formula 1

Imola - Piastri penalizzato
Le Ferrari in seconda fila

Era nell'aria e puntualmente è arrivata. Oscar Piastri ha rovinato la sua eccezionale prestazione in qualifica, che lo av...

Leggi »
formula 1

Imola - Qualifica
Verstappen non fa prigionieri

Max Verstappen e la Red Bull erano in difficoltà fino al terzo turno libero di questa mattina. Stavano lavorando sodo in base...

Leggi »
indycar

Indy 500, Qualifica 1
Dominio del team Penske

Team Penske mostruoso nel primo giorno di qualifica per la Indy 500. Le tre vetture del Capitano, dopo tre anni di qualifiche...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 2
Weerts-Vanthoor fendono la notte

Michele Montesano - Foto Speedy BMW ha proseguito a dettare legge a Misano. Anche con il calare della notte la M4 GT3 si...

Leggi »
GT2 Europe

Misano – Gara 1
Gorini-Tamburini nel segno del Tridente

Michele Montesano - Foto Speedy Maserati ha vinto la gara di casa a Misano del Fanatec GT2 European Series. Leonardo Gorini e...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 1
Rossi e Martin concedono il bis

Michele Montesano - Foto Speedy A meno di un anno di distanza, Valentino Rossi e Maxime Martin sono tornati sul gradino più ...

Leggi »
12 Mag [18:20]

Hockenheim - Gara 2
La prima di Giltaire nell'anarchia totale

Davide Attanasio - Dutch Photo

Non è stata una corsa, la seconda del Formula Regional europeo by Alpine in quel di Hockenheim. Piuttosto, una battaglia su chi buttava fuori chi. Ad Evan Giltaire (ART), partito secondo dopo la girandola dei tempi tolti e poi rimessi nelle qualifiche della mattinata, è bastato superare James Wharton (Prema) al via e gestire le due ripartenze sulle tre safety car entrate in pista. Prima vittoria per il campione uscente della F4 francese, categoria vinta con quattro punti su Enzo Peugeot.

Peugeot (Saintéloc), uno dei tanti protagonisti di questa strana corsa: a un certo punto lo si è visto battagliare con Nicola Lacorte (Trident) senza l'ala anteriore, poi sostituita: emblematico.

Ma andiamo con ordine: al primo giro la safety car è entrata subito in scena con non uno, non tre, ma ben quattro piloti fuori dai giochi: Edgar Pierre (RPM) alla "Mobile 1 Kurve", il poleman James Wharton, invischiato in una serie di contatti ravvicinati, Ugo Ugockukwu (Prema) e Alex Sawer (KIC). Si segnala anche un'uscita di pista da parte di Nikhil Bohra (MP Motorsport).

Rientrata ai box la vettura di sicurezza, la gara ha vissuto un altro dei suoi momenti palpitanti, con i compagni di casa Trident Nicola Lacorte e Roman Bilinski, quest'ultimo campione della Regional Oceania, vicini - fortunatamente non abbastanza - a fare la frittata.

A far ritornare la normalità - che in questo caso significa safety car in pista - ci ha pensato Léna Bühler, anche se non per colpa sua: l'elvetica, membra dell'academy Sabuer e seconda classificata nella F1 Academy nel 2023, è stata colpita da un'altra vettura, e la sua ART ha riportato danni irreparabili al braccetto anteriore destro.

L'azione è poi ripresa a circa cinque minuti dalla fine dei 25 (e un giro di gara) a disposizione, ma un'altra safety car si è imbattuta tra il circuito tedesco e la bandiera verde: Kanato Le, alfiere di G4 Racing, e Costa Toparis, australiano di KIC, sono andati al contatto, portando a termine, de facto, la gara di tutti con l'ingresso dell'ennesima safety.

Dietro Giltaire, sul secondo gradino del podio si è issato l'ormai navigato Rafael Câmara, leader del campionato con due podi (il primo posto di ieri e la piazza d'onore odierna). Terza posizione per il lusitano Ivan Domingues (Van Amersfoort). La zona punti è, di seguito, composta da Enzo Deligny, Théophile Naël (tre francesi nei primi cinque), il primo degli italiani Brando Badoer (Van Amersfoort), il campione della F4 Brasile - nel 2022 - Pedro Clerot (MP Motorsport), Nikita Bedrin (MP Motorsport), il finnico Tuukka Taponen e Nicola Lacorte.

Fuori dai punti, buone le prestazioni di Matteo De Palo (Saintéloc), undicesimo, e Romain Andriolo (G4 Racing), diciassettesimo, bravi e fortunati nell'evitare incidenti.

In tarda serata, tuttavia, sia il romano che Naël sono stati penalizzati da una direzione corse certosina per eccesso di track limits. Matteo è così scivolato tredicesimo, Naël settimo.
 
Domenica 12 maggio 2024, gara 2

1 - Evan Giltaire - ART - 15 giri in 33'12"713
2 - Rafael Câmara- Prema - 0"934
3 - Ivan Domingues - Van Amersfoort - 1"355
4 - Enzo Deligny - R-Ace - 1"654
5 - Brando Badoer - Van Amersfoort - 2"569
6 - Pedro Clerot - Van Amersfoort - 3"524
7 - Théophile Naël - Saintéloc - 2"057 *
8 - Nikita Bedrin - MP Motorsport - 4"110
9 - Tuukka Taponen - R-Ace - 4"504
10 - Nicola Lacorte - Trident - 4"941
11 - Roman Bilinski - Trident - 6"335
12 - Noah Strømsted - RPM - 7"356
13 - Matteo De Palo - Sainteloc - 6"158 *
14 - Alessandro Giusti - ART - 7"800
15 - Giovanni Maschio - RPM - 8"437
16 - Zachary David - R-Ace - 8"718
17 - Romain Andriolo - G4 Racing - 9"652
18 - Ruiqi Liu - Trident - 9"920
19 - Jesse Carrasquedo - G4 Racing - 11"463
20 - Valerio Rinicella - MP Motorsport - 12"222
21 - Nandhavud Bhirombhakdi - KIC - 12"700
22 - Nikhil Bohra - MP Motorsport - 12"815
23 - Doriane Pin - Iron Dames - 13"403
24 - Enzo Peugeot - Saintéloc - 18"621
25 - Marta García - Iron Dames - 19"033
26 - Yaroslav Veselaho - ART - 19"267

* retrocessi di due posizioni per eccesso di track limits

Ritirati
Costa Toparis
Kanato Le
Léna Bühler
Ugo Ugochukwu
Alex Sawer
James Wharton
Edgar Pierre

Il campionato
1.Câmara 43; 2.Giltaire, Domingues 25; 4.Badoer 22; 5.Taponen 20; 6.Wharton 15; 7.Deligny 13; 8.Bedrin 12; 9.Clerot 8; 10.Naël, Ugochukwu 6; 12.Giusti 4; 13.Bilinski 2; 14.Lacorte 1.