11 Gen [12:35]

La Red Bull punta al titolo
e non teme le penalità motore

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Massimo Costa - Photo 4

Punta in alto la Red Bull. Helmut Marko non si fa problemi nel sostenere che: "Per il 2019 abbiamo pianificato di poter vincere il titolo mondiale". C'è però, una incognita bella grossa ed è rappresentata dalla power unit Honda e dalla sua affidabilità, fino al 2018 sempre piuttosto precaria. Marko afferma che in quanto a potenza la Honda ha già superato la Renault, ma ritiene che vi sia ancora un divario da colmare con Ferrari e Mercedes.

Per questo motivo, occorrerà concentrarsi su sviluppi aggressivi: "Avremo una modalità qualifica del motore", spiega Marko, "ma ci aspettiamo di utilizzare cinque power unit per la stagione". Da regolamento sono tre i motori che ogni pilota può impiegare durante tutto l'arco del campionato. Ma Marko non si pone il problema: "Se pianifichiamo le penalità con saggezza, il danno sarà minimo. La cosa più importante sono le prestazioni che il motore può raggiungere".

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone