formula 1

FIA e F1, missione compiuta:
approvate le regole sui motori 2026

Finalmente. Dopo mesi, per non dire un paio d'anni, di trattative e discussioni, sono ufficialmente confermate le regole ...

Leggi »
formula 1

Misure anti porpoising dal 2023:
la delibera FIA con un compromesso

Nel Consiglio Mondiale di oggi, oltre ad approvare le power unit 2026, la FIA ha deliberato le misure in vigore dal 2023 cont...

Leggi »
formula 1

Verstappen non ha dubbi: "La Ferrari
più competitiva della mia Red Bull"

Il suo ruolino di marcia è impeccabile, la stagione 2022 è senza dubbio una delle migliori della sua carriera. Otto le vitto...

Leggi »
World Endurance

Ferrari prosegue i test della LMH
Cosa nasconde la livrea mimetica

Michele Montesano È un’estate intensa e priva di soste quella del reparto Ferrari Competizioni GT. Gli uomini di Maranello ...

Leggi »
Regional by Alpine

Intervista a Dino Beganovic
“Tanto lavoro con Prema dietro i miei successi”

Una partenza eccezionale, con sette podi nelle prime sette gare della stagione. Quello di Dino Beganovic, pilota della Ferrar...

Leggi »
Formula E

Vandoorne, l'ennesimo campione che
la F1 ha snobbato con troppa fretta

Nelson Piquet, Sebastien Buemi, Lucas Di Grassi, Jean-Eric Vergne (due volte), Antonio Felix Da Costa, Nyck De Vries, Stoffel...

Leggi »
31 Lug [17:47]

Londra, gara 2
Di Grassi batte Dennis

Jacopo Rubino

Lucas Di Grassi nega il bis all'idolo di casa Jake Dennis: è stato il brasiliano a imporsi in gara 2 della Formula E a Londra, conquistando la sua prima vittoria con la Venturi e interrompendo un digiuno che durava da quasi un anno intero. Si è anche lasciato alle spalle la rabbia di ieri, quando i commissari gli avevano cancellato tutti i tempi in qualifica costringendolo a partire dal fondo. Oggi secondo in griglia dietro all'inglese, Di Grassi ha giocato d'anticipo con gli Attack Mode e ha gestito meglio l'energia, mettendo in scacco il rivale del team Andretti.

Di Grassi è salito al comando per la prima volta al giro 18, quando Dennis ha usato il suo secondo bonus di potenza extra (sui tre disponibili in questa corsa), ma il britannico ha replicato al giro 21 e ha rinviato la terza attivazione, sperando di costruire un margine sufficiente per tenere la posizione al momento di usare la traiettoria esterna in curva 16. Piano non riuscito, con Di Grassi tornato davanti al giro 28 per rimanerci fino al traguardo con la sua Mercedes clienti.

Nyck De Vries ha completato il podio con la Mercedes ufficiale, precedendo il compagno di squadra Stoffel Vandoorne che ha compiuto una rimonta importante dalla settima fila. Visto il verdetto di questo E-Prix, il belga ha probabilmente ipotecato il Mondiale, rafforzando ancor di più la leadership in classifica per gli zero rimediati dagli avversari diretti Mitch Evans, Edoardo Mortara e Jean-Eric Vergne.

Fino a due minuti e mezzo dal termine era proprio Evans ad essere quarto, braccato da Vandoorne, ma la sua Jaguar ha avuto un calo di potenza. Il neozelandese si è fermato in via di fuga, poi è stato in grado di ripartire, ma solo per raggiungere i box e abbandonare. Mortara, dopo la difficile Q2, ha dovuto sgomitare a centro gruppo, tra un contatto con Maximilian Gunther e un testacoda in frenata mentre duellava con Sam Bird. Il ginevrino ha quindi chiuso tredicesimo: si può quasi dire che oggi, per la Venturi, abbia trionfato il pilota... sbagliato. Vergne, invece, si è ritirato dopo appena quattro tornate per i danni rimediati venendo coinvolto nel crash fra Oliver Rowland e Oliver Askew, che ha richiamato la safety-car per i detriti sull'asfalto.

Ora che in calendario rimane soltanto il round di Seoul su doppia manche, il 13 e 14 agosto, con un massimo di 60 lunghezze ancora in palio, Vandoorne può gestire un vantaggio di +36 su Evans, di +41 su Mortara e di +57 su Vergne, con il francese vicinissimo a uscire matematicamente dalla contesa per il titolo.

La DS Techeetah superstite, quella di Antonio Felix da Costa, ha ottenuto la quinta posizione seguita dalla Nissan di Sebastien Buemi e dell'Audi del team Envision di Robin Frijns. A completare la top 10 sono stati Bird, Sergio Sette Camara e Pascal Wehrlein, che al primo giro era stato colpito al tornantino da Vandoorne.

Peccato per il nostro Antonio Giovinazzi: terzo allo start dopo la splendida qualifica, l'italiano si è difeso contro avversari più competitivi, ma ogni speranza di fare risultato è svanita con il drive-through ricevuto per un utilizzo di potenza superiore al limite massimo. Non si tratta di errore di chi guida, ma di una anomalia elettronica. Poi il ritiro al giro 20, ma aveva ricevuto anche 5" di penalità per un contatto con Felix da Costa.

Domenica 31 luglio 2022, gara 2

1 - Lucas di Grassi (Mercedes) - Venturi - 38 giri 49'28"805
2 - Jake Dennis (BMW) - Andretti - 3"191
3 - Nyck de Vries (Mercedes) - Mercedes - 4"508
4 - Stoffel Vandoorne (Mercedes) - Mercedes - 10"358
5 - Antonio Felix da Costa (DS) - DS Techeetah - 13"946
6 - Sébastien Buemi (Nissan) - Nissan e.dams - 20"399
7 - Robin Frijns (Audi) - Envision - 20"850
8 - Sam Bird (Jaguar) - Jaguar - 21"748
9 - Sergio Sette Camara (Penske) - Dragon - 28"913
10 - Pascal Wehrlein (Porsche) - Porsche - 29"685
11 - Alexander Sims (Mahindra) - Mahindra - 30"611
12 - André Lotterer (Porsche) - Porsche - 31"644
13 - Edoardo Mortara (Mercedes) - Venturi - 35"147
14 - Oliver Turvey (NIO) - NIO - 37"285
15 - Maximilian Gunther (Nissan) - Nissan e.dams - 1'19"833

Giro più veloce: Nick Cassidy 1'14"349

Ritirati
36° giro - Mitch Evans
31° giro - Nick Cassidy
22° giro - Oliver Askew
20° giro - Antonio Giovinazzi
4° giro - Jean-Eric Vergne
2° giro - Dan Ticktum
2° giro - Oliver Rowland

Il campionato
1.Vandoorne 185 punti; 2.Evans 149; 3.Mortara 144; 4.Vergne 128; 5.Felix da Costa 116; 6.Di Grassi 112; 7.Frijns 110; 8.De Vries 106; 9.Dennis 97; 10.Wehrlein 65

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone