Regional by Alpine

Spa - Gara 1
Belov e G4 Racing nel diluvio

1 - Michael Belov - G4 Racing - 10 giri in 31’22”7362 - Hadrien David - R-Ace - 9”0693 - Zane Maloney - R-Ace - 11”8634 - Din...

Leggi »
Formula E

Londra - Gara 1
Dennis vince e avvicina Bird

Michele Montesano Ottima visione di gara, coadiuvato da una perfetta strategia, così Jake Dennis ha trionfato per la seconda...

Leggi »
Regional by Alpine

Spa - Qualifica 2
La prima di Belov e G4 Racing

1 - Michael Belov - G4 Racing - 2’15"7602 - Hadrien David - R-Ace - 2’16"2623 - Isack Hadjar - R-Ace - 2’16"40...

Leggi »
F4 Italia

Imola - Gara 1
Bearman, sesta vittoria consecutiva

Due vittorie a Misano, tre a Vallelunga, una nella prima gara di Imola. Sono così diventati sei i successi consecutivi nella ...

Leggi »
Formula E

Londra - Qualifica 1
Lynn profeta in patria

Michele Montesano A cinque anni dall’ultimo ePrix, la Formula E è tornata a Londra. Questa volta ad ospitare il campionato f...

Leggi »
Regional by Alpine

Spa - Qualifica 1
La pioggia non ferma Saucy

1 - Gregoire Saucy - ART - 2’35"3632 - Gabriele Minì - ART - 2’35"4763 - David Vidales - Prema - 2’35"9824 - H...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
19 Lug [8:19]

Loudon, gara
Nel buio spunta Almirola

Marco Cortesi

Aric Almirola è il tredicesimo vincitore diverso della NASCAR 2021. Il pilota di origini cubane ha riportato al successo il team Stewart-Haas con una prova estremamente solida in una corsa, quella del New Hampshire International Speedway, iniziata in modo rocambolesco e conclusa in anticipo di 8 giri per via dell'oscurità.

La direzione gara ha infatti fatto partire l'evento quando già iniziavano a cadere le prime gocce di pioggia e, con l'aumentare violento delle precipitazioni, i due piloti di testa Kyle Busch e Martin Truex, primi a transitare su curva 1 completamente bagnata, sono finiti nelle barriere al giro 6. Particolarmente contrariato Busch, che prima di ritirarsi ha mostrato il proprio disappunto "bussando" la safety-car.

Dopo due ore, le ostilità sono riprese. Fatto sfogare Chase Elliott, sono emersi i piloti del team Penske, in particolare Brad Keselowski e Ryan Blaney. Nel finale, è però salito in cattedra Almirola, che ha passato di forza entrambi mostrando un gran feeling con il corto ovale di Loudon. Negli ultimi giri, anche Christopher Bell ha avuto la meglio delle Ford del Capitano, inseguendo Almirola fino a quando, con 18 tornate alla conclusione, il direttore di gara ha chiamato i 10 passaggi al termine per via dell'oscurità. Il portacolori Toyota ha concluso secondo, davanti a Keselowski, Joey Logano, Blaney e Kevin Harvick. Kyle Larson ha concluso settimo. Top-10 per Ross Chastain (Ganassi) e Denny Hamlin nonostante il coinvolgimento nel primo contatto. Almirola si è assicurato anche un trofeo extra: per l'occasione, lo sponsor della gara, una catena di hotel, ha messo a disposizione... una mega-aragosta!

La situazione per il finale di campionato si presenta piuttosto tesa, con tre soli posti disponibili su 16 per i playoff a quattro appuntamenti da disputare. Se ci fossero altri vincitori diversi, il numero si ridurrebbe ulteriormente. La NASCAR Cup Series si prenderà ora due weekend di pausa per non interferire con le olimpiadi di Tokyo.

Domenica 18 luglio 2021, gara:

1 - Aric Almirola (Ford) - Stewart-Haas - 293 giri
2 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 293
3 - Brad Keselowski (Ford) - Penske - 293
4 - Joey Logano (Ford) - Penske - 293
5 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 293
6 - Kevin Harvick (Ford) - Stewart-Haas - 293
7 - Kyle Larson (Chevrolet) - Hendrick - 293
8 - Ross Chastain (Chevrolet) - Ganassi - 293
9 - Alex Bowman (Chevrolet) - Hendrick - 293
10 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 293
11 - Matt DiBenedetto (Ford) - Wood Brothers - 293
12 - Martin Truex Jr (Toyota) - Gibbs - 293
13 - Tyler Reddick (Chevrolet) - Childress - 293
14 - Cole Custer (Ford) - Stewart-Haas - 293
15 - Ricky Stenhouse Jr (Chevrolet) - JTG - 293
16 - Kurt Busch (Chevrolet) - Ganassi - 292
17 - Austin Dillon (Chevrolet) - Childress - 292
18 - Chase Elliott (Chevrolet) - Hendrick - 292
19 - Erik Jones (Chevrolet) - Petty - 292
20 - Daniel Suarez (Chevrolet) - Trackhouse - 292
21 - William Byron (Chevrolet) - Hendrick - 292
22 - Ryan Preece (Chevrolet) - JTG - 292
23 - Corey LaJoie (Chevrolet) - Spire - 292
24 - Ryan Newman (Ford) - Roush - 292
25 - Michael McDowell (Ford) - FrontRow - 292
26 - Bubba Wallace (Toyota) - 23XI - 292
27 - Chase Briscoe (Ford) - Stewart-Haas - 291
28 - Justin Haley (Chevrolet) - Kaulig - 291
29 - Chris Buescher (Ford) - Roush - 290
30 - BJ McLeod(i) (Ford) - LiveFast - 288
31 - Cody Ware (Chevrolet) - Ware - 285
32 - Anthony Alfredo (Ford) - FrontRow - 285
33 - Garrett Smithley (Chevrolet) - Ware - 283
34 - Josh Bilicki (Ford) - Ware - 280
35 - Quin Houff (Chevrolet) - Starcom - 187
36 - James Davison (Chevrolet) - Ware - 40
37 - Kyle Busch (Toyota) - Gibbs - 8

Il campionato
1. Hamlin 874; 2. Larson 861; 3. Byron 749; 4. Kyle Busch 740; 5. Elliott 736.

15 Lug [16:54]

Keselowski lascia Penske
Arriva Cindric, Larson rinnova

Marco Cortesi

Inizia a muoversi a passi pesanti il mercato Nascar 2022. La notizia più importante è quella per cui Austin Cindric sostituirà Brad Keselowski al volante della Ford Mustang numero 2 del team Penske. Cindric, campione Xfinity Series e figlio del Presidente e braccio destro del Capitano Tim Cindric, sarebbe dovuto approdare al team Wood Brothers per il prossimo anno in un percorso di transizione.

Keselowski, campione 2012, è però da tempo dato per certo al team Roush Fenway, dove dovrebbe anche acquisire un'importante partecipazione societaria facendolo diventare titolare anche a livello di denominazione. A questo punto, l'annuncio sarebbe imminente. Roger Penske in persona ha confermato in una dichiarazione ufficiale che il divorzio è stato dovuto al desiderio di diventare socio e co-proprietario di una scuderia. "Qualcosa che non eravamo in grado di offrire" ha spiegato Penske.

Kyle Larson confermato da Hendrick
In casa Chevy, Kyle Larson ha invece rinnovato anticipatamente il proprio contratto con il team Hendrick. Il pilota californiano, "raccolto" da Hendrick dopo le note controversie che l'avevano portato alla sospensione, resterà con la squadra almeno fino a fine 2023. Si tratta di una decisione attesa, viste le prestazioni straordinarie mostrate nella prima parte dell'anno. Larson continuerà a correre con il numero 5 e con la livrea che fu del figlio di Rick Hendrick, Ricky, scomparso in un incidente aereo nel 2004.

Burton firma con Wood Brothers, DiBenedetto a piedi
Harrison Burton sarà invece al volante della vettura di casa Wood Brothers. Il figlio dell'ex protagonista Nascar Jeff Burton, 20 anni, farà il suo debutto con la squadra di casa Ford, dopo aver fatto la sua prima apparizione alla Geico 500 di Talladega. Rimane a piedi invece Matt DiBenedetto, che aveva un contratto annuale. Il pilota di origini italiane, tra i favoriti del pubblico, dovrà trovare una nuova destinazione. ‍

12 Lug [8:18]

Atlanta, gara
A Kurt la sfida dei fratelli Busch

Marco Cortesi

Spettacolare battaglia tra i fratelli Busch ad Atlanta. Sul veloce triovale della Georgia, Kurt e Kyle Busch hanno duellato per buona parte della corsa, e dopo essere arrivati al confronto diretto nelle ultime fasi, il maggiore dei due, Kurt, è tornato al successo conquistando l'accesso ai playoff. Il pilota di Chip Ganassi ha preso il comando a 24 giri dalla fine anche grazie all'assist del compagno Ross Chastain, che in occasione del suo doppiaggio, ha liberato alla Chevy numero 1 la traiettoria interna senza commettere scorrettezze. Kyle si è così trovato ad inseguire arrivando a -7 ad un contrattacco, svanito per via del traffico delle vetture da doppiare, con cui Kurt si è trovato più a suo agio complici anche le gomme in condizioni migliori.

Pochi giorni dopo l'annuncio della cessione del team Ganassi a Trackhouse, è arrivata così la chance di lottare per il titolo, una nuova soddisfazione per l'esperto pilota di Las Vegas che lo conferma come uno dei migliori nello sviluppo. In terza posizione si è piazzato Martin Truex Jr., tuttavia non in grado di inserirsi nel duello per le prime posizioni. A seguire, la prima Chevy di Hendrick, quella di Alex Bowman, e la prima Ford, la numero 12 di Ryan Blaney del team Penske. Tra i team del cravattino rappresentati in top-10 anche il Childress Racing con Tyler Reddick.

Solo settimo Chase Elliott, penalizzato da due pit-stop non felici. In top-10 è entrato anche Matt DiBenedetto, impegnato nella lotta per entrare ai playoff col team Wood Brothers. A cavallo della top-10 Brad Keselowski e Kevin Harvick, con il californiano che ha mancato l'obiettivo confermando il difficile momento del team Stewart-Haas. Tredicesimo ha concluso Denny Hamlin, penalizzato per un eccesso di velocità ai box, davanti al suo pupillo Bubba Wallace.

Da segnalare che quella di ieri è stata l'ultima gara sull'attuale configurazione di Atlanta, che verrà riasfaltato e modificato nella pendenza delle curve. L'attuale, sconnesso nastro d'asfalto, che ha reso le gare più spettacolari, era da rimpiazzare dopo 25 anni, tanto che in gara è stata necessaria una bandiera rossa per riparare una buca apertasi nel secondo stage.

Lunedì 12 luglio 2021, gara

1 - Kurt Busch (Chevy) - Ganassi - 260 giri
2 - Kyle Busch (Toyota) - Gibbs - 260
3 - Martin Truex Jr. (Toyota) - Gibbs - 260
4 - Alex Bowman (Chevy) - Hendrick - 260
5 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 260
6 - Tyler Reddick (Chevy) - Childress - 260
7 - Chase Elliott (Chevy) - Hendrick - 260
8 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 260
9 - Matt DiBenedetto (Ford) - WoodBros - 260
10 - Brad Keselowski (Ford) - Penske - 260
11 - Kevin Harvick (Ford) - Stewart-Haas - 260
12 - Austin Dillon (Chevy) - Childress - 260
13 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 260
14 - Bubba Wallace (Toyota) - 23XI - 260
15 - Chase Briscoe (Ford) - Stewart-Haas - 260
16 - Chris Buescher (Ford) - Roush Fenway - 260
17 - Cole Custer (Ford) - Stewart-Haas - 260
18 - Kyle Larson (Chevy) - Hendrick - 260
19 - Joey Logano (Ford) - Penske - 259
20 - William Byron (Chevy) - Hendrick - 259
21 - Ross Chastain (Chevy) - Ganassi - 259
22 - Corey LaJoie (Chevy) - Spire - 258
23 - Aric Almirola (Ford) - Stewart-Haas - 258
24 - Erik Jones (Chevy) - Petty - 258
25 - Ryan Preece (Ford) - JTG - 258
26 - Anthony Alfredo (Ford) - Front Row - 257
27 - Michael McDowell (Ford) - Front Row - 256
28 - Ryan Newman (Ford) - Roush Fenway - 256
29 - Justin Haley (Chevy) - Spire - 255
30 - BJ McLeod (Chevy) - LiveFast - 254
31 - Garrett Smithley (Ford) - Rick Ware - 253
32 - Bayley Currey (Ford) - Rick Ware - 253
33 - Cody Ware (Chevy) - Rick Ware - 253
34 - Josh Bilicki (Chevy) - Rick Ware - 248
35 - Quin Houff (Chevy) - StarCom - 248
36 - Daniel Suarez (Chevy) - Trackhouse - 243
37 - Ricky Stenhouse Jr. (Ford) - Front Row - 178

Il campionato
1. Hamlin 836; 2. Larson 826; 3. Kyle Busch 739; 4. Byron 733; 5. Elliott 704.


5 Lug [9:52]

Road America, gara
Elliott, re degli stradali

Marco Cortesi

Chase Elliott ha continuato a migliorare i propri numeri sui tracciati ovali a Road America, dove ha trionfato per la sua seconda vittoria dell'anno dopo quella di Austin. Il pilota del team Hendrick, campione in carica, mostra una netta superiorità: è l'unico della storia NASCAR ad aver vinto su cinque stradali diversi, ed è il terzo della storia per successi su piste stradali, oltre la metà del suo totale.

Partito dalle retrovie dopo una qualifica penalizzata dalle bandiere gialle, ha subito fatto vedere un potenziale altissimo, recuperando la top-10 alla fine del primo "stage". Poi, ha attuato una strategia efficace, sacrificando i punti del secondo traguardo intermedio per fermarsi prima e guadagnare, nella caution successiva, le posizioni di vertice. Poi ha approfittato dell'ultima caution per rientrare ai box, mentre altri piloti erano rimasti fuori avendo anticipato lo stop. Al re-start finale, ha bruciato quattro avversari involandosi con un gran margine verso la vittoria.

Secondo ha concluso, utilizzando la stessa strategia, Christopher Bell, che ha battuto i fratelli Busch mostrando un buon passo per il team Gibbs su una tipologia di pista lontana da quella della sua formazione (gli short-track). A seguire, Kyle Busch ha segnato un piazzamento utile mentre il fratello maggiore ha tenuto in alto il team Ganassi, appena venduto a Trackhouse, consolidando la posizione in classifica potenzialmente da playoff.

Quinta piazza inattesa per Denny Hamlin, che si è trovato in crisi con i freni a inizio corsa. Poi hanno chiuso Chase Briscoe, Ross Chastain e Tyler Reddick. Risultati incolore per gli altri portacolori di Hendrick. Kyle Larson è stato mandato in testacoda da Alex Bowman, in difficoltà coi freni, mentre William Byron ha perso terreno per un'uscita di pista.

Domenica 4 luglio 2021, gara

1 - Chase Elliott (Chevrolet) - Hendrick - 62 giri
2 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 62
3 - Kyle Busch (Toyota) - Gibbs - 62
4 - Kurt Busch (Chevrolet) - Ganassi - 62
5 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 62
6 - Chase Briscoe (Ford) - Stewart-Haas - 62
7 - Ross Chastain (Chevrolet) - Ganassi - 62
8 - Tyler Reddick (Chevrolet) - Childress - 62
9 - Martin Truex Jr (Toyota) - Gibbs - 62
10 - Matt DiBenedetto (Ford) - Wood Brothers - 62
11 - Austin Cindric(i) (Ford) - Penske - 62
12 - Ricky Stenhouse Jr (Chevrolet) - JTG - 62
13 - Brad Keselowski (Ford) - Penske - 62
14 - Aric Almirola (Ford) - Stewart-Haas - 62
15 - Joey Logano (Ford) - Penske - 62
16 - Kyle Larson (Chevrolet) - Hendrick - 62
17 - Cole Custer (Ford) - Stewart-Haas - 62
18 - Chris Buescher (Ford) - Roush - 62
19 - Erik Jones (Chevrolet) - Petty - 62
20 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 62
21 - Corey LaJoie (Chevrolet) - Spire - 62
22 - Alex Bowman (Chevrolet) - Hendrick - 62
23 - Josh Bilicki (Ford) - Ware - 62
24 - Bubba Wallace (Toyota) - 23XI - 62
25 - Justin Haley (Chevrolet) - Kaulig - 62
26 - Ty Dillon (Toyota) - Gaunt - 62
27 - Kevin Harvick (Ford) - Stewart-Haas - 62
28 - James Davison (Chevrolet) - Ware - 62
29 - AJ Allmendinger (Chevrolet) - Kaulig - 62
30 - Michael McDowell (Ford) - FrontRow - 62
31 - Cody Ware (Chevrolet) - Ware - 62
32 - Ryan Newman (Ford) - Roush - 62
33 - William Byron (Chevrolet) - Hendrick - 62
34 - Quin Houff (Chevrolet) - Starcom - 62
35 - Kyle Tilley (Ford) - RWR - 60
36 - Daniel Suarez (Chevrolet) - Trackhouse - 53
37 - Anthony Alfredo (Ford) - FrontRow - 42
38 - Austin Cindric(i) (Ford) - Penske - 35
39 - Ryan Eversley (Ford) - RWR - 27
40 - Ryan Preece (Chevrolet) - JTG - 6

Il campionato
1. Hamlin 798; 2. Larson 795; 3. Byron 713; 4. Kyle Busch 685; 5. Logano 678.

28 Giu [13:37]

Bowman e Busch all'ultimo a Pocono

Marco Cortesi

Sono state due gare decise nel finale, quelle della NASCAR a Pocono. L'ampio tracciato a triangolo ai piedi dell'omonimo Mount Pocono, ha come sempre obbligato i piloti a confrontarsi con situazioni molto particolari, a partire dal set-up fino all'andamento della gara e, non ultima, alla strategia. 

La prima corsa si è decisa per una... gomma. Dopo aver vinto una battaglia con il compagno Alex Bowman, Kyle Larson sembrava pronto ad involarsi verso la sua quinta affermazione consecutiva, ma è stato messo KO dalla foratura dell'anteriore destra all'ultimo giro, cosa che ha consentito a Bowman di ripassare al comando e tagliare il traguardo per il settimo successo di fila del team Hendrick.

Alle sue spalle Kyle Busch, mentre anche nelle due posizioni successive si sono piazzate vetture di casa Hendrick (William Byron) e Gibbs (Denny Hamlin). Ryan Blaney, con la prima delle vetture del team Penske, ha battuto Kurt Busch, sesto per Ganassi dopo aver tentato una strategia al limite. Nonostante tutto Larson si è piazzato nono, sopravanzato anche da Joey Logano e Kevin Harvick.

All'ultimo si è decisa anche la seconda corsa, leggermente più lunga, vinta dal team Gibbs grazie ad uno stint finale tirato all'ultima goccia di carburante. Kyle Busch è stato quello che, grazie ad un ultimo stop leggermente ritardato, è riuscito a far quadrare la strategia. Certo, ad aiutarlo nella scelta di non fermarsi è stato anche il cambio della sua vettura, rimasto bloccato in quarta: se avesse dovuto fare un altro pit-stop, probabilmente per lui sarebbe finita. Stessa strategia per Larson, secondo e ancora super-competitivo, mentre Brad Keselowski ha recuperato dopo essersi fermato per uno splash con il terzo posto. Quinta posizione, alle spalle di Harvick, per Bubba Wallace, al miglior risultato dopo il suo passaggio al team 23XI di Michael Jordan e Denny Hamlin.

L'ordine d'arrivo della Pocono Organics CBD 325:

1 - Alex Bowman (Chevrolet) - Hendrick - 130 giri
2 - Kyle Busch (Toyota) - Gibbs - 130
3 - William Byron (Chevrolet) - Hendrick - 130
4 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 130
5 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 130
6 - Kurt Busch (Chevrolet) - Ganassi - 130
7 - Joey Logano (Ford) - Penske - 130
8 - Kevin Harvick (Ford) - Stewart-Haas - 130
9 - Kyle Larson (Chevrolet) - Hendrick - 130
10 - Brad Keselowski (Ford) - Penske - 130
11 - Tyler Reddick (Chevrolet) - Childress - 130
12 - Chase Elliott (Chevrolet) - Hendrick - 130
13 - Daniel Suarez (Chevrolet) - Trackhouse - 130
14 - Bubba Wallace (Toyota) - 23XI - 130
15 - Ricky Stenhouse Jr (Chevrolet) - JTG - 130
16 - Aric Almirola (Ford) - Stewart-Haas - 130
17 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 130
18 - Martin Truex Jr (Toyota) - Gibbs - 130
19 - Michael McDowell (Ford) - FrontRow - 130
20 - Chris Buescher (Ford) - Roush - 130
21 - Austin Dillon (Chevrolet) - Childress - 130
22 - Erik Jones (Chevrolet) - Petty - 130
23 - Ryan Preece (Chevrolet) - JTG - 130
24 - Chase Briscoe (Ford) - Stewart-Haas - 130
25 - Cody Ware (Chevrolet) - Ware - 130
26 - Anthony Alfredo (Ford) - FrontRow - 130
27 - Justin Haley (Chevrolet) - Kaulig - 130
28 - James Davison (Chevrolet) - Ware - 130
29 - Garrett Smithley (Chevrolet) - Ware - 130
30 - BJ McLeod(i) (Ford) - LiveFast - 130
31 - Quin Houff (Chevrolet) - Starcom - 130
32 - Matt DiBenedetto (Ford) - Wood Brothers - 129
33 - Ross Chastain (Chevrolet) - Ganassi - 129
34 - Josh Bilicki (Ford) - Ware - 128
35 - Timmy Hill (Toyota) - MBM - 126
36 - Corey LaJoie (Chevrolet) - Spire - 125
37 - Ryan Newman (Ford) - Roush - 96
38 - Cole Custer (Ford) - Stewart-Haas - 13

L'ordine d'arrivo della Explore the Pocono Mountains 350:

1 - Kyle Busch (Toyota) - Gibbs - 140 giri
2 - Kyle Larson (Chevrolet) - Hendrick - 140
3 - Brad Keselowski (Ford) - Penske - 140
4 - Kevin Harvick (Ford) - Stewart-Haas - 140
5 - Bubba Wallace (Toyota) - 23XI - 140
6 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 140
7 - Alex Bowman (Chevrolet) - Hendrick - 140
8 - Ryan Preece (Chevrolet) - JTG - 140
9 - Tyler Reddick (Chevrolet) - Childress - 140
10 - Joey Logano (Ford) - Penske - 140
11 - Martin Truex Jr (Toyota) - Gibbs - 140
12 - William Byron (Chevrolet) - Hendrick - 140
13 - Austin Dillon (Chevrolet) - Childress - 140
14 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 140
15 - Daniel Suarez (Chevrolet) - Trackhouse - 140
16 - Aric Almirola (Ford) - Stewart-Haas - 140
17 - Michael McDowell (Ford) - FrontRow - 140
18 - Matt DiBenedetto (Ford) - Wood Brothers - 140
19 - Chris Buescher (Ford) - Roush - 140
20 - Kurt Busch (Chevrolet) - Ganassi - 140
21 - Chase Briscoe (Ford) - Stewart-Haas - 140
22 - Ryan Newman (Ford) - Roush - 140
23 - Corey LaJoie (Chevrolet) - Spire - 139
24 - Cole Custer (Ford) - Stewart-Haas - 139
25 - Justin Haley (Chevrolet) - Kaulig - 139
26 - Ross Chastain (Chevrolet) - Ganassi - 139
27 - Chase Elliott (Chevrolet) - Hendrick - 139
28 - Cody Ware (Chevrolet) - Ware - 139
29 - BJ McLeod(i) (Ford) - LiveFast - 138
30 - James Davison (Chevrolet) - Ware - 137
31 - Erik Jones (Chevrolet) - Petty - 136
32 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 135
33 - Quin Houff (Chevrolet) - Starcom - 135
34 - Anthony Alfredo (Ford) - FrontRow - 134
35 - Josh Bilicki (Ford) - Ware - 132
36 - Garrett Smithley (Chevrolet) - Ware - 122
37 - Timmy Hill (Toyota) - MBM - 113
38 - Ricky Stenhouse Jr (Chevrolet) - JTG - 111

In campionato
1. Hamlin 761; 2. Larson 759; 3. Byron 690; 4. Logano 651; 5. Kyle Busch 650.

21 Giu [21:36]

Nashville, gara
Chi fermerà Larson?

Marco Cortesi

Al ritorno della NASCAR Cup a Nashville dopo oltre 30 anni, Kyle Larson ha centrato il suo quarto successo consecutivo (considerando anche l’All-Star di Fort Worth) ingigantendo sempre di più la sua ombra sul campionato 2021. Il pilota di Hendrick, che sin dalle prime gare aveva denunciato un potenziale altissimo, ha trovato la quadra con risultanti devastanti per tutti gli altri, complice anche la forma della scuderia di casa Chevy. La dimostrazione è stata l’avvio della gara sull’ovale da un miglio e mezzo della Music City, quando Larson si è infilato in mezzo a due rivali come se niente fosse, allungando progressivamente. Poi ha condotto 263 giri su 300, conquistando anche il secondo traguardo intermedio e portando il suo totale di “stage” vinti a 12, il doppio del più diretto inseguitore. Nelle sue mani è stato consegnato il tradizionale trofeo di Nashville, già visto negli anni in Truck Series e Xfinity: una chitarra Gibson Les Paul personalizzata.

Il team Hendrick è andato ancora vicino alla doppietta. William Byron sembrava pronto ad accomodarsi al secondo posto e, pur non essendo sullo stesso passo del compagno di squadra, restava davanti ad Aric Almirola. A rovinare la festa è stato Ross Chastain, che con un’ultima sosta ritardata ha potuto spingere a fondo mentre gli altri risparmiavano carburante. Byron ha comunque terminato terzo davanti ai due portacolori Stewart-Haas, Almirola e Kevin Harvick. In pista con una livrea commemorativa del monster truck Grave Digger, Harvick ha continuato la sua marcia nelle prime posizioni ancora senza però l’incisività necessaria per andare a prendersi il successo.

Grande risultato per Daniel Suarez, con il team Trackhouse del rapper Pitbull che ha lavorato ancora bene, a dispetto delle dimensioni e dell’inesperienza. A seguire Kurt Busch, che, rimasto senza carburante nel finale, si è potuto consolare col successo nel primo stage dopo la squalifica di Chase Elliott. Il campione in carica è stato sanzionato per via di diversi dadi ruota mal fissati, che tra l’altro gli avevano fatto perdere terreno. La NASCAR in questi casi è severissima, e vuole punire la fretta ai box che, per risparmiare pochi millesimi, può avere un impatto sulla sicurezza. Dietro a Busch Christopher Bell, miglior rappresentante Toyota in un’altra gara al di sotto delle attese per il costruttore nipponico e per il Joe Gibbs Racing.

Domenica 20 giugno 2021, gara:

1 - Kyle Larson (Chevrolet) - Hendrick - 300 giri
2 - Ross Chastain (Chevrolet) - Ganassi - 300
3 - William Byron (Chevrolet) - Hendrick - 300
4 - Aric Almirola (Ford) - Stewart-Haas - 300
5 - Kevin Harvick (Ford) - Stewart-Haas - 300
6 - Ricky Stenhouse Jr (Chevrolet) - JTG - 300
7 - Daniel Suarez (Chevrolet) - Trackhouse - 300
8 - Kurt Busch (Chevrolet) - Ganassi - 300
9 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 300
10 - Joey Logano (Ford) - Penske - 300
11 - Kyle Busch (Toyota) - Gibbs - 300
12 - Austin Dillon (Chevrolet) - Childress - 300
13 - Ryan Newman (Ford) - Roush - 300
14 - Alex Bowman (Chevrolet) - Hendrick - 300
15 - Corey LaJoie (Chevrolet) - Spire - 300
16 - Michael McDowell (Ford) - FrontRow - 300
17 - Anthony Alfredo (Ford) - FrontRow - 300
18 - Tyler Reddick (Chevrolet) - Childress - 300
19 - Erik Jones (Chevrolet) - Petty - 300
20 - Bubba Wallace (Toyota) - 23XI - 299
21 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 299
22 - Martin Truex Jr (Toyota) - Gibb - 299
23 - Brad Keselowski (Ford) - Penske - 299
24 - Matt DiBenedetto (Ford) - Wood Brothers - 298
25 - Garrett Smithley (Chevrolet) - Ware - 298
26 - Josh Bilicki (Ford) - Ware - 298
27 - JJ Yeley (Chevrolet) - Ware - 298
28 - BJ McLeod(i) (Ford) - LiveFast - 295
29 - Joey Logano (Ford) - Penske - 295
30 - Cole Custer (Ford) - Stewart-Haas - 252
31 - Chase Elliott (Chevrolet) - Hendrick - 227
32 - Ryan Preece (Chevrolet) - JTG - 197
33 - Chad Finchum (Toyota) - Kaulig - 157
34 - David Starr (Toyota) - Kaulig - 126
35 - Justin Haley (Chevrolet) - Kaulig - 79
36 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 77
37 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 53
38 - Quin Houff (Chevrolet) - Starcom - 0

Squalificato
Chase Elliott

In campionato
1. Hamlin 688; 2 Larson 676; 3. Byron 605; 4. Elliott 592; 5. Logano 578.

15 Giu [12:32]

Texas, All Star: Larson milionario

Marco Cortesi

Lo hanno sempre chiamato in slang "Yung Money", perché sin da giovanissimo è stato in grado di vincere gare importanti, e di portare a casa premi su premi. Nel suo anno di lontananza dalle corse, Kyle Larson aveva mantenuto l'abitudine, e anche con la stagione 2021 è riuscito a portare a casa un gran bell'assegno lo scorso weekend nell'All-Star Race NASCAR, per la prima volta in Texas. L'ha fatto battagliando sia col compagno di colori Chase Elliott e con Brad Keselowski, che nel finale era riuscito a sorpavanzare entrambi. Ma Larson ha subito risposto all'attacco, vincendo la sua terza gara consecutiva dopo Charlotte e Sonoma. Anche se non valida per il campionato, la corsa di Fort Worth gli ha consegnato un "assegnone" da un milione di dollari.

Larson aveva anche segnato la pole position per la competizione. La durata, 100 giri con continue inversioni e riposizionamenti al termine dei cinque stage intermedi: come sempre, è stato un evento prettamente votato allo show. Secondo ha poi concluso Keselowski davanti a Elliott, Joey Logano e Ryan Blaney.

Come sempre, il gruppo di piloti è stato selezionato per vittorie precedenti, con tre piloti ulteriori che sono stati ammessi in seguito alla gara di qualifica, l'Open: tra lore, Aric Almirola ha chiuso la top-10. Inoltre, Matt DiBenedetto, sempre popolare, è entrato grazie al voto dei fan. Ha terminato 17°.


WHAT A BATTLE FOR THE LEAD IN THE FINAL ROUND! @KyleLarsonRacin to the front! #AllStarRace pic.twitter.com/wmUIs93baR

— NASCAR (@NASCAR) June 14, 2021

PrevPage 1 of 10Next

News

nascar
v

FirstPrevPage 1 of 3NextLast
FirstPrevPage 1 of 3NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone