formula 1

Vettel erede di Marko
nel team Red Bull?

L'idea lanciata da Helmut Marko è certamente suggestiva: Sebastian Vettel suo erede all'interno del team Red Bull. Al...

Leggi »
formula 1

Finalmente sono arrivate le
finte dimissioni di Binotto

Sono giorni non facili per il presidente della Ferrari John Elkann che ha appena licenziato il team principal Mattia Binotto,...

Leggi »
FIA Formula 2

PHM si unisce a Charouz per i
campionati di Formula 2 e Formula 3

La notizia era nell’aria ormai da qualche mese. Il team PHM, che nel 2022 ha rilevato la struttura di Formula 4 di Mucke per ...

Leggi »
Rally

Extreme E a Punta del Este
Loeb-Gutierrez, rimonta da campioni

Michele Montesano Finale vietato ai deboli di cuore quello andato in scena a Punta del Este. Il Team X44 di Lewis Hamilton ...

Leggi »
wtcr

Jeddah - Gara 2
Magnus vince e chiude un capitolo

Michele Montesano Tagliando per primo il traguardo del tracciato cittadino di Jeddah, Gilles Magnus ha vinto l’ultima manche...

Leggi »
wtcr

Jeddah - Gara 1
Berthon mette la seconda

Michele Montesano Successo mai messo in discussione quello conquistato da Nathanaël Berthon a Jeddah. Scattato dalla pole di...

Leggi »
7 Apr [14:02]

La gioia di Correa dopo i test F3:
"Sono tornato ad essere un pilota"

Jacopo Rubino

Fra i 30 protagonisti al via dei test Formula 3 a Spielberg, uno di loro godeva di un'attenzione speciale: Juan Manuel Correa, ovviamente. Il pilota di origini ecuadoriane ha sorpreso tutto il motorsport quando, lo scorso 1° febbraio, è stato annunciato il suo ritorno in gara per la stagione 2021. Nel terribile incidente dell'agosto 2018 in F2 a Spa-Francorchamps, in cui perse la vita Anthoine Hubert, Correa subì lesioni serissime alle gambe, rischiando persino l'amputazione della destra. È stato in coma farmacologico, si è sottoposto a più di 20 interventi chirurgici, ha convissuto con un grosso tutore, ha stretto i denti per la riabilitazione, senza mai rinunciare al suo sogno. "Il supporto ricevuto da tutti è stato incredibile, credo che la gente sia genuinamente felice per me", ha raccontato, e non potrebbe essere altrimenti.

Correa in Austria si è ufficialmente calato nella sua nuova realtà, contro i futuri avversari, e con prestazioni persino oltre le aspettative aspettative. Fra sabato 3 e domenica 4 aprile, ha infatti coperto 158 giri, siglando il 18esimo tempo assoluto. A febbraio, a Le Castellet, aveva già effettuato alcuni test privati con una vecchia vettura GP3, paragonabile per prestazioni all'attuale Dallara F3, si è preparato anche al simulatore, ma al Red Bull Ring il contesto era decisamente diverso: quello del campionato in cui andrà a misurarsi per riprendere il filo della sua carriera.

"Credo di essere stato un po' più competitivo di quanto mi aspettassi, questo è positivo, anche se rimangono degli aspetti su cui lavorare", ha spiegato il portacolori della ART Grand Prix, che sfoggiava un casco in tributo proprio all'amico Hubert. Insomma, è stata una partenza incoraggiante: "Le prime sensazioni sono state davvero positive, ho potuto avvertire subito che la macchina è simile da guidare alla F2, con molto carico aerodinamico. Pensavamo sarebbe servito più tempo ritrovare il ritmo, ma siamo riusciti a fare già alcuni cambiamenti perché le mie indicazioni erano buone".



Correre per un team esperto come la ART, in questo processo di riambientamento, è un vantaggio: "Conoscono la vettura benissimo, sanno come si comporta, quali modifiche fare, così ho potuto concentrarmi su me stesso. Sono anche fortunato nell'avere due buoni compagni (Frederik Vesti e Alexander Smolyar, ndr) come riferimento".

La soddisfazione è palpabile, ma anche la consapevolezza che non sarà facile, bisognerà faticare. "Perdevo almeno tre decimi al giro, non potendo frenare adeguatamente nelle grandi staccate", ha ammesso Juan Manuel. "Dove ho perso terreno era soprattutto per le mie limitazioni". Il via della stagione Formula 3 è in programma nel weekend del 7-9 maggio a Barcellona, preceduta da altri due giorni di test, sempre sul tracciato spagnolo, il 21-22 aprile. Correa guarda già avanti: "Prenderò qualche giorno per il recupero, perché le mie gambe sono molto, molto stanche e devo stare attento a non caricarle troppo. Poi proseguiremo la fisioterapia, cercando di rinforzare la gamba sinistra per le frenate".

"Non credo sarò al 100 per cento per la prima gara, ma è qualcosa con cui devo convivere e da gestire. È solo una sfida in più, e dopo tutto quello che ho superato in quest'anno e mezzo, è piccola in confronto alle altre affrontate", ha sottolineato, giustamente. "È un'enorme soddisfazione essere qui, è il frutto di tanti sforzi, dolore e sacrifici, ma ne è valsa la pena. So che la strada è lunga, ma sono tornato ad essere un pilota".




Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone