formula 1

Schumacher-Mazepin anche nel 2022,
la Haas conferma i suoi piloti

Mick Schumacher e Nikita Mazepin saranno i piloti Haas anche nel campionato di Formula 1 2022: l'ufficialità è arrivata a...

Leggi »
formula 1

Il weekend di Monaco "normalizzato":
dal 2022 basta prove libere al giovedì

Anche le tradizioni non sono per sempre, e nel 2022 in Formula 1 ne sparirà una tipica del Gran Premio di Monaco: il weekend ...

Leggi »
formula 1

Honda al massimo fino alla fine:
da Spa batterie evolute per la Red Bull

Il mantra lo conosciamo da mesi: la Honda lascerà la Formula 1 a fine stagione, ma sta dando sempre il massimo per uscire di ...

Leggi »
formula 1

Whitmarsh torna in Formula 1:
ruolo dirigenziale in Aston Martin

Martin Whitmarsh rientra nel giro della Formula 1, e lo fa con il team Aston Martin: sarà responsabile della nuova divisione ...

Leggi »
F3 FIA Asia

È pronto il calendario 2022
Cinque eventi tra Yas Marina e Dubai

La bella e avvincente stagione 2021 della F3 Asia organizzata dalla Top Speed dell'italiano Davide De Gobbi è alle spalle...

Leggi »
formula 1

Prost contro le strane idee di Liberty
"La griglia invertita? Non sarebbe più F1"

C'è un signore che ha fatto la storia della F1. Un signore che ha vinto quattro campionati del mondo e da qualche stagio...

Leggi »
2 Giu [7:45]

I segreti della vittoria di Castroneves
Una storia di macchine e persone

Marco Cortesi

La Indy 500 che Helio Castroneves ha vinto è stata il più grande evento collettivo al mondo da inizio pandemia. Un successo importantissimo per Roger Penske ed il suo gruppo, che sono andati "sold out" coi biglietti. Ancor più degno di nota, il fatto che 90.000 persone si siano vaccinate proprio in pista nel periodo prima della gara, e anche nel giorno stesso.

Per Helio, "solo" 1 milione e 800 mila $
Un'edizione memorabile, per molti aspetti. Oltre alla soddisfazione di aver scalato le reti davanti ai fan festanti, Castroneves si è portato a casa 1.828.000 dollari. Una cifra lontana dal suo stesso record del 2009 (oltre 3 milioni) per via dei pochi giri condotti e della pole mancata, ma comunque superiore a quella di Takuma Sato dell'anno scorso. Una delle prime cose che ha voluto fare, è stato andare a trovare un suo super-tifoso, Jameson Terzini, che aveva visitato nella "parata al contrario" pre-gara e a cui aveva promesso di tornare in caso di vittoria. Promessa mantenuta.

Meccanici dall'IMSA, vettura da... Hanley
Castroneves ha trovato al team Meyer Shank la destinazione cucita intorno a lui. Una scuderia familiare, gestita da Michael e dalla moglie Mary Beth Shank con il supporto di Jim Meyer, in cui tutti lavorano tanto e non ci si fanno troppi problemi. Dopo aver dovuto rinunciare a correre nel 2012 perché Chevy e Honda non gli avevano voluto fornire un motore, Shank ha costruito tutto pezzo per pezzo. La vettura della quarta vittoria di Castroneves, ad esempio, è arrivata dal team DragonSpeed, quella che Ben Hanley aveva pilotato nella sua breve e avara di soddisfazioni esperienza in IndyCar. Per seguire il campione brasiliano, Shank (che ha alle dipendenze circa 50 persone) ha chiamato il team di meccanici che normalmente segue l'Acura ARX05 di Dane Cameron e Olivier Pla nell'IMSA.

Ai box un volto amico
Per dare un'idea dell'impegno, Castroneves si presentava alle 7 del mattino per le prove di pit-stop, di modo da simulare il più possibile la situazione reale. Ad aiutarlo anche il capo meccanico Matt Swan, che aveva trovato ad inizio carriera in CART al team Hogan.  Alla fine, la situazione è stata la più propizia, e i risultati si sono visti. Ora, l'idea è di tornare presto in pista, anche se le concomitanze con l'IMSA renderanno difficile aggiungere gare al programma iniziale...

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone