formula 1

La Mercedes vinci tutto
presenta la nuova W12

Massimo Costa

Che dire... E' bella, bellissima, accattivante, aggressiva. E' la Merced...

Leggi »
Mondiale Rally

Arctic Rally - Finale
Tanak vince, Rovanpera leader

Massimo Costa - XPB Images

Erano stati categorici prima del via dell'Arctic Rally, seconda...

Leggi »
20 Feb [20:51]

Champions Cup ad Adria
Lammers in fuga nella MINI

 La WSK Champions Cup ad Adria è pronta al gran finale di domenica 21 Febbraio, momento clou di questo primo weekend del karting internazionale nell’apertura della stagione agonistica 2021 che ha visto una bell’avvio con ben 337 piloti sui 350 iscritti nelle quattro categorie MINI, OKJ, OK e KZ2. L’atto finale di domenica comprende le ultime 3 manches dell’affollatissima MINI, poi a seguire le due Prefinali di ogni categoria utili per determinare i finalisti di questo spettacolare evento, e quindi le 4 finali per la conquista dei 4 titoli in palio. 

Renaudin, Gustavsson e Celenta al comando della KZ2
C’è da aspettarsi una bella battaglia in KZ2. Al comando dopo le manches si è portato il francese Adrien Renaudin (Sodikart/Sodikart-TM Racing), con una seconda vittoria colta sabato, insieme ad altri due forti pretendenti determinati a guadagnare la vittoria, lo svedese Viktor Gustavsson (Leclerc by Lennox/BirelArt-TM Racing) vincitore di due manches sabato, e l’italiano Francesco Celenta (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing) con una seconda vittoria sabato oltre a quella ottenuta venerdì, tutti e tre a pari penalità! Fra i favoriti si inserisce anche l’olandese Senna Van Walstijn (CPB/Sodikart-TM Racing), che ha accusato un ritiro per incidente, oltre al finlandese Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex) attualmente quarto. Un po’ indietro in classifica invece due protagonisti della categoria, l’olandese Stan Pex (KR Motorsport/KR-TM racing) e il suo compagno di colori Danilo Albanese in rimonta dopo un ritiro.
Classifica manches KZ2: 1. Renaudin penalità 3; 2. Celenta 3; 3. Gustavsson 3; 4. Puhakka 11; 5. Van Leeuwen 12; 6. Valtanen 15: 7. Pex 17; 8. Carbonnel 18.

Il brasiliano Camara brilla in OK
Uno dei maggiori protagonisti della categoria OK, Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame), è riuscito a prendersi la soddisfazione di due vittorie di manches nella giornata di sabato, ma il suo percorso è stata condizionato da alcuni momenti sfortunati. Meglio di tutti ha fatto il suo compagno di squadra, il brasiliano Rafael Camara, che grazie ad una vittoria in una manche di sabato e a quella ottenuta venerdì, insieme ad altri piazzamenti positivi, ha concluso al primo posto nella classifica provvisoria. Ottima anche la competitività dell’altro compagno di squadra di KR Motorsport, Brando Badoer, autore di una vittoria e del secondo posto in classifica. Terzo in graduatoria ancora un pilota di KR Motorsport, l’inglese Arvid Lindblad. Gli altri vincitori di manche di sabato sono stati l’inglese Joseph Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex) e l’americano Ugo Ugochukwu (Sauber/KR-Iame).
Classifica manches OK: 1. Camara penalità 6, 2. Badoer 8; 3. Lindblad 9; 4. Turney 9; 5. Tsolov 12; 6. Ugochukwu 13; 7. Andreasson 17; 8. Pirttlahati 20.

In OKJ bel duello fra Al Dhaheri e Keeble
Sono state necessarie un bel po’ di manches per definire la classifica della OK-Junior, ben 15 in totale. Grazie al bis vincente di una manche anche nella giornata di sabato e ai suoi piazzamenti, in testa alla classifica si è portato il pilota dei paesi arabi Rashid Al Dhaheri (Parolin Motorsport/Parolin-TM Racing). Chi ha vinto di più è stato però l’inglese Harley Keeble (Trony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex), ben 4 successi sabato, l’ultimo ottenuto proprio davanti ad Al Dhaheri. Piuttosto bene anche il giapponese Kean Nakamura Berta (Forza Racing/Exprit-TM Racing), al suo secondo successo di manche. Due vittorie le ha ottenute anche il tedesco Maxim Rehm (Ricky Flynn/Kosmic-Vortex), con un totale di tre considerando un successo ottenuto venerdì, ma in classifica generale è indietro per un ritiro accusato nella prima manche di venerdì. Un successo anche per il russo Dmitry Matveev (KR Motorsport/KR-Iame) e per il francese Maxens Verbrugge (Ricky Flynn/Kosmic-Vortex).
Classifica manches OKJ: 1. Al Dhaheri penalità 7; 2. Keeble 8; 3. Nakamura 10; 4. Fluxa 20; 5. Orlov 21; 6. Gowda 26; 7. Bunatyan 27; 8. Kutskov 27.

Lammers davanti a tutti nella MINI
Al termine delle 18 manches della MINI, la classifica provvisoria vede al comando René Lammers (Baby Race/Parolin-Iame), autore di due vittorie anche sabato in aggiunta a quella conquistata venerdì, ma per definire questa classifica di manches mancano all’appello ancora tre gare di domenica mattina. Intanto alle spalle di Lammers (nella foto), figlio dell'ex pilota di F1 Jan, si è portato Emanuele Olivieri (Formula K Serafini/IPK-TM Racing), grazie a buoni piazzamenti e alla vittoria di venerdì, insieme allo svizzero Kilian Josseron (Team Driver/KR-Iame) autore di una vittoria. Le manches di sabato hanno visto vincenti in due occasioni anche l’asiatico Tiziano Monza Sauber/KR-Iame), mentre un successo è andato al polacco Jan Przyrowsky (AV Racing/Parolin-TM Racing), al belga Dries Van Laugenndonk (BirelArt Racing/BirelArt-TM Racing), all’austriaco Niklas Schaufler (Emme Racing/EKS-TM Racing), all’australiano Griffin Peebles (Team Driver/KR-Iame).
Classifica provvisoria manches MINI: 1. Lammers penalità 6; 2. Olivieri 9; 3. Josseron 9; 4. Schaufler 10; 5. Pesl 11; 6. Peebles 12; 7. Monza 12; 8. Martinese 14.

Foto Sportinphoto
 

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone