formula 1

La F1 piange Tambay, da
tempo malato di Parkinson

Se ne è andato, in silenzio, Patrick Tambay. Da tempo il 73enne pilota francese nato il 25 giugno 1949 a Parigi, soffriva di ...

Leggi »
World Endurance

Villeneuve ha provato la Vanwall LMH
a Montmelò, obiettivo Le Mans 2023?

Michele Montesano La voglia di rimettersi costantemente in discussione non è mai mancata a Jacques Villeneuve. Dopo aver vi...

Leggi »
FIA Formula 3

Fornaroli nuovo pilota Trident
Nel 2022 miglior rookie Alpine

Leonardo Fornaroli è il secondo pilota italiano dopo Gabriele Minì che parteciperà al campionato di F3. Il 18enne piacentino ...

Leggi »
formula 1

I benefici economici del
GP di Imola? 274 milioni

Uno studio sulla ricaduta economica del Gran Premio di F1 svoltosi a Imola, ha sancito il successo della manifestazione per q...

Leggi »
dtm

L'ADAC salva il DTM
La mediazione di Berger

Il DTM è salvo. L'ADAC, Allgemeiner Deutscher Automobil Club, sarà il nuovo organizzatore e promotore della serie più fam...

Leggi »
dtm

ITR non organizzerà il DTM
Berger spera nell'ADAC

Il 6 novembre Italiaracing aveva riportato la difficoltà da parte di Gerhard Berger e della ITR nell'organizzare il campi...

Leggi »
17 Lug [14:03]

Budapest, libere
La pioggia rallenta l'azione

Jacopo Rubino

Formula 2 disturbata dall'acqua nelle prove libere a Budapest: la minaccia di pioggia durante il turno della F1 si è concretizzata proprio quando è scesa in pista la serie cadetta. Ne è venuta fuori una sessione decisamente poco significativa, con soli 9 piloti a siglare un riferimento cronometrico, e in generale una certa prudenza in vista delle qualifiche pomeridiane. Il miglior tempo, per la cronaca, è stato siglato da Giuliano Alesi in 1'45"926 con la vettura del team HWA, davanti di oltre 1" a Jack Aitken.

In apertura il tracciato era ancora asciutto, con le auto uscite montando le gomme slick, ma poco più tardi è comparsa una leggera pioggia. I commissari hanno così dichiarato il regime "wet", consentendo l'utilizzo dei pneumatici da bagnato, ma le squadre hanno preferito conservarli per il resto del weekend, in caso di necessità.

Nella strada verso i box, Dan Ticktum è stato protagonista di un piccolo testacoda alla penultima curva e non è riuscito a ripartire. Il più attivo è stato invece Marino Sato della Trident, con 13 passaggi totali: il giapponese ha chiuso terzo, precedendo di poco Artem Markelov (HWA) e Louis Deletraz (Charouz). A seguire, Guillherme Samaia, Roy Nissany, Felipe Drugovich e Nobuharu Matsushita. Per tutti gli altri, solo giri di installazione.

Venerdì 17 luglio 2020, libere

1 - Giuliano Alesi - HWA - 1'45"926 - 8 giri
2 - Jack Aitken - Campos - 1'47"100 - 6
3 - Marino Sato - Trident - 1'47"664 - 13
4 - Artem Markelov - HWA - 1'47"726 - 12
5 - Louis Deletraz - Charouz - 1'47"786 - 8
6 - Guilherme Samaia - Campos - 1'49"129 - 8
7 - Roy Nissany - Trident - 1'49"397 - 12
8 - Felipe Drugovich - MP Motorsport - 1'50"413 - 7
9 - Nobuharu Matsushita - MP Motorsport - 2'01"312 - 8
10 - Jehan Daruvala - Carlin - s.t. - 6
11 - Yuki Tsunoda - Carlin - s.t. - 6
12 - Christian Lundgaard - ART - s.t. - 5
13 - Nikita Mazepin - Hitech - s.t. - 2
14 - Guanyu Zhou - UNI Virtuosi - s.t. - 2
15 - Dan Ticktum - DAMS - s.t. - 1
16 - Luca Ghiotto - Hitech - s.t. - 5
17 - Marcus Armstrong - ART - s.t. - 5
18 - Pedro Piquet - Charouz - s.t. - 7
19 - Mick Schumacher - Prema - s.t. - 3
20 - Callum Ilott - UNI Virtuosi - s.t. - 2
21 - Sean Gelael - DAMS - s.t. - 4
22 - Robert Shwartzman - Prema - s.t. - 4

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone