30 Set [10:17]

Blancpain Asia a Shanghai
Choi campione, all’Absolute il titolo team

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Michele Montesano

MG Choi è il campione del Blancpain GT World Challenge Asia. Al coreano sono bastati un quarto e quinto posto nell’ultimo atto di Shanghai per conquistare l’alloro. Trionfo in solitaria per Choi, visto che non è stato affiancato da un co-equiper fisso. Infatti si sono succeduti nell’ordine: Gabriele Piana, Patric Niederhauser e Manuel Metzger. A conquistare il titolo team è stato l’Absolute Racing autore di due splendide vittorie nel weekend cinese.

In gara 1, la vittoria è andata a Martin Rump e Weiron Tan, ma purtroppo non è stata sufficiente per tenerli in lizza nella corsa al titolo. Il podio è stato completato dalla Ferrari di Yuya Sakamoto e Marcos Gomes che ha preceduto la Porsche di Tanart Sathienthirakul e Philip Hamprecht. Rump ha mantenuto abilmente la leadership nelle prime fasi di gara, nonostante il periodo di neutralizzazione dovuto al ritiro della Porsche di Hiroaki Nagai. Il pilota di casa Audi ha accumulato un vantaggio di dieci secondi nei confronti del diretto inseguitore Sathienthirakul, a sua volta pressato da Sakamoto. A completare le prime sei posizioni nell’ordine David Chen, Vutthikorn Inthraphuvasak e Choi.

Le posizioni di vertice sono rimaste invariate dopo i pit-stop obbligatori, così Tan ha potuto sfruttare il consistente vantaggio costruito da Rump andando a conquistare una vittoria in solitaria. La lotta è stata intensa per la piazza d’onore con Hamprecht che ha tenuto a bada Gomes all’inizio del suo stint, prima di cedere la seconda posizione al ferrarista. Metzeger ha ereditato la quarta posizione grazie al ritiro della Porsche del team Panther, incrementando così il vantaggio di Choi in classifica generale.

Il sesto posto finale (primo di classe) è stato sufficiente a Vutthikorn Inthraphuvasak, coadiuvato per l’occasione da Alexandre Imperatori, per conquistare il titolo GT3 riservato agli equipaggi ProAm. La corona di classe Am è andata alla coppia composta da Andrew Macpherson e Ben Porter portacolori della Lamborghini AMAC Motorsport.

In classe GT4 trionfo per il team iRace grazie ad una performance superlativa di Setiawan Santoso e Ringo Chong, l’equipaggio della Mercedes ha così conquistato anche il titolo riservato ai team. Per l’iRace sarebbe stata doppietta se l’equipaggio di Joe Chi e Keo Chang non fosse sceso al quarto posto per un drive-through. Così a completare il podio sono stati i due alfieri del Team Studie BMW Sunako Jukuchou e Takayuki Kinoshita, che per l’occasione hanno corso separatamente sfidandosi per la conquista della corona riservata ai piloti.

Nella seconda gara a trionfare è stata la Porsche del team Absolute di Yuan Bo e Leo Ye Hongli, consolidando il titolo riservato ai team. Seconda posizione (primo di classe ProAm) per Alessio Picariello e Jeffrey Lee, seguiti dalla Porsche di Inthraphuvasak e Imperatori. Quinto posto per Choi che gli è valso la conquista del titolo piloti. L’ultima manche ha visto un ordine di partenza insolito: con tutti i pretendenti al titolo che hanno preso il via da centro gruppo, quasi a rendere più complicata la sfida finale.

A partire dalla pole Chris Van der Drift, dopo che il team ARN ha dovuto dare forfait per gli ingenti danni riportarti alla sua Porsche. L’australiano ha subito preso il largo, inseguito a cinque secondi dalla Lamborghini del Vincenzo Sospiri Racing di Frederik Schandorff. A completare il podio virtuale la Mercedes di Picariello. Ottima la partenza di Metzeger: da tredicesimo in griglia a nono nell’arco di due tornate, appena dietro ad Hamprecht. Quinto Imperatori, che nel suo stint ha cercato in tutti i modi di risalire la classifica per aiutare il suo co-equiper Inthraphuvasak nella rincorsa al titolo.

La sosta ai box obbligatoria ha mietuto le prime vittime con la Ferrari di Sakamoto rimasta bloccata sui martinetti prima di ritirarsi; stessa sorte per la Porsche dell’Absolute rallentata prima dal cambio pneumatici e poi costretta al ritiro per la rottura del cambio. Così Inthraphuvasak e Choi, approfittando degli handicap tempo durante le soste, sono riusciti a risalire in classifica entrando in top-5. Dopo la tornata di pitstop la lotta al vertice si è ristretta fra Li Chao e Yuan Bo, seguiti da Jeffrey Lee, Alex Au e Inthraphuvasak.

Bo, dopo un lungo duello, è uscito vittorioso nei confronti di Chao il quale ha dovuto lasciare strada anche a Lee, Au e Inthraphuvasak. Il portacolori del Panther/AAS è riuscito a passare la Lamborghini del Vincenzo Sospiri Racing, ma l’obiettivo minimo per vincere il titolo piloti era il primo posto. Così un sornione Choi, con il quinto posto si è laureato matematicamente campione del Blancpain Asia.

Settima vittoria stagionale e titolo di classe GT4 per Jukuchou, il pilota BMW è partito dalla pole position ma nel primo stint ha dovuto vedersela con la Mercedes di Chong . Fortunatamente, nella seconda parte di gara, Santoso non è stato irresistibile come il suo partner. Il portacolori del team Studie ha così potuto trionfare, seguito dai due equipaggi dell’iRace.Win Santoso-Chong e Chang-Chi.

Venerdì 27 settembre 2019, gara 1

1 - Tan/Rump (Audi R8 LMS GT3 Evo) - Audi Sport Asia Team Absolute - 27 giri
2 - Sakamoto/Gomes (Ferrari 488 GT3) - HubAuto Corsa - 3"553
3 - Sathienthirakul/Hamprecht (Porsche 911 GT3 R) - Absolute - 16"566
4 - Choi/Metzeger (Mercedes-AMG GT3) - Solite Indigo - 25"266
5 - Chen/Frey (Audi R8 LMS GT3 Evo) - Audi Sport Asia Team TSRT - 34"958
6 - Inthraphuvasak/Imperatori (Porsche 911 GT3 R) - Panther/AAS - 34"971
7 - Bhirombhakdi/Sawa (McLaren 720S GT3) - ABSSA - 37"298
8 - Jingzu/Congfu (Audi R8 LMS GT3 Evo) - Audi Sport Asia Team Absolute - 43"877
9 - Fong/Burdon (Mercedes-AMG GT3) - Zun - 48"470
10 - Chao/Van der Drift (Porsche 911 GT3 R) - JRM - 51"832
11 - Bo/Hongli (Porsche 911 GT3 R) - Absolute - 55"270
12 - Ibrahim/Gisbergen (Mercedes-AMG GT3) - Triple Eight Australia - 57"200
13 - O'Young/Nielsen (Mercedes-AMG GT3) - Craft-Bamboo - 1'02"525
14 - Lee/Picariello (Mercedes-AMG GT3) - Craft-Bamboo - 1'02"816
15 - Au/Schandorff (Lamborghini Huracan GT3 Evo) - Vincenzo Sospiri - 1'33"103
16 - Tjiptobiantoro/Haryanto (Ferrari 488 GT3) - T2 Motorsports - 1'38"158
17 - Lu/On Chris (Mercedes-AMG GT3) - Phantom - 1'38"633
18 - Macpherson/Porter (Lamborghini Huracan GT3 Evo) - AMAC - 1'40"954
19 - Wei/Yokomizo (Mercedes-AMG GT3) - Anstone - 1'43"153
20 - Heng/Nan (Mercedes-AMG GT3) - iRace - 2'00"539
21 - Au/Moh (Mercedes-AMG GT3) - Craft-Bamboo - 2'01"249
22 - Ming/Chun (Mercedes-AMG GT3) - Zun - 1 giro
23 - Santoso/Chong (Mercedes-AMG GT4) - Team iRace.Win - 2 giri
24 - Jukuchou (BMW M4 GT4) - BMW Team Studie - 2 giri
25 - Kinoshita (BMW M4 GT4) - BMW Team Studie - 2 giri
26 - Chang/Chi (Mercedes-AMG GT4) - Team iRace.Win - 2 giri
27 - Merlin/Khoo (Mercedes-AMG GT4) - Craft-Bamboo - 3 giri
28 - Lee/Fong (Mercedes-AMG GT4) - GTO Racing with TTR - 4 giri

Ritirati
Nagai/Kamimura

Sabato 28 settembre 2019, gara 2

1 - Bo/Hongli (Porsche 911 GT3 R) - Absolute - 27 giri
2 - Lee/Picariello (Mercedes-AMG GT3) - Craft-Bamboo - 3"142
3 - Inthraphuvasak/Imperatori (Porsche 911 GT3 R) - Panther/AAS - 3"842
4 - Au/Schandorff (Lamborghini Huracan GT3 Evo) - Vincenzo Sospiri - 4"283
5 - Choi/Metzeger (Mercedes-AMG GT3) - Solite Indigo - 6"030
6 - Chao/Van der Drift (Porsche 911 GT3 R) - JRM - 17"076
7 - Chen/Frey (Audi R8 LMS GT3 Evo) - Audi Sport Asia Team TSRT - 22"711
8 - Tjiptobiantoro/Haryanto (Ferrari 488 GT3) - T2 Motorsports - 23"443
9 - O'Young/Nielsen (Mercedes-AMG GT3) - Craft-Bamboo - 24"185
10 - Bhirombhakdi/Sawa (McLaren 720S GT3) - ABSSA - 24"443
11 - Wei/Yokomizo (Mercedes-AMG GT3) - Anstone - 32"306
12 - Lu/On Chris (Mercedes-AMG GT3) - Phantom - 38"012
13 - Tan/Rump (Audi R8 LMS GT3 Evo) - Audi Sport Asia Team Absolute - 38"228
14 - Jingzu/Congfu (Audi R8 LMS GT3 Evo) - Audi Sport Asia Team Absolute - 46"770
15 - Macpherson/Porter (Lamborghini Huracan GT3 Evo) - AMAC - 1'21"008
16 - Ibrahim/Gisbergen (Mercedes-AMG GT3) - Triple Eight Australia - 1'26"667
17 - Heng/Nan (Mercedes-AMG GT3) - iRace - 1'57"364
18 - Au/Moh (Mercedes-AMG GT3) - Craft-Bamboo - 1 giro
19 - Ming/Chun (Mercedes-AMG GT3) - Zun - 1 giro
20 - Jukuchou (BMW M4 GT4) - BMW Team Studie - 2 giri
21 - Santoso/Chong (Mercedes-AMG GT4) - Team iRace.Win - 2 giri
22 - Chang/Chi (Mercedes-AMG GT4) - Team iRace.Win - 2 giri
23 - Kinoshita (BMW M4 GT4) - BMW Team Studie - 2 giri
24 - Lee/Fong (Mercedes-AMG GT4) - GTO Racing with TTR - 3 giri
25 - Sathienthirakul/Hamprecht (Porsche 911 GT3 R) - Absolute - 7 giri

Ritirati
Sakamoto/Gomes
Fong/Burdon
Merlin/Khoo

Il campionato
1.Choi 159; 2.Inthraphuvasak 141; 3.Sathienthirakul/Hamprecht 140; 4.Sakamoto 136; 5.Metzeger 123; 6.Tan/Rump 115; 7.Imperatori 115; 8.Bo 100; 9.Hongli 81; 10.Chen 77.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone