formula 1

Imola - Piastri penalizzato
Le Ferrari in seconda fila

Era nell'aria e puntualmente è arrivata. Oscar Piastri ha rovinato la sua eccezionale prestazione in qualifica, che lo av...

Leggi »
formula 1

Imola - Qualifica
Verstappen non fa prigionieri

Max Verstappen e la Red Bull erano in difficoltà fino al terzo turno libero di questa mattina. Stavano lavorando sodo in base...

Leggi »
indycar

Indy 500, Qualifica 1
Dominio del team Penske

Team Penske mostruoso nel primo giorno di qualifica per la Indy 500. Le tre vetture del Capitano, dopo tre anni di qualifiche...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 2
Weerts-Vanthoor fendono la notte

Michele Montesano - Foto Speedy BMW ha proseguito a dettare legge a Misano. Anche con il calare della notte la M4 GT3 si...

Leggi »
GT2 Europe

Misano – Gara 1
Gorini-Tamburini nel segno del Tridente

Michele Montesano - Foto Speedy Maserati ha vinto la gara di casa a Misano del Fanatec GT2 European Series. Leonardo Gorini e...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 1
Rossi e Martin concedono il bis

Michele Montesano - Foto Speedy A meno di un anno di distanza, Valentino Rossi e Maxime Martin sono tornati sul gradino più ...

Leggi »
12 Apr [12:16]

Alonso rinnova con Aston Martin
Era l'unica chance per rimanere in F1

Massimo Costa

Fernando Alonso rimane con la Aston Martin. Notizia clamorosa? No. Lo spagnolo nonostante tutte le chiacchiere da bar che si erano lette o ascoltate nei giorni scorsi, depistaggi vari, non aveva alcuna richiesta. Nessuna chance di andare alla Red Bull nel caso non venisse riconfermato Sergio Perez, nessuno spazio alla Mercedes. Alonso rimane nel team di Lawrence Stroll, la sua unica possibilità per rimanere in F1. Ha firmato un contratto pluriennale nonostante i suoi 42 anni e attende l'arrivo della motorizzazione Honda nel 2026.

Parole al miele di Alonso nei confronti del costruttore giapponese, sì proprio quello col quale litigò a lungo quando si trovava alla McLaren e che non mancava mai di criticare in diretta. La Honda, quando Alonso decise di correre la sua seconda 500 Miglia di Indianapolis, gli fece una croce sopra e lo spagnolo non ebbe la possibilità di fruire dei motori giapponesi, i migliori per Indy. Poi, quando dalla McLaren è passata alla Red Bull, la Honda ha cominciato a vincere gare e mondiali divenendo così "accettabile".

La Aston Martin non ha comunicato il nome del secondo pilota. Sarà curioso vedere se mister Lawrence continuerà a credere nel deludente (agonisticamente parlando) figlio Lance. L'arrivo della Honda però, potrebbe modificare non poco le cose mediante la richiesta di inserire un pilota giapponese, che sia Yuki Tsunoda o Ayumu Iwasa.

Per quanto riguarda gli altri team, Sergio Perez, come Italiaracing ha scritto nei giorni scorsi, con le prestazioni attuali difficilmente non troverà la conferma della Red Bull sotto l'albero di Natale. Rimane il sedile che Lewis Hamilton lascerà libero in Mercedes e il primo della lista è sicuramente Carlos Sainz, sempre che le sirene Audi non lo convincano a un salto nel buio trascorrendo un difficile 2025 in Sauber., poi si vedrà...

Nella foto scattata a Suzuka, Alonso con Yamamoto, tuttora consulente Red Bull in quanto le power unit del team sono sempre quelle del costruttore giapponese benché "lavorate" a Milton Keynes.