Rally

Rally di Montecarlo – 1° giorno
Ogier vola, Loeb lo marca a vista

Michele Montesano La novantesima edizione del Rally di Montecarlo ha aperto ufficialmente una nuova era del WRC, quella del...

Leggi »
formula 1

L'Alpine turbolenta,
fra uscite e tensioni

Via Ciryl Abiteboul, che era team principal, via Remi Taffin, capo del reparto motori, via Marcin Budkwoski, nel 2021 diretto...

Leggi »
Rally

Rally di Montecarlo – Shakedown
Ogier - Loeb è subito duello

Michele Montesano Finalmente è arrivato il tanto atteso giorno del debutto per le nuove Rally1. Come da tradizione è stato ...

Leggi »
formula 1

Gare sprint 2022 a rischio?
Manca l'intesa con tutti i team

Le gare sprint del sabato, nuovo pallino di Formula 1, quest'anno dovrebbero aumentare a 6. Dovrebbero, appunto, perché i...

Leggi »
Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
2 Feb [11:52]

Chanoch Nissany tester della Minardi

Soltanto due anni fa era un perfetto sconosciuto, oggi è il test driver della Minardi di F.1. Quando Chanoch Nissany, israeliano che vive a Budapest, in Ungheria, disputò il suo primo campionato internazionale correndo nella World Series Light con il piccolo team Szasz, gli amanti delle statistiche impazzirono per trovare qualche dato su di lui. Si scoprì che aveva 40 anni, che in Ungheria partecipava a gare in salita e che vinceva nella locale F.2000. E che aveva iniziato a correre a 38 anni, almeno così si racconta. Personaggio dinamico, facoltoso, nella World Series Light lottava costantemente con Milka Duno, ma spesso la venezuelana lo seminava. Nissany non se ne preoccupava, ben consapevole che nel mondo dell'automobilismo, se si hanno i soldi, si può fare carriera indipendentemente dai risultati. Così ha testato una Dallara-Nissan V6 3.0 della World Series, poi si è buttato sulla F.3000 internazionale partecipando a qualche test e alla fine ha debuttato, nel 2004, nel prestigioso campionato con il team Coloni. Ha poi trovato il modo di provare in un paio di occasioni la Jordan di F.1 e infine anche la Minardi. Nissany, oggi 42enne, ha firmato un contratto che lo lega al team di Paul Stoddart come collaudatore ma non verrà utilizzato il venerdì dei GP. La presentazione è avvenuta a Tel Aviv. Nissany è stato il primo pilota israeliano a salire su una F.1.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone