formula 1

FIA e F1, missione compiuta:
approvate le regole sui motori 2026

Finalmente. Dopo mesi, per non dire un paio d'anni, di trattative e discussioni, sono ufficialmente confermate le regole ...

Leggi »
formula 1

Misure anti porpoising dal 2023:
la delibera FIA con un compromesso

Nel Consiglio Mondiale di oggi, oltre ad approvare le power unit 2026, la FIA ha deliberato le misure in vigore dal 2023 cont...

Leggi »
formula 1

Verstappen non ha dubbi: "La Ferrari
più competitiva della mia Red Bull"

Il suo ruolino di marcia è impeccabile, la stagione 2022 è senza dubbio una delle migliori della sua carriera. Otto le vitto...

Leggi »
World Endurance

Ferrari prosegue i test della LMH
Cosa nasconde la livrea mimetica

Michele Montesano È un’estate intensa e priva di soste quella del reparto Ferrari Competizioni GT. Gli uomini di Maranello ...

Leggi »
Regional by Alpine

Intervista a Dino Beganovic
“Tanto lavoro con Prema dietro i miei successi”

Una partenza eccezionale, con sette podi nelle prime sette gare della stagione. Quello di Dino Beganovic, pilota della Ferrar...

Leggi »
Formula E

Vandoorne, l'ennesimo campione che
la F1 ha snobbato con troppa fretta

Nelson Piquet, Sebastien Buemi, Lucas Di Grassi, Jean-Eric Vergne (due volte), Antonio Felix Da Costa, Nyck De Vries, Stoffel...

Leggi »
31 Lug [11:27]

Budapest, gara 2
Fuga Smolyar, dietro finale intenso

Jacopo Rubino

Alexander Smolyar può festeggiare la sua prima vittoria stagionale in Formula 3: scattato dalla pole-position, ha trionfato in gara 2 a Budapest, anche questa andata in scena su pista bagnata. Quest'anno iscritto sotto bandiera neutrale della FIA, il russo in partenza si è dovuto difendere da Zane Maloney e Oliver Bearman, ma è riuscito via via a costruire un buon margine per avere la situazione in pugno. La MP Motorsport ha così bissato il successo firmato ieri da Caio Collet. Alle spalle di Smolyar, Maloney e Bearman hanno viaggiato in tandem fino al traguardo, in un derby italiano fra i team Trident e Prema che si è risolto al fotofinish. L'inglese, mentre l'asfalto si stava asciugando, nel finale è diventato più minaccioso e ha cercato l'attacco in volata, ma Maloney ha resistito in piazza d'onore per appena 25 millesimi (foto sotto).

A un soffio dal podio è arrivato Zak O'Sullivan: l'alfiere Carlin, dopo una qualifica negativa, stava veleggiando a centro gruppo ma ha montato gomme slick al giro 15, accendendo le fasi conclusive di questa Feature Race. Quando le sue Pirelli sono entrate a regime, O'Sullivan ha guadagnato 10" ad ogni tornata sui rivali con i pneumatici rain, effettuando sorpassi quasi in modalità videogioco. Stessa strategia e stesse tempistiche per Juan Manuel Correa, salito sesto, mentre in mezzo a loro ha chiuso quinto Jak Crawford.



Settimo Kush Maini, ottavo Arthur Leclerc, che prima delle travolgenti rimonte di O'Sullivan e Correa era stato bravo a risalire in sesta posizione provvisoria, superando fra gli altri Victor Martins, suo diretto avversario per il titolo. Il francese nelle ultime battute ha perso ritmo, venendo scavalcato anche Colle e insidiato dal suo compagno Gregoire Saucy. Martins ha quindi portato a casa la decima posizione, sufficiente almeno a riagganciare Isack Hadjar in vetta alla classifica generale: ora sono appaiati a 104 punti, mentre Leclerc accorcia leggermente, a quota 95.

Per Hadjar è stata una domenica opaca, subito compromessa dallo start a rilento. L'alfiere Hitech non è stato poi in grado di recuperare, e nel suo caso il passaggio alle slick è avvenuto probabilmente troppo tardi, al giro 20. Ha quindi terminato 18esimo, restando a mani vuote. La carta del cambio gomme l'hanno giocata anche i nostri Enzo Trulli (19esimo) e Francesco Pizzi (27esimo), mentre l'altro italiano Federico Malvestiti ha tagliato il traguardo 25esimo.

Domenica 31 luglio, gara 2

1 - Alexander Smolyar - MP Motorsport - 24 giri 45'02"423
2 - Zane Maloney - Trident - 5"560
3 - Ollie Bearman - Prema - 5"585
4 - Zak O'Sullivan - Carlin - 7"316
5 - Jak Crawford - Prema - 8"705
6 - Juan Manuel Correa - ART - 10"059
7 - Kush Maini - MP Motorsport - 10"578
8 - Arthur Leclerc - Prema - 10"983
9 - Caio Collet - MP Motorsport - 19"452
10 - Victor Martins - ART - 19"614
11 - Gregoire Saucy - ART - 22"570
12 - Roman Stanek - Trident - 23"027
13 - David Vidales - Campos - 32"473
14 - Reece Ushijima - Van Amersfoort - 35"487
15 - Franco Colapinto - Van Amersfoort - 38"020
16 - William Alatalo - Jenzer - 39"532
17 - Ido Cohen - Jenzer - 40"124
18 - Isack Hadjar - Hitech - 40"642
19 - Enzo Trulli - Carlin - 40"978
20 - Kaylen Frederick - Hitech - 41"152
21 - Rafael Villagomez - Van Amersfoort - 41"692
22 - Brad Benavides - Carlin - 47"360
23 - Christian Mansell - Charouz - 57"609
24 - Jonny Edgar - Trident - 1'09"334
25 - Federico Malvestiti - Jenzer - 1'10"674
26 - Nazim Azman - Hitech - 1'14"488
27 - Francesco Pizzi - Charouz - 1'16"800
28 - Oliver Goethe - Campos - 1'27"064
29 - Pepe Marti - Campos - 1 giro

Giro più veloce: Zak O'Sullivan 1'38"070

Ritirati
3° giro - Laszlo Toth

Il campionato
1.Hadjar 104 punti; 2.Martins 104; 3.Leclerc 95; 4.Crawford 80; 5.Bearman 80; 6.Stanek 69; 7.Smolyar 63; 8.Collet 52; 9.Colapinto 51; 10.Maloney 48

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone