18 Set [10:48]

Correa resta in coma indotto,
in attesa di un nuovo intervento

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Jacopo Rubino

Sono passati oltre dieci giorni, e Juan Manuel Correa resta ancora in coma indotto nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Londra dove è ricoverato. Lo ha confermato la famiglia del pilota ecuadergno nell'ultima nota ufficiale sul suo stato di salute, compromesso dal terribile incidente di gara 1 della Formula 2 a Spa in cui Anthoine Hubert ha invece perso purtroppo la vita.

Le funzioni respiratorie di Correa rimangono assistite da apparecchiature esterne, per dare modo ai polmoni di recuperare più velocemente dopo il violento trauma subito nell'impatto. Quando la loro condizione sarà considerata sicura a sufficienza da parte dei medici, si procederà subito con una ulteriore operazione alle gambe, che come si legge "rimangono una preoccupazione importante".

Nei giorni scorsi, i genitori Juan Carlos e Maria avevano infatti già spiegato che le fratture riportate sono "numerose e serie", aggiungendo che "le infezioni sono sotto controllo e tutti i segni vitali rimangono stabili. I dottori ci hanno ricordato che, al momento, tuttò ciò che possiamo chiedere è che Juan Manuel continui a migliorare, anche se a piccoli passi".

Nel frattempo, il team Sauber by Charouz ha annunciato l'accordo con il russo Matevos Isaakyan per i prossimi appuntamenti della F2 a Sochi e Abu Dhabi. A Monza la scuderia ceca si era presentata al via con il solo Callum Illot, riuscendo peraltro a conquistare una pole-position dal forte valore simbolico nelle qualifiche del venerdì.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone