formula 1

La F1 piange Tambay, da
tempo malato di Parkinson

Se ne è andato, in silenzio, Patrick Tambay. Da tempo il 73enne pilota francese nato il 25 giugno 1949 a Parigi, soffriva di ...

Leggi »
World Endurance

Villeneuve ha provato la Vanwall LMH
a Montmelò, obiettivo Le Mans 2023?

Michele Montesano La voglia di rimettersi costantemente in discussione non è mai mancata a Jacques Villeneuve. Dopo aver vi...

Leggi »
FIA Formula 3

Fornaroli nuovo pilota Trident
Nel 2022 miglior rookie Alpine

Leonardo Fornaroli è il secondo pilota italiano dopo Gabriele Minì che parteciperà al campionato di F3. Il 18enne piacentino ...

Leggi »
formula 1

I benefici economici del
GP di Imola? 274 milioni

Uno studio sulla ricaduta economica del Gran Premio di F1 svoltosi a Imola, ha sancito il successo della manifestazione per q...

Leggi »
dtm

L'ADAC salva il DTM
La mediazione di Berger

Il DTM è salvo. L'ADAC, Allgemeiner Deutscher Automobil Club, sarà il nuovo organizzatore e promotore della serie più fam...

Leggi »
dtm

ITR non organizzerà il DTM
Berger spera nell'ADAC

Il 6 novembre Italiaracing aveva riportato la difficoltà da parte di Gerhard Berger e della ITR nell'organizzare il campi...

Leggi »
4 Dic [14:24]

Jeddah - Gara 1
Prima vittoria in F2 per Armstrong

Jacopo Rubino - XPB Images

Dopo quasi due stagioni intere, Marcus Armstrong festeggia il primo successo in Formula 2: è arrivato in gara 1 sul nuovo circuito cittadino di Jeddah, dove ha condotto i giochi dall'inizio alla bandiera a scacchi. Il pilota DAMS (e Ferrari Driver Academy) alla partenza ha infatti superato senza convenevoli il connazionale Liam Lawson, in pole per l'inversione della top 10 post qualifiche, e poi è rimasto sempre davanti, gestendo anche due fasi di safety-car.

La prima neutralizzazione è stata subito chiamata dal contatto fra Guilherme Samaia e Marino Sato, con brasiliano tamponato da Olli Caldwell (poi punito con 10"); quella successiva, al giro 15, per l'incidente di Theo Pourchaire in curva 22, quando il francese viaggiava in zona punti. In mezzo, le emozioni non sono state poi molte, perché il tracciato saudita ha confermato di non essere tra i più facili per sorpassare, se non forzando la mano.

Ne sanno qualcosa Dan Ticktum e Robert Shwartzman, che in curva 4 si sono "aiutati" con la piccola via di fuga per completare gli attacchi a Bent Viscaal e proprio a Pourchaire: l'inglese ha evitato l'investigazione dei commissari ridando strada al rivale, imbeccato dal muretto Carlin, mentre il russo ha ricevuto 5" di penalità, che potevano costare carissimi con il ritorno della safety-car. L'alfiere Prema aveva però un gran ritmo, e sfruttando la lotta alle sue spalle ha costruito il cuscinetto per scivolare "soltanto" da quinto a sesto.

Sul podio, insieme ai due neozelandesi Armstrong e Lawson, è salito anche l'altro portacolori Hitech (e Red Bull), Juri Vips. L'estone è diventato terzo a metà corsa, quando ha superato un Ralph Boschung andato in crisi di gomme, precipitando nelle retrovie. Quarto Felipe Drugovich, quinto Jehan Daruvala che si è distinto per un gran doppio sorpasso al giro 18 su Christian Lundgaard e Oscar Piastri. Quella dell'indiano è stata forse la manovra più bella di questa Sprint Race 1.



In ottica titolo, Shwartzman da terzo incomodo ha recuperato 6 punti (2 grazie al best lap) sul leader Piastri, suo compagno in Prema, e a Guanyu Zhou. L'australiano ha chiuso nono, "bloccato" da Lundgaard e beffato in extremis da Ticktum, ma pur restando a mani vuote scatterà secondo nella Sprint Race 2 di questa sera, con Viscaal (Trident) in pole. Disastro invece per Zhou, in testacoda al giro 5 quando ha cercato un attacco forse troppo ottimistico a Lundgaard, venendo al contatto con il danese. Il cinese della UNI Virtuosi ha riagganciato il gruppo con la seconda safety-car, ma senza compiere miracoli.

Aggiornamento: 5" di penalità a Daruvala

5 secondi di penalità per Jehan Daruvala al termine di gara 1: l'indiano ha superato Dan Ticktum, suo compagno nel team Carlin, andando oltre il limite della pista in curva 2 e venendo così sanzionato dai commissari. Daruvala scivola decimo nell'ordine d'arrivo finale, fuori dalla zona punti, ma consolandosi con la pole per la griglia invertita della Sprint Race in programma questa sera.

Torna quinto Robert Shwartzman, che aveva ricevuto già a gara in corso 5" di penalità per il sorpasso a Theo Pourchaire, e il russo diventa addirittura secondo in graduatoria scavalcando Guanyu Zhou a 143 punti.

Avanzano di una posizione anche Christian Lundgaard, Dan Ticktum e il leader del campionato Oscar Piastri: l'australiano, promosso ottavo, sale a 183 lunghezze nella generale, a +40 sul compagno Shwartzman e +41 su Zhou.

Sabato 4 dicembre 2021, gara 1 (aggiornata)

1 - Marcus Armstrong - DAMS - 20 giri 41'44"102
2 - Liam Lawson - Hitech - 0"563
3 - Juri Vips - Hitech - 2"044
4 - Felipe Drugovich - UNI Virtuosi - 2"826
5 - Robert Shwartzman - Prema - 8"278
6 - Christian Lundgaard - ART - 8"377
7 - Dan Ticktum - Carlin - 8"452
8 - Oscar Piastri - Prema Racing - 8"613
9 - Bent Viscaal - Trident - 10"468
10 - Jehan Daruvala - Carlin - 10"484 *
11 - Jack Doohan - MP Motorsport - 10"566
12 - Enzo Fittipaldi - Charouz - 10"965
13 - Roy Nissany - DAMS - 12"977
14 - Clément Novalak - MP Motorsport - 13"104
15 - Ralph Boschung - Campos - 14"332
16 - Logan Sargeant - HWA Racelab - 15"308
17 - Guanyu Zhou - UNI Virtuosi - 17"343
18 - Olli Caldwell - Campos - 24"652

* 5 secondi di penalità

Giro più veloce: Robert Shwartzman 1'44"179

Ritirati
14° giro - Theo Pourchaire
14° giro - Alessio Deledda
1° giro - Marino Sato
1° giro - Guilherme Samaia

Il campionato (aggiornato)
1.Piastri 183 punti; 2.Shwartzman 143; 3.Zhou 142; 4.Ticktum 131; 5.Pourchaire 120; 6.Vips 112; 7.Daruvala 96; 8.Lawson 92; 9.Drugovich 67; 10.Verschoor 55

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone