formula 1

FIA e F1, missione compiuta:
approvate le regole sui motori 2026

Finalmente. Dopo mesi, per non dire un paio d'anni, di trattative e discussioni, sono ufficialmente confermate le regole ...

Leggi »
formula 1

Misure anti porpoising dal 2023:
la delibera FIA con un compromesso

Nel Consiglio Mondiale di oggi, oltre ad approvare le power unit 2026, la FIA ha deliberato le misure in vigore dal 2023 cont...

Leggi »
formula 1

Verstappen non ha dubbi: "La Ferrari
più competitiva della mia Red Bull"

Il suo ruolino di marcia è impeccabile, la stagione 2022 è senza dubbio una delle migliori della sua carriera. Otto le vitto...

Leggi »
World Endurance

Ferrari prosegue i test della LMH
Cosa nasconde la livrea mimetica

Michele Montesano È un’estate intensa e priva di soste quella del reparto Ferrari Competizioni GT. Gli uomini di Maranello ...

Leggi »
Regional by Alpine

Intervista a Dino Beganovic
“Tanto lavoro con Prema dietro i miei successi”

Una partenza eccezionale, con sette podi nelle prime sette gare della stagione. Quello di Dino Beganovic, pilota della Ferrar...

Leggi »
Formula E

Vandoorne, l'ennesimo campione che
la F1 ha snobbato con troppa fretta

Nelson Piquet, Sebastien Buemi, Lucas Di Grassi, Jean-Eric Vergne (due volte), Antonio Felix Da Costa, Nyck De Vries, Stoffel...

Leggi »
30 Lug [12:14]

Budapest, gara 1
Sul bagnato la prima di Collet

Jacopo Rubino - XPB Images

Gara bagnata, gara fortunata per Caio Collet: nella Sprint Race a Budapest il brasiliano della MP Motorsport ha conquistato la sua prima vittoria in Formula 3. Ci è riuscito con una bella prova di forza in condizioni di aderenza precaria, dopo la pioggia caduta in precedenza sull'Hungaroring. Collet ha preso il comando della corsa al giro 10, quando ha definitivamente piegato la resistenza di un tenace Franco Colapinto in un derby tutto sudamericano.

Per prudenza, i commissari hanno optato per la partenza lanciata, con Oliver Goethe, polesitter al debutto nella categoria per la griglia invertita, che ha faticato a tenere il ritmo, perdendo terreno. Collet, quarto in griglia, è invece passato subito terzo, poi ha superato Isack Hadjar e infine, come detto, l'argentino Colapinto. In mezzo, ci sono stati due interventi della safety-car: alla prima tornata David Vidales ha sbattuto in curva 2 dopo un contatto con il compagno Pepe Marti, mentre al giro 5 Brad Benavides ha "travolto" Ido Cohen nella staccata in fondo al rettilineo principale.

Assunta la vetta, Collet si è involato, costruendo un vantaggio di 9" su Colapinto, ma il portacolori Van Amersfoort ha tenuto salda la piazza d'onore. A completare il podio è stato un altro pilota della MP Motorsport, Kush Maini: l'indiano ha sempre viaggiato nelle zone nobili del gruppo, ed è diventato terzo approfittando dell'errore commesso da Hadjar al giro 16. Il francese ha ceduto tre posizioni, superato anche da Jak Crawford e poi da Arthur Leclerc in risalita, ma ne ha recuperate due quando il monegasco della Prema, proprio all'ultima tornata, ha speronato il compagno Crawford che è finito in testacoda, precipitando in fondo. Alla penultima curva Leclerc, che aveva la sospensione anteriore danneggiata, è stato invece toccato da Victor Martins.

Leclerc, che poteva quasi azzerare il gap dal vertice classifica, vede invece allontanarsi i suoi avversari diretti, con Hadjar che diventa il nuovo leader di campionato a +1 sul connazionale della ART Grand Prix, sesto al traguardo alle spalle di Oliver Bearman.

Goethe, sofferente in apertura, si è poi stabilizzato su un buon ritmo che gli ha permesso di terminare ottavo all'esordio: già più di quanto ottenuto Hunter Yeany, che ha sostituito in questo round sulla vettura del team Campos. A punti anche Roman Stanek e Zane Maloney per la Trident, mentre il re della qualifica Alexander Smolyar, dodicesimo al via, è scivolato indietro per l'escursione sull'erba dopo la toccata con Gregoire Saucy. Lo svizzero ha poi chiuso settimo, il russo quindicesimo.

Aggiornamento: penalità in griglia per Leclerc e Benavides
Arthur Leclerc e Brad Benavides sono stati penalizzati di cinque posizioni sulla griglia di gara 2 di domani, dopo i rispettivi incidenti di cui sono stati considerati autori in gara 1. Il monegasco, nel finale, ha cercato l'attacco in curva 12 su Jak Crawford, suo compagno in Prema. Leclerc, quarto in qualifica, partirà quindi nono nella corsa di domani. Benavides ha invece mancato il punto di frenata in curva 1 centrando Ido Cohen, costretto al ritiro. Il portacolori Carlin, 25esimo in qualifica, scivolerà così in fondo allo schieramento, 30esimo.

Sabato 30 luglio 2022, gara 1

1 - Caio Collet - MP Motorsport - 18 giri 37'34"616
2 - Franco Colapinto - Van Amersfoort - 8"789
3 - Kush Maini - MP Motorsport - 9"694
4 - Isack Hadjar - Hitech - 12"004
5 - Ollie Bearman - Prema - 13"915
6 - Victor Martins - ART - 14"607
7 - Gregoire Saucy - ART - 15"561
8 - Oliver Goethe - Campos - 19"682
9 - Roman Stanek - Trident - 20"082
10 - Zane Maloney - Trident - 21"180
11 - Reece Ushijima - Van Amersfoort - 22"208
12 - Juan Manuel Correa - ART - 22"877
13 - Jonny Edgar - Trident - 24"797
14 - Pepe Marti - Campos - 27"122
15 - Alexander Smolyar - MP Motorsport - 29"104
16 - William Alatalo - Jenzer - 29"590
17 - Rafael Villagomez - Van Amersfoort - 31"696
18 - Zak O'Sullivan - Carlin - 31"956
19 - Kaylen Frederick - Hitech - 37"123
20 - Jak Crawford - Prema - 38"362
21 - Francesco Pizzi - Charouz - 38"718
22 - Christian Mansell - Charouz - 39"394
23 - Nazim Azman - Hitech - 40"281
24 - Enzo Trulli - Carlin - 43"663
25 - Federico Malvestiti - Jenzer - 48"834
26 - Laszlo Toth - Charouz - 49"526
27 - Arthur Leclerc - Prema - 52"437

Giro più veloce: Caio Collet 1'50"440

Ritirati
7° giro - Ido Cohen
5° giro - Brad Benavides
1° giro - David Vidales

Il campionato
1.Hadjar 104 punti; 2.Martins 103; 3.Leclerc 91; 4.Crawford 70; 5.Stanek 69; 6.Bearman 65; 7.Colapinto 51; 8.Collet 50; 9.Smolyar 38; 10.O'Sullivan 33

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone