Rally

Rally di Montecarlo – 2° giorno mattino
Loeb al comando, paura per Fourmaux

Michele Montesano È sempre più Sebastien Loeb il dominatore del Rally di Montecarlo. Il nove volte iridato ha sempre più ne...

Leggi »
Rally

Rally di Montecarlo – 1° giorno
Ogier vola, Loeb lo marca a vista

Michele Montesano La novantesima edizione del Rally di Montecarlo ha aperto ufficialmente una nuova era del WRC, quella del...

Leggi »
formula 1

L'Alpine turbolenta,
fra uscite e tensioni

Via Ciryl Abiteboul, che era team principal, via Remi Taffin, capo del reparto motori, via Marcin Budkwoski, nel 2021 diretto...

Leggi »
Rally

Rally di Montecarlo – Shakedown
Ogier - Loeb è subito duello

Michele Montesano Finalmente è arrivato il tanto atteso giorno del debutto per le nuove Rally1. Come da tradizione è stato ...

Leggi »
formula 1

Gare sprint 2022 a rischio?
Manca l'intesa con tutti i team

Le gare sprint del sabato, nuovo pallino di Formula 1, quest'anno dovrebbero aumentare a 6. Dovrebbero, appunto, perché i...

Leggi »
Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
2 Apr [5:38]

Sepang – Libere 1
Lewis Hamilton imprendibile

È Lewis Hamilton ad aprire le danze nel GP della Malesia, teatro del terzo appuntamento del mondiale Formula 1 2010. Il grande deluso dell'Australia si è buttato a capofitto nel lavoro in questi pochi giorni che ci hanno separati da Melbourne, dimenticando che si è preso della testa di... da un ministro australiano (per la precisione il povero Tim Pallas), che gli hanno ritirato la macchina e che Mark Webber l'ha allegramente tamponato a pochi giri dalla bandiera a scacchi. Giù la visiera e via i pensieri, con Hamilton che ha portato fin dai primi giri la sua McLaren al vertice della classifica, ottenendo il miglior tempo in 1'34"921 al termine dei 19 giri completati.

Alle sue spalle, così come in Bahrain, è un tripudio Mercedes. Nico Rosberg nei secondi finali della sessione ha scalzato Jenson Button dal secondo posto, portandosi a due decimi da Hamilton. Button ha completato ben 25 tornate dimostrando un ritmo sempre costante ed un consumo gomme omogeneo, caratteristica che solo una settimana fa gli ha regalato la vittoria. Michael Schumacher col quarto tempo tenta di scrollarsi di dosso le critiche della stampa tedesca che lo danno per bollito. Fermo per un'ora nei box, il settevolte campione del mondo scende in pista e riesce fin da subito ad agguantare la top ten, risalendo fino alla quarta piazza finale, davanti ad un ormai non più sorprendente Robert Kubica, che dopo il podio dell'Australia crede nel potenziale della sua Renault.

Solo sesta la prima delle Red Bull, quella di Webber. Mezzo secondo il ritardo dell'australiano, autore di un grande derapone con la sua RB6 nella parte centrale del turno durante il soprasso di una Williams. Non benissimo Sebastian Vettel, nono ma ugualmente capace di registrare il record nel secondo settore prima di rientrare ai box, ma costretto ad una sosta ai garage per dei problemi tecnici che lo hanno improvvisamente rallentato in un tentativo di giro lanciato. Se non ride la Red Bull, piange la Ferrari, che vede Fernando Alonso in ottava posizione, con un distacco di un secondo pieno da Hamilton, completando anch'egli solo venti tornate. Brivido invece per Felipe Massa, undicesimo tempo, che rischia di insabbiarsi prima e sbattere poi, a seguito di un'uscita di pista, riuscendo a salvare la sua F10 con un controllo da rallista.

Assente Tonio Liuzzi in questo turno che ha lasciato il posto a Paul di Resta, bravo a portare la Force India in quindicesima posizione; Adrian Sutil ottiene il settimo tempo su una pista nella quale un anno fa non riusciva ad andare oltre l'ultima fila dello schieramento. Chiude orgogliosamente la top ten la Toro Rosso di Sebastien Buemi, mentre non delude l'esordio di Fairuz Fauzy in Lotus, al posto di Heikki Kovalainen, ventiduesimo, a precedere le due Hispania Racing Team che completano senza particolari problemi ben 51 tornate, 27 con Bruno Senna e 24 con l'indiano Karun Chandok. Da segnalare che la pioggia non ha disturbato lo svolgimento di questa sessione, ma è invece prevista per questo pomeriggio e per il prosieguo di tutto il week-end.

Antonio Caruccio

Nella foto, Lewis Hamilton (Photo 4)

Venerdì 2 aprile, 1° turno libero

1 - Lewis Hamilton (McLaren MP4/25-Mercedes) - 1'34"921 - 19 giri
2 - Nico Rosberg (Mercedes MGP W01) - 1'35"106 - 19
3 - Jenson Button (McLaren MP4/25-Mercedes) - 1'35"207 - 25
4 - Michael Schumacher (Mercedes MGP W01) - 1'35"225 - 14
5 - Robert Kubica (Renault R30) - 1'35"402 – 22
6 - Mark Webber (Red Bull RB6-Renault) - 1'35"479 - 22.
7 - Adrian Sutil (Force India VJM03-Mercedes) - 1'35"955 - 20
8 - Fernando Alonso (Ferrari F10) - 1'35"959 - 20
9 - Sebastian Vettel (Red Bull RB6-Renault) - 1'36"043 - 19
10 - Sebastien Buemi (Toro Rosso STR5-Ferrari) - 1'36"100 - 20
11 - Felipe Massa (Ferrari F10) - 1'36"451 - 22
12 - Kamui Kobayashi (Sauber C29-Ferrari) - 1'36"503 - 28.
13 - Jaime Alguersuari (Toro Rosso STR5-Ferrari) - 1'36"645 - 18
14 - Vitaly Petrov (Renault R30) - 1'36"712 - 9
15 - Paul Di Resta (Force India VJM03-Mercedes) - 1'36"891 - 25
16 - Pedro De La Rosa (Sauber C29-Ferrari) - 1'36"899 - 24
17 - Nico Hulkenberg (Williams FW32-Cosworth) - 1'37"802 – 27
18 - Rubens Barrichello (Williams FW32-Cosworth) - 1'38"278 - 18.
19 - Jarno Trulli (Lotus T127-Cosworth) - 1'39"460 - 21
20 - Timo Glock (Virgin VR01-Cosworth) - 1'39"755 - 17
21 - Lucas Di Grassi (Virgin VR01-Cosworth) – 1’40”159 - 25
22 - Fairuz Fauzy (Lotus T127-Cosworth) - 1'40"721 - 19
23 - Bruno Senna (HRT Dallara-Cosworth) – 1’41”832 - 27
24 - Karun Chandhok (HRT Dallara-Cosworth) – 1’41”966 - 24.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone