanaël Berthon (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 28 giri
2 - Norbert Michelisz (Hyundai Elantra N) - BRC - 1"869
3 - Tom Coronel (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 4"573
4 - Franco Girolami (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 5"758
5 - Gilles Magnus (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 9"430
6 - Mikel Azcona (Hyundai Elantra N) - BRC - 10"054
7 - Nicky Catsburg (Hyundai Elantra N) - BRC - 15"311
8 - Viktor Davidovski (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 15"616
9 - Rob Huff (Cupra Leon Competición) - Zengő - 16"576
10 - Néstor Girolami (Honda Civic TypeR) - Münnich - 28"840
11 - Esteban Guerrieri (Honda Civic TypeR) - Münnich - 29"661
12 - Ahmed Khaled BinKhanen (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 37"052
13 - Tiago Monteiro (Honda Civic TypeR) - Engstler - 40"153
14 - Attila Tasi (Honda Civic TypeR) - Engstler - 5 giri

Giro più veloce: Nathanaël Berthon 1'17"052

Ritirati
Dániel Nagy (Cupra Leon Competición) - Zengő

Il campionato
1.Azcona 317 punti; 2.Girolami 245; 3.Berthon 240; 4.Michelisz 206; 5.Huff 197; 6.Magnus 185; 7.Guerrieri 142; 8.Urrutia 137; 9.Ehrlacher 133; 10.Bennani 112.

26 Nov [18:24]

Jeddah - Qualifica
Azcona campione, a Berthon la pole

Michele Montesano

A Mikel Azcona è bastata la sessione di qualifica del sabato per laurearsi campione 2022 del WTCR. Sul tracciato cittadino di Jeddah, lo spagnolo della Hyundai ha siglato il secondo miglior crono assoluto che gli ha permesso di essere incoronato nuovo campione del Mondiale Turismo. Trionfo anche per i colori italiani, con il BRC Hyundai N Squadra Corse che ha conquistato il titolo riservato ai team. Non è riuscita la disperata rimonta di Nestor Girolami, ancora una volta il maggior peso della Honda Civic Type R ha costretto l’argentino nelle retrovie.

A svettare nelle ultime qualifiche stagionali, e della storia, del WTCR è stato Nathanaël Berthon (nella foto sotto). Già al vertice nelle seconde prove libere, il francese del Comtoyou Racing ha battuto per un solo decimo Norbert Michelisz nel giro secco del Q3. Terzo crono per il neo campione Azcona che in gara 1 scatterà dalla seconda fila assieme a Tom Coronel. Brividi per lo spagnolo nel Q1 quando ha accusato un problema alla pedaliera della sua Elantra N, poi prontamente risolto dagli uomini del BRC. Solamente quinta l’altra Audi RS3 LMS di Gilles Magnus. Staccato a più di 3 decimi dal poleman e compagno di squadra Berthon, il belga ha commesso una sbavatura già nel primo settore compromettendo il suo giro veloce.



Per soli 66 millesimi Franco Girolami è stato il primo a non superare la tagliola del Q2. Settimo crono per la wild card Nicky Catsburg, l’alfiere Hyundai non è riuscito ad essere incisivo come in Bahrain. A seguire Esteban Guerrieri, il più rapido al volante delle Honda Civic Type R nonostante un BoP (Balance of Performance) nettamente sfavorevole sui lunghi rettilinei di Jeddah. A completare la top 10 Viktor Davidovski e Attila Tassi, quest’ultimo scatterà dalla prima posizione in gara 2 per via dell’inversione della griglia.

Undicesimo crono per il rientrante Rob Huff, reduce dal successo di Macao nella gara riservata alle Turismo. Costantemente a centro classifica, Nestor Girolami ha tentato il tutto per tutto montando anche un treno di gomme nuove per l’assalto finale del Q2. La missione non è riuscita e l’argentino del Münnich Motorsport, dopo aver siglato il dodicesimo tempo, ha dovuto definitamente sotterra l’ascia di guerra parcheggiando la sua vettura a bordo pista. Tredicesimo Daniel Nagy che ha preceduto il pilota locale Ahmed Khaled BinKhanen e Tiago Monteiro.

Sabato 26 novembre 2022, qualifiche

1 - Nathanaël Berthon (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 1'16"362 (Q3)
2 - Norbert Michelisz (Hyundai Elantra N) - BRC - 1'16"469 (Q3)
3 - Mikel Azcona (Hyundai Elantra N) - BRC - 1'16"512 (Q3)
4 - Tom Coronel (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 1'16"564 (Q3)
5 - Gilles Magnus (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 1'16"681 (Q3)
6 - Franco Girolami (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 1'16"445 (Q2)
7 - Nicky Catsburg (Hyundai Elantra N) - BRC - 1'16"589 (Q2)
8 - Esteban Guerrieri (Honda Civic TypeR) - Münnich - 1'16"740 (Q2)
9 - Viktor Davidovski (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 1'16"752 (Q2)
10 - Attila Tasi (Honda Civic TypeR) - Engstler - 1'16"767 (Q2)
11 - Rob Huff (Cupra Leon Competición) - Zengő - 1'16"767 (Q2)
12 - Néstor Girolami (Honda Civic TypeR) - Münnich - 1'16"914 (Q2)
13 - Dániel Nagy (Cupra Leon Competición) - Zengő - 1'17"065 (Q1)
14 - Ahmed Khaled BinKhanen (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 1'17"309 (Q1)
15 - Tiago Monteiro (Honda Civic TypeR) - Engstler - 1'17"708 (Q1)

Il campionato
1.Azcona 305 punti; 2.Girolami 237; 3.Berthon 210; 4.Huff 187; 5.Michelisz 183; 6.Magnus 171; 7.Urrutia 137; 8.Guerrieri 135; 9.Ehrlacher 133; 10.Bennani 112.

12 Nov [10:23]

Sakhir, gara 2
Michelisz vince, Azcona prenota il titolo

Michele Montesano

In Bahrain è proseguito il weekend trionfale del BRC Hyundai N Squadra Corse. Gara 2 è andata al campione 2019 del WTCR Norbert Michelisz che ha così potuto festeggiare la sua prima vittoria stagionale. Grazie alla wild card Nicky Catsburg, al debutto con la Elantra N, il team italiano ha centrato anche il gradino più basso del podio. Autore del quarto posto finale, Mikel Azcona vede sempre più vicino il titolo piloti del Mondiale Turismo.

La partenza ha visto lo scontro fratricida fra le Audi del Comtoyou Racing. Il poleman Mehdi Bennani è stato centrato da Gilles Magnus scivolando nelle retrovie. Inoltre nel groviglio iniziale è rimasta coinvolta anche la RS3 LMS di Franco Girolami, tamponata poi da Attila Tassi. Esteban Guerrieri ne ha prontamente approfittato guadagnando le redini della gara seguito proprio da Michelisz. L’ungherese ha dapprima studiato l’argentino della Honda, per poi sferrare l’attacco decisivo alla prima staccata del quinto giro. Terminata la manovra del sorpasso, Michelisz si è involato verso la vittoria seguito a debita distanza da Guerrieri.

Ha chiuso al terzo posto il rientrante Catsburg, bravo a trovare immediatamente il giusto feeling con la Elantra N. Risalito in sesta piazza già al termine del primo giro, Azcona ha duellato con il diretto contendente al titolo Nestor Girolami prima di avere la meglio al terzo passaggio. Lo spagnolo ha poi approfittato dei 5” di penalità comminati a Nathanaël Berthon, reo di aver effettuato una manovra di sorpasso oltrepassando i track limits, per terminare la gara in quarta posizione. Scattato dalla tredicesima piazzola, Tom Coronel si è reso protagonista di una spettacolare rimonta culminata al sesto posto.

Ancora una volta Nestor Girolami ha faticato a contenere gli attacchi delle Audi. Il pilota Honda del Münnich Motorsport si è visto sfilare dapprima dal fratello Franco, al debutto nel WTCR, e poi dal marocchino Bennani proprio nel corso dell’ultimo giro. Seppur staccato di 60 punti dal leader Azcona, il nono posto finale permette di mantenere Girolami ancora in lizza per la conquista del titolo. Autore di una gara accorta, Daniel Nagy ha portato in top 10 la Cupra gestita dallo Zengo Motorsport.

Sabato 12 novembre 2022, gara 2

1 - Norbert Michelisz (Hyundai Elantra N) - BRC - 13 giri
2 - Esteban Guerrieri (Honda Civic TypeR) - Münnich - 1"046
3 - Nicky Catsburg (Hyundai Elantra N) - BRC - 3"677
4 - Mikel Azcona (Hyundai Elantra N) - BRC - 7"811
5 - Nathanaël Berthon (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 12"632*
6 - Tom Coronel (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 13"958
7 - Franco Girolami (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 15"776
8 - Mehdi Bennani (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 24"353
9 - Néstor Girolami (Honda Civic TypeR) - Münnich - 24"739
10 - Dániel Nagy (Cupra Leon Competición) - Zengő - 24"975
11 - Bence Boldizs (Cupra Leon Competición) - Zengő - 25"616
12 - Tiago Monteiro (Honda Civic TypeR) - Engstler - 27"266
13 - Viktor Davidovski (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 2 giri

* 5" di penalità

Giro più veloce: Norbert Michelisz 2'11"605

Ritirati
Attila Tasi (Honda Civic TypeR) - Engstler
Gilles Magnus (Audi RS3 LMS) - Comtoyou

Il campionato
1.Azcona 297 punti; 2.Girolami 237; 3.Berthon 200; 4.Huff 187; 5.Michelisz 179; 6.Magnus 165; 7.Urrutia 137; 8.Guerrieri 135; 9.Ehrlacher 133; 10.Bennani 112.

11 Nov [18:47]

Sakhir, gara 1
Azcona-Michelisz nel dominio Hyundai

Michele Montesano

Dimostrazione di forza da parte del BRC Hyundai N Squadra Corse in Bahrain. Sul circuito del Shakir, il team di Cherasco ha messo a segno una perentoria doppietta dominando gara 1 dall’inizio fin sotto la bandiera a scacchi. Il vincitore Mikel Azcona è stato scortato per tutte e 15 le tornate da Norbert Michelisz, bravissimo a rivestire il ruolo di scudiero. Il terzo posto finale sa invece di occasione sprecata per il portacolori del Comtoyou Racing Nathanaël Berthon.

Allo spegnimento dei semafori, il poleman Azcona ha gestito l’allungo verso la prima staccata. Mentre Michelisz ha sfruttato la pessima partenza di Berthon, colpevole di aver fatto patinare gli pneumatici della sua Audi RS3 LMS, per guadagnare la seconda posizione anche ai danni di Nestor Girolami. Le 2 Hyundai hanno subito guadagnato il margine nei confronti degli inseguitori involandosi indisturbate verso la vittoria. Azcona ha così incassato il quarto successo stagionale seguito dal campione WTCR 2019 a coprirgli le spalle.

Scivolato in quinta posizione al termine del primo giro, Berthon si è reso protagonista di una furiosa rimonta. Complice l’ottima trazione dell’Audi, il francese ha superato dapprima Attila Tassi, in bagarre con Mehdi Bennani, per poi sopravanzare Girolami e agguantare il gradino più basso del podio. Seppur quarto al traguardo, Tom Coronel è stato penalizzato di 5” per aver spinto fuori pista Tassi scivolando così in sesta posizione. Na hanno approfittato Girolami, bravo a gestire la Honda Civic appesantita da un’eccessiva zavorra, e Nicky Catsburg. Colpito nelle prime curve da Franco Girolami, poi sanzionato di 10” a fine gara, l’olandese ha stretto i denti portando la sua Hyundai Elantra N in quinta piazza.

Settimo, e leggermente più staccato, Bennani che nelle ultime tornate ha dovuto resistere al tenace pressing di Esteban Guerrieri. È toccato a Tassi e all’esordiente Viktor Davidovski chiudere la top 10. Il team Zengo Motorsport ha preferito far partire i suoi piloti dalla pitlane, evitando così i possibili contatti della partenza, gli ungheresi Dániel Nagy e Bence Boldizs hanno quindi terminato rispettivamente all’undicesimo e tredicesimo posto. Gara decisamente sfortunata per Gilles Magnus. Partito dal fondo, per aver sostituito il propulsore della sua Audi, il belga è stato costretto al ritiro dopo essere stato tamponato nel corso del primo giro.

Venerdì 11 novembre 2022, gara 1

1 - Mikel Azcona (Hyundai Elantra N) - BRC - 15 giri
2 - Norbert Michelisz (Hyundai Elantra N) - BRC - 1"955
3 - Nathanaël Berthon (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 3"443
4 - Néstor Girolami (Honda Civic TypeR) - Münnich - 9"193
5 - Nicky Catsburg (Hyundai Elantra N) - BRC - 10"291
6 - Tom Coronel (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 11"336*
7 - Mehdi Bennani (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 12"247
8 - Esteban Guerrieri (Honda Civic TypeR) - Münnich - 14"605
9 - Attila Tasi (Honda Civic TypeR) - Engstler - 19"527
10 - Viktor Davidovski (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 20"006
11 - Dániel Nagy (Cupra Leon Competición) - Zengő - 20"503
12 - Tiago Monteiro (Honda Civic TypeR) - Engstler - 26"817
13 - Bence Boldizs (Cupra Leon Competición) - Zengő - 27"269
14 - Franco Girolami (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 28"993**

* 5" di penalità
** 10" di penalità

Giro più veloce: Norbert Michelisz 2'11"155

Ritirati
Gilles Magnus (Audi RS3 LMS) - Comtoyou

Il campionato
1.Azcona 281 punti; 2.Girolami 228; 3.Huff 187; 4.Berthon 187; 5.Magnus 165; 6.Michelisz 154; 7.Urrutia 137; 8.Ehrlacher 133; 9.Guerrieri 115; 10.Bennani 102.

11 Nov [12:10]

Sakhir, qualifiche
Azcona inarrestabile

Michele Montesano

Dopo una lunghissima pausa, e l’annunciata
chiusura della serie, il WTCR è tornato a riaccendere i motori per gli ultimi 2 eventi stagionali, oltre che della sua pur breve storia. Tutto si era fermato all’inizio di agosto sul tracciato francese di Anneau du Rhin, al culmine di un fine settimana che aveva visto il ritiro, con effetto immediato dal campionato, del costruttore Lynk & Co. Toccherà quindi alla doppia trasferta medio orientale del Bahrain e dell’Arabia Saudita fare da titoli di coda al Mondiale Turismo.

Proprio sul circuito di Sakhir sono andate in scena le qualifiche che hanno visto salire in cattedra il leader di campionato Mikel Azcona. L’alfiere di Hyundai BRC ha messo a segno una prestazione perfetta chiudendo al primo posto in tutte le sessioni di qualifica. Il merito va dato anche a Norbert Michelisz che, in più di un’occasione, ha offerto la scia al suo compagno di squadra. Autore di una guida chirurgica, Nathanaël Berthon ha portato l’Audi RS3 LMS al secondo posto nel Q3 candidandosi come un temibile avversario per lo spagnolo.

Terzo crono per Nestor Girolami che, nonostante un terzo settore perfetto, ha pagato a caro prezzo una sbavatura nelle prime curve. Nonostante la Honda Civic Type R sia la vettura più pesante del lotto, il passo corto ha permesso all’argentino di destreggiarsi al meglio nel settore più guidato. A chiudere la top 5 le Hyundai Elantra N di Michelisz e Nicky Catsburg. Proprio l’olandese, all’esordio sulla vettura coreana, si è visto cancellare il giro veloce nel Q3 per aver oltrepassato i track limits.



Per un solo millesimo, Attila Tassi è stato il primo pilota ed essere eliminato nel Q2 dovendosi accontentare del sesto posto. A seguire l’Audi di Gilles Magnus e la Honda di Esteban Guerrieri, con quest’ultimo messo sotto investigazione per aver ostacolato Franco Girolami nel suo giro veloce. Proprio il fresco campione del TCR Europe, al debutto nel WTCR con l’Audi del Comtoyou Racing, ha siglato il nono tempo che gli varrà come partenza dalla prima fila in gara 1 al fianco del compagno di squadra Mehdi Bennani (grazie all’inversione della top 10).

Il team Zengo Motorsport ha pagato a caro prezzo l’assenza di Rob Huff, costretto a dare forfait negli ultimi 2 eventi del WTCR per mancanza di budget. Daniel Nagy e Bence Boldizs hanno portato le 2 Cupra Leon Competition rispettivamente all’undicesimo e al dodicesimo posto. A chiudere lo schieramento gli esperti Tom Coronel e Tiago Monteiro, eliminati nel Q1. Fanalino di coda l’esordiente, nonché campione del Diamond Trophy nel TCR Europe, Viktor Davidovski.

Venerdì 11 novembre 2022, qualifiche

1 - Mikel Azcona (Hyundai Elantra N) - BRC - 2'11"061 (Q3)
2 - Nathanaël Berthon (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 2'11"175 (Q3)
3 - Néstor Girolami (Honda Civic TypeR) - Münnich - 2'11"221 (Q3)
4 - Norbert Michelisz (Hyundai Elantra N) - BRC - 2'11"422 (Q3)
5 - Nicky Catsburg (Hyundai Elantra N) - BRC - Senza tempo (Q3)
6 - Attila Tasi (Honda Civic TypeR) - Engstler - 2'11"505 (Q2)
7 - Gilles Magnus (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 2'11"697 (Q2)
8 - Esteban Guerrieri (Honda Civic TypeR) - Münnich - 2'11"811 (Q2)
9 - Franco Girolami (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 2'11"997 (Q2)
10 - Mehdi Bennani (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 2'12"019 (Q2)
11 - Dániel Nagy (Cupra Leon Competición) - Zengő - 2'12"360 (Q2)
12 - Bence Boldizs (Cupra Leon Competición) - Zengő - 2'12"730 (Q2)
13 - Tom Coronel (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 2'12"541 (Q1)
14 - Tiago Monteiro (Honda Civic TypeR) - Engstler - 2'12"681 (Q1)
15 - Viktor Davidovski (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 2'13"058 (Q1)

4 Nov [11:27]

Comtoyou schiera altre due Audi per
Girolami e Davidovski nelle ultime gare

Michele Montesano

Comtoyou Racing ha deciso di aumentare la sua potenza di fuoco per gli ultimi appuntamenti stagionali del WTCR. In Bahrain e in Arabia Saudita il team belga infatti schiererà altre 2 Audi RS3 LMS, una per il campione del TCR Europe Franco Girolami e l’altra per il suo compagno di squadra Viktor Davidovski. I 2 piloti andranno così ad affiancare i titolari Gilles Magnus, Nathanaël Berthon, Tom Coronel e Mehdi Bennani.

Fresco vincitore del TCR Europe con la squadra belga, Girolami farà il salto nel Mondiale Turismo come giusto premio al termine di una stagione letteralmente dominata. L’argentino inoltre incrocerà le armi con suo fratello Nestor, pilota ufficiale del team Honda Münnich Motorsport. Per quanto riguarda Davidovski, campione del Diamond Trophy sempre nel campionato Europeo Turismo, sarà l’occasione per esordire nel WTCR nonostante le sue 42 primavere. Correndo come wild card, sia l’argentino che il macedone saranno costretti a trasportare 10 kg di zavorra aggiuntiva, inoltre saranno trasparenti ai fini della classifica generale.

L’operazione coincide con il programma di espansione da parte del Comtoyou Racing che, a partire dalla prossima stagione, schiererà 3 Audi R8 LMS GT3 nel Fanatec GT World Challenge Europe. È da vedere in quest’ottica anche la partecipazione del team svedese Lestrup Racing, già attivo nell’STCC (il campionato Svedese Turismo), nel supportare le RS3 TCR di Girolami e Davidovski nelle ultime gare del WTCR. Tale decisione, a detta di François Verbist Team Manager di Comtoyou, è per far acquisire esperienza internazionale ai team clienti di Audi Sport.

18 Ott [11:42]

Catsburg torna con Hyundai BRC
per gli ultimi due eventi stagionali

Michele Montesano

Nicky Catsburg farà il suo ritorno nel WTCR per gli ultimi due round stagionali in Bahrain e Arabia Saudita. L’olandese si calerà nell’abitacolo della Hyundai Elantra N per rivestire il ruolo di gregario di lusso. Infatti il trentaquattrenne, esperto di ruote coperte, sarà chiamato a supportare il team BRC Racing e il leader di campionato Mikel Azcona nella conquista di entrambi i titoli mondiali.

Per Catsburg si tratta di un ritorno a casa, infatti nel 2019 ha disputato il Mondiale Turismo proprio fra le fila del BRC terminando il campionato al tredicesimo posto. L’anno successivo, a causa di altri impegni sportivi, l’olandese ha preso parte ad un programma limitato con l’Engstler Motorpsort conquistando una vittoria sul tracciato dello Slovakiaring. Sempre fedele alla Hyundai, quest’anno invece si è cimentato nel FIA ETCR dividendo la Veloster N con Kevin Ceccon.

“Conosco bene sia la serie che la squadra – ha detto Catsburg – essere il pilota chiamato per far parte di questa fase cruciale del campionato mi rende orgoglioso. Sia quello del Bahrain che dell’Arabia Saudita saranno due circuiti nuovi per quasi tutti i piloti. Nonostante non abbia mai guidato la Hyundai Elantra N, sono fiducioso di poter trovare subito il passo giusto e di poter aiutare la squadra”.

Gabriele Rizzo, Team Principal del team BRC, si è detto soddisfatto di poter ampliare la formazione per le ultime quattro gare del campionato: “L’aggiunta della terza Hyundai è decisamente importante per la squadra poiché miriamo a concludere la stagione del WTCR con ottimi risultati. Sia Azcona che Michelisz hanno fatto un lavoro fantastico durante tutto l’anno battendosi contro squadre più grandi. Catsburg sarà fondamentale per aiutarci nelle ultime gare, già in passato ha dimostrato di essere molto competitivo nella serie e di sapersi adattare velocemente alle nuove sfide”.

14 Ott [12:45]

Il WTCR chiuderà i battenti a fine anno
Al vaglio nuovi format per il 2023

Michele Montesano

Il Bahrain e l’Arabia Saudita saranno le ultime gare del WTCR. La FIA ha annunciato che, al termine dell’attuale stagione, il Mondiale Turismo cesserà di esistere nel format che abbiamo imparato a conoscere e ad apprezzare. La serie riservata alle ruote coperte dopo 5 stagioni e 108 gare chiuderà i battenti. Tuttavia il Promoter Discovery Sports Events, in concerto con FIA e WSC (detentore dei diritti del TCR), ha già annunciato che la categoria non cesserà di esistere, bensì vedrà un nuovo format che verrà svelato a tempo debito.

Nel panorama mondiale del motorsport il WTCR è senza dubbio la categoria che ha subito maggiormente la flessione, e la relativa crisi, dovuta alla pandemia del COVID-19. Gare annullate per problemi logistici, calendari rimaneggiati più volte e anche in corso d’opera, scelta di circuiti non di primo livello e infine i numerosi problemi emersi con gli pneumatici Goodyear in questa stagione. Proprio la questione gomme è stata la fatidica goccia che ha fatto traboccare il vaso, con il ritiro da parte delle
Lynk & Co che ha portato la griglia a sole 16 vetture.

Alan Gow, presidente della FIA Touring Car Commission, ha affermato che si effettuerà una valutazione approfondita sulla categoria: “C’è bisogno di identificare e valutare quale sarà il futuro migliore e più sostenibile per le corse Turismo. Il nostro obiettivo è quello di mantenere un titolo mondiale per le vetture a propulsione endotermica, attualmente stiamo valutando tutte le opzioni. Già nel corso della sua storia il Mondiale Turismo si è svolto sia in campionati che in eventi singoli”.

Toccherà ora a Discovery Sports Events cercare di sbrogliare la matassa, visto che proprio lo scorso anno l’azienda aveva firmato un accordo con la FIA per gestire l’immagine del WTCR fino al 2025. A tal proposito François Ribeiro, responsabile di DSE, ha cercato di delineare un futuro a breve termine: “L’accordo con la FIA prevedeva un opzione per le prossime stagioni che abbiamo deciso di non rinnovare. Tale scelta ci permetterà di lavorare allo sviluppo di un nuovo format per garantire un futuro al WTCR. Un evento annuale una tantum potrà aiutare la prosecuzione della categoria”.

Ribeiro ha tenuto a precisare che il futuro del FIA ETCR è decisamente più roseo: “Non cambierà nulla per l’ETCR che nel 2023 continuerà ad avere la titolazione di Coppa del Mondo FIA. Il campionato riservato alle auto da Turismo elettriche rivestirà un ruolo fondamentale per Discovery Sports Events”.

Con oltre 1000 vetture impegnate in tutto il globo e disseminate in numerosi campionati nazionali, regionali e continentali, la TCR è una delle categorie del motorsport più riuscita. Ma il WTCR, dopo le prime 2 stagioni in cui si sono registrate griglie da quasi tutto esaurito, negli ultimi anni ha stentato a decollare e mantenere il giusto appeal. Inoltre, la concorrenza interna del FIA ETCR ha di fatto creato una lotta fratricida che ha colpito duramente le vetture endotermiche.

1 Set [13:05]

Bahrain e Arabia Saudita ospiteranno
le ultime gare della stagione 2022

Michele Montesano

Finalmente è arrivato il tanto atteso annuncio sul prosieguo della difficile stagione 2022 del WTCR. A completare il calendario del Mondiale Turismo saranno il Bahrain e l’Arabia Saudita che subentrano così alle tappe asiatiche,
cancellate in precedenza per via delle restrizioni di viaggio a causa del Covid-19. Il penultimo round si terrà sul circuito nei pressi di Manama dal 10 al 12 novembre, per l’occasione in concomitanza con l’ultima gara del FIA WEC. Mentre l’ultimo atto della stagione 2022 si svolgerà nel fine settimana del 27 novembre sul cittadino di Jeddah, teatro del GP di Formula 1, con due gare in notturna.

Alan Gow, presidente della FIA Touring Car Commission, ha affermato: “Avere due sedi di livello mondiale, quali il Bahrain International Circuit e il Jeddah Corniche Circuit, nel calendario del WTCR è sicuramente uno sviluppo positivo per la serie. Sarà interessante correre anche nello stesso weekend del FIA WEC in Bahrain. Nonostante le ovvie differenze fra le vetture, e nella durata delle gare, le Turismo, le GT e i Prototipi fanno parte della stessa famiglia delle auto a ruote coperte. La sinergia fra le due serie offrirà maggior spettacolo sia per i fan che per gli addetti ai lavori”.

Il calendario dell’ultima parte di stagione 2022 del WTCR

12 novembre – Bahrain (Bahrain)
27 novembre – Jeddah (Arabia Saudita)

PrevPage 1 of 10Next

News

wtcr
v

Nessuna Notizia trovata.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone