formula 1

Imola - Piastri penalizzato
Le Ferrari in seconda fila

Era nell'aria e puntualmente è arrivata. Oscar Piastri ha rovinato la sua eccezionale prestazione in qualifica, che lo av...

Leggi »
formula 1

Imola - Qualifica
Verstappen non fa prigionieri

Max Verstappen e la Red Bull erano in difficoltà fino al terzo turno libero di questa mattina. Stavano lavorando sodo in base...

Leggi »
indycar

Indy 500, Qualifica 1
Dominio del team Penske

Team Penske mostruoso nel primo giorno di qualifica per la Indy 500. Le tre vetture del Capitano, dopo tre anni di qualifiche...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 2
Weerts-Vanthoor fendono la notte

Michele Montesano - Foto Speedy BMW ha proseguito a dettare legge a Misano. Anche con il calare della notte la M4 GT3 si...

Leggi »
GT2 Europe

Misano – Gara 1
Gorini-Tamburini nel segno del Tridente

Michele Montesano - Foto Speedy Maserati ha vinto la gara di casa a Misano del Fanatec GT2 European Series. Leonardo Gorini e...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 1
Rossi e Martin concedono il bis

Michele Montesano - Foto Speedy A meno di un anno di distanza, Valentino Rossi e Maxime Martin sono tornati sul gradino più ...

Leggi »
12 Mag [22:37]

Jarama, gara 3
La rossa "grazia" Fluxá, Colnaghi penalizzato

Davide Attanasio

Sguardi dubbiosi, nell'immediato dopo gara. Non si sa chi ha vinto, poi arriva la comunicazione: sul circuito di Jarama la classifica dice, per la seconda volta dopo gara 1, Lucas Fluxá (MP Motorsport).

Ma riavvolgiamo il cosiddetto nastro: alla partenza Fluxá, secondo, ha bruciato Mattia Colnaghi (MP Motorsport), che è però riuscito a mantenere la seconda piazza, davanti a Ernesto Rivera e Jan Przyrowski (Campos).

Tra qualche lungo di troppo (vedasi quello di Enzo Tarnvanichkul) la corsa è proseguita senza intoppi, poi il primo imprevisto: Matúš Ryba (Drivex) è rimasto bloccato nella ghiaia. Safety car in pista. Sarà una serie di partenze e ripartenze, dove a ogni restart qualcuno è finito nella ghiaia. È il caso di Andrés Cárdenas (Campos) prima, di Gustaw Wiśniewski (Tecnicar) e, ancora, Tarnvanichkul, poi.

Ma è alla terza ripartenza che è successo l'imponderabile: Colnaghi, nel tentativo disperato di superare Fluxá, è andato a cozzare contro la MP Motorsport del collega iberico, provocandogli la rottura dell'ala anteriore. Senza guidabilità, Lucas è subito dopo andato lungo: bandiera rossa.

Il coup de théâtre è però arrivato qualche minuto dopo: la direzione corse ha deciso di considerare definitiva la situazione del dodicesimo giro, e non quella del quattordicesimo allora in corso. Così facendo Fluxá, nel bel mezzo della ghiaia, ha scoperto di aver vinto. Per Rivera è un epilogo amaro, ma lo è ancora di più per Colnaghi: a seguito della collisione con lo stesso Fluxá l'italiano è stato penalizzato di dieci secondi, e dalla piazza d'onore viene retrocesso in diciassettesima.

Sul podio sono saliti, dunque, Rivera e Przyrowski. Thomas Strauven (Rodin), vincitore di gara 2, ha chiuso in decima posizione, ed è il primo inseguitore di Fluxá con 17 punti da recuperare.

Grande sesto posto per il team Cram con Ádám Hideg, giro veloce per Matteo Quintarelli (Saintéloc) che è andato vicino al podio. Primi punti per il cingalese Yevan David, compagno dello stesso Quintarelli, stesso discorso (primi punti) per Juan Cota, ottavo.

Da segnalare, infine, una collisione tra Peter Bouzinelos (Rodin) e James Egozi (Campos), con l'australiano, qualche ora dopo il termine della gara, penalizzato di 5 posizioni - da scontare nella prima corsa del prossimo appuntamento, a Portimão dal 7 al 9 di giugno - in quanto ritenuto responsabile della dinamica. Egozi, tra le altre cose, è stato costretto al ritiro.

Domenica 12 maggio 2024, gara 3

1 - Lucas Fluxá - MP Motorsport - 12 giri in 21'50"969
2 - Ernesto Rivera - Campos - 1"037
3 - Jan Przyrowski - Campos - 1"970
4 - Matteo Quintarelli - Saintéloc - 3"102
5 - Nathan Tye - Campos - 3"347
6 - Ádám Hideg - Cram - 3"900
7 - Yevan David - Saintéloc - 4"313
8 - Juan Cota - Drivex - 4"802
9 - Keanu Al Azhari - MP Motorsport - 5"026
10 - Thomas Strauven - Rodin - 5"497
11 - René Lammers - MP Motorsport - 6"274
12 - Maciej Gładysz - MP Motorsport - 6"922
13 - Francisco Macedo - Drivex - 7"836
14 - Lenny Ried - Monlau - 8"822
15 - Daniel Nogales - Drivex - 9"797
16 - Griffin Peebles - MP Motorsport - 10"322
17 - Mattia Colnaghi - MP Motorsport - 10"628 *
18 - Lorenzo Castillo - Tecnicar - 10"925
19 - Maximiliano Restrepo - Saintéloc - 11"361
20 - Gabriel Gómez - TC Racing - 12"132
21 - Douwe Dedecker - GRS - 12"987
22 - Cristian Cantú - TC Racing - 14"163
23 - Kirill Kutskov - GRS - 15"421
24 - Rehan Hakim - Monlau - 16"054 
25 - Tim Gerhards - Monlau - 17"332
26 - Wiktor Dobrzanski - Tecnicar - 18"054
27 - Mikkel Pedersen - Drivex - 19"048
28 - Filippo Fiorentino - Cram - 19"535
29 - Enzo Tarnvanichkul - Campos - 20"392
30 - Preston Lambert - Rodin - 41"728 **
31 - Gustaw Wiśniewski - Tecnicar - +2 giri

* 10" di penalità
** 25" di penalità per aver superato Wiktor Dobrzański (Tecnicar) in regime di safety car

Ritirati
Andrés Cárdenas
James Egozi
Peter Bouzinelos
Matúš Ryba

Il campionato
1.Fluxá 52; 2.Strauven 35; 3.Al Azhari 33; 4.Gładysz 25; 5.Rivera, Bouzinelos 20; 7.Tye 16; 8.Przyrowski 15; 9.Quintarelli 14; 10.Egozi, Lammers 10; 12.Hideg 8; 13.Cárdenas, David, Colnaghi 6; 16.Tarnvanichkul, Cota 4; 18.Macedo 1.
gdlracing