F.4 Italia

Il ritratto del campione Minì, primo
italiano a imporsi nella F4 nazionale

Mattia Tremolada

Ci sono volute sette stagioni per vedere finalmente un pilota tricolore aggiu...

Leggi »
Mondiale Rally

Niente ritiro per Ogier:
resta in Toyota per il WRC 2021

Jacopo Rubino

Il ritiro può attendere: Sebastien Ogier ha deciso di proseguire almeno per un altro anno ...

Leggi »
16 Ott [11:46]

Weekend F1 di soli 2 giorni?
Al Nurburgring un primo esempio

Jacopo Rubino - XPB Images

Weekend di Formula 1 da due soli giorni? Il tema è da tempo sul tavolo di Liberty Media, il primo esperimento ci sarà con il prossimo Gran Premio a Imola, ma causa meteo, di fatto, un'anticipazione l'abbiamo già avuta nell'ultima tappa al Nurburgring. Con la pioggia a cancellare l'attività in pista del venerdì, in Germania si è disputata una sola sessione di prove libere in preparazione a qualifiche e gara. Può diventare qualcosa di abituale per il futuro?

"Rende il fine settimana un po' più imprevedibile e interessante", ha commentato Max Verstappen. L'olandese deve aver cambiato idea, perché ad agosto era stato molto critico sapendo del format compresso scelto per Imola, in quanto pista quasi inedita considerata la lunga assenza dal calendario. Ma lo stesso valeva per il Nurburgring, dove la F1 non approdava dal 2013. Bisogna ricordare che il round italiano arriva in sequenza a quello di Portimao, richiedendo un grosso sforzo logistico alle squadre: coprire via camion 2500 chilometri. Il GP dell'Emilia Romagna è stato programmato su due giornate anche per agevolare la vita del personale viaggiante, già messo a dura prova da una stagione estremamente frenetica.

Ma tornando agli aspetti sportivi, Lewis Hamilton al termine di venerdì scorso ha sottolineato: "Con meno prove sarà una sfida impegnativa, non vedo l'ora". Valtteri Bottas, suo compagno in Mercedes, notava: "Dovremo essere molto efficienti nel nostro programma", riferendosi al lavoro da svolgere nella FP3 dell'indomani. Ancora più netto il giudizio di Charles Leclerc: "Mi piace, in realtà non abbiamo bisogno di tre turni di libere per prepararci alle qualifiche".

Scettico, al contrario, Sebastian Vettel. "Un weekend di due giorni incide meno sul lavoro dei piloti, che su quello degli ingegneri. Non hanno l'opportunità di comparare assetti diversi e come funzionano le gomme", ha sostenuto il ferrarista. "E perdiamo un pomeriggio, perché tra qualifiche e gara la macchina è in parco chiuso".

"Se i venerdì fossero cancellati, ci sarebbe meno intrattenimento da offrire da parte degli organizzatori. Non conosco i piani futuri, ma credo sia meglio eliminare il giovedì rispetto al venerdì", ha affermato il tedesco. È chiaro che i “classici” weekend da 3 giorni e quelli più agili da 2 abbiano entrambi pro e contro.
 

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone