1 Ago [23:53]

L'incredibile podio di classe
del team Target alla 24 Ore di Spa

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Un podio conquistato con coraggio e passione. Il debutto nella 24 Ore di Spa-Francorchamps per il team Target Racing si è tradotto nel secondo posto di classe. Un risultato straordinario, quello ottenuto da Stefano Costantini, Sylvain Debs, Bernard Delhez e Alberto Di Folco (quest'ultimo unico pilota Silver dell'equipaggio e il solo a prendere parte per la prima volta alla "maratona" belga), i quali si sono alternati al volante di una Lamborghini Huracán GT3. Ma il secondo posto che si snoda per oltre sette chilometri nella foresta delle Ardenne, è stato anche frutto dell'impegno, della dedizione di tutti gli uomini della squadra guidata da Roberto Venieri. Il podio per tutti loro (piloti inclusi ovviamente) rappresentava un sogno sicuramente difficile da realizzare, anche alla luce del livello di questa gara e della competitività degli altri equipaggi anche in termini di maggiore esperienza.

Il lungo weekend di Spa si è aperto giovedì con il settimo responso di classe ottenuto nelle qualifiche del giovedì, sulla base della media dei migliori tempi fatti segnare da ciascun pilota. A prendere il via sabato pomeriggio è stato quindi Costantini. Il romano ha gestito al meglio le concitate fasi iniziali, concludendo il suo primo "stint" di guida in maniera impeccabile. Stesso discorso per Di Folco, Delhez e Debs che gli sono subentrati nell'ordine al volante.

Da lì in avanti ogni cosa ha funzionato sempre in maniera perfetta: nessun problema di natura meccanica ed un passo costantemente veloce ha permesso così alla vettura del team Target Racing di risalire gradualmente in seconda posizione. Anche la notte, caratterizzata da diversi incidenti (di cui uno particolarmente importante che ha reso necessaria un'interruzione con la bandiera rossa durata quasi un'ora), è trascorsa indenne. Di positivo il fatto che l'ottimo meteo non ha reso le cose più difficili. L'unico inconveniente incredibilmente si è verificato a un solo quarto d'ora dalla fine, mentre al volante si trovava Di Folco, rallentato da una foratura che lui e la squadra hanno comunque saputo gestire in maniera egregia, confermando così al traguardo la seconda posizione.

"I piloti sono stati straordinari - ha commentato il team manager Roberto Tanca - Un grazie va a loro, ma anche al direttore tecnico Roberto Venieri, al capo ingegnere John, al capo meccanico Stefano Pirro e a tutti i meccanici che hanno lavorato duramente, ma sempre in perfetta armonia, contribuendo in maniera decisiva alla conquista di questo storico podio".

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone