indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Qualifica
Alpine pole da usato garantito

Michele Montesano A dispetto del nuovo corso delle HyperCar, voluto da Aco e WEC, a siglare la pole position a Portimão è st...

Leggi »
formula 1

Gli incidenti di Baku: sotto accusa
le pressioni adottate in gara dai team

Sono trascorsi sette giorni dal Gran Premio di Baku e ancora non si conoscono le cause precise che hanno determinato il cedim...

Leggi »
formula 1

La Haas non è più ultima,
ma la lotta interna si scalda

Anche un 13esimo posto può valere moltissimo. Quello ottenuto da Mick Schumacher nella caotica domenica a Baku, per esempio, ...

Leggi »
Rally

Mossa a sorpresa McLaren:
dal 2022 entra in Extreme E

Sorpresa: la McLaren aprirà una nuova pagina della sua lunga storia sportiva debuttando nelle gare off-road. Quali? Quelle de...

Leggi »
IMSA

BMW conferma il programma LMDh
per il 2023 e con obiettivo Le Mans

Il nuovo direttore di BMW M Markus Flasch ha confermato che la marca bavarese realizzerà un programma LMDh per il 2023. Senza...

Leggi »
25 Giu [9:40]

Dopo il filming day AlphaTauri,
Imola sogna tre GP italiani nel 2020

Jacopo Rubino

Monza, Mugello e Imola: c'è spazio per tutte e tre nel calendario 2020 di Formula 1? È il sogno del presidente dell'autodromo emiliano, Uberto Selvatico Estense, per formare "un leggendario triplete nazionale". E come la Ferrari al Mugello martedì, ieri tra i saliscendi del Santerno ha girato l'AlphaTauri per prepararsi in vista del primo Gran Premio in programma, quello in Austria del 5 luglio.

La scuderia di Faenza, distante appena una ventina di minuti, ha messo a disposizione addirittura due modelli per Pierre Gasly e Daniil Kvyat: la AT01 che correrà quest'anno, utilizzata attraverso la regola del filming day (con un tetto di 100 km da percorrere), e la STR13 del 2018 con cui i due piloti hanno potuto allenarsi senza limiti sulla distanza. La vecchia Toro Rosso è stata la prima vettura del team spinta dal propulsore Honda, elemento che ha permesso di poterla nuovamente sfruttare per questa occasione.

Alla fine, sia Kvyat che Gasly si sono detti entusiasti. "La pista è davvero fantastica da guidare, con bei curvoni veloci. Sono dell'opinione che dovrebbe essere assolutamente nel calendario", ha affermato il russo, raccontando di aver effettuato qui uno dei suoi primi test in monoposto, nel 2010. E nel 2012 corse su questo tracciato Formula Renault 2.0 Alps, laureandosi campione al termine della stagione. Nella stessa categoria si misurò nel 2013 il compagno Gasly, che a Imola si aggiudicò un secondo posto in gara 1. "È uno dei miei circuiti preferiti", ha sottolineato il francese. "Sono stato molto contento di tornare al volante dopo così tanto tempo, ora siamo pronti per l'Austria".

"Risentire sulla nostra pista il sound di una power unit della Formula 1 è stata un'emozione da brividi", ha poi raccontato il presidente Selvatico Estense. "Imola ha la F1 nel suo DNA e su questo tracciato si è svolta la storia della F1, non va dimenticato e bisogna esserne giustamente orgogliosi. Guardando avanti, e con un occhio all'economia del territorio in questo momento di crisi, il nostro obiettivo è riportare qui la massima serie. Abbiamo iniziato a lavorare su questa ipotesi da aprile, insieme alle istituzioni locali e Liberty Media. Ci auguriamo che anche l'autorità sportiva nazionale appoggi la nostra candidatura".

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone