formula 1

Imola - Piastri penalizzato
Le Ferrari in seconda fila

Era nell'aria e puntualmente è arrivata. Oscar Piastri ha rovinato la sua eccezionale prestazione in qualifica, che lo av...

Leggi »
formula 1

Imola - Qualifica
Verstappen non fa prigionieri

Max Verstappen e la Red Bull erano in difficoltà fino al terzo turno libero di questa mattina. Stavano lavorando sodo in base...

Leggi »
indycar

Indy 500, Qualifica 1
Dominio del team Penske

Team Penske mostruoso nel primo giorno di qualifica per la Indy 500. Le tre vetture del Capitano, dopo tre anni di qualifiche...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 2
Weerts-Vanthoor fendono la notte

Michele Montesano - Foto Speedy BMW ha proseguito a dettare legge a Misano. Anche con il calare della notte la M4 GT3 si...

Leggi »
GT2 Europe

Misano – Gara 1
Gorini-Tamburini nel segno del Tridente

Michele Montesano - Foto Speedy Maserati ha vinto la gara di casa a Misano del Fanatec GT2 European Series. Leonardo Gorini e...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 1
Rossi e Martin concedono il bis

Michele Montesano - Foto Speedy A meno di un anno di distanza, Valentino Rossi e Maxime Martin sono tornati sul gradino più ...

Leggi »
13 Apr [16:39]

Misano – Gara 1
Da Costa li fulmina tutti

Da Misano - Michele Montesano

Sorpassi a ogni curva, numerosi cambi di posizione, gara serrata e risultato incerto fino all’ultimo giro. La Formula E ha regalato tutto questo nel primo E-Prix di Misano. Il pubblico, accorso numeroso nel circuito intitolato a Marco Simoncelli, ha potuto apprezzare lo spettacolo offerto dal campionato riservato alle monoposto elettriche. Il primo appuntamento, della tappa italiana, ha inoltre regalato il sesto vincitore su altrettanti E-Prix finora disputati. Antonio Felix da Costa, conquistando una gara frenetica, ha dato una scossa rilanciandosi dopo un avvio di campionato difficile.

Come prevedibile, la strategia ha giocato un ruolo fondamentale sul circuito di Misano. Visti i lunghi rettilinei e la conformazione del tracciato romagnolo, l’imperativo per i piloti è stato di prestare attenzione al consumo dell’energia. Ecco spiegato il balzo di Sebastien Buemi che, scattato dalla decima piazzola, si è ritrovato a comandare le operazioni al termine del primo giro. Numerosi sono stati gli avvicendamenti al vertice per cercare di risparmiare batteria in vista dello sprint finale.

Si è assistito, quindi, a una gara serrata con ben venti piloti racchiusi in meno di cinque secondi per gran parte dell’E-Prix. Ciò ha comportato, inevitabilmente, a contatti e sportellare. A farne le spese sono stati i leader di campionato Pascal Wehrlein e Nicky Cassidy. Se il primo è stato toccato dal fuoco amico di da Costa, il neozelandese della Jaguar è stato costretto a rientrare ai box dopo un contatto con Jean-Eric Vergne.

Memore dal successo di San Paolo, Sam Bird ha provato a ripetere la strategia attivando subito i due Attack Mode per portarsi al comando della gara. Purtroppo una foratura alla posteriore sinistra l’ha costretto alla resa. A ereditare la prima posizione è stato da Costa tallonato da Oliver Rowland. I due, a sei giri dalla bandiera a scacchi, hanno provato a dare lo strappo decisivo. Il pilota Porsche ha approfittato di una carica residua maggiore per allungare sulla Nissan creando, così, un margine di mezzo secondo che si è rivelato decisivo fin sotto la bandiera a scacchi. Rowland si è saggiamente accontentato del secondo posto che lo proietta in cima alla classifica di campionato.

Decisamente più staccati gli altri. Pur tagliando il traguardo in terza posizione, Vergne è stato sanzionato di cinque secondi per il contatto con Cassidy scivolando in ottava posizione. Ad approfittarne è stato Jake Dennis che, dopo essere scattato dalla diciottesima piazzola, ha ereditato un insperato podio. Proprio gli uomini del team Andretti hanno lavorato, fino all’ultimo momento prima del via, sul posteriore della Porsche dell’inglese. Appena fuori dal podio troviamo un coriaceo Max Günther. Il tedesco, con una gara solida, è riuscito a portare il sorriso a Maserati nella sua gara di casa.

Misano da ricordare per il team ERT che è riuscito a portare, per la prima volta, entrambi i suoi piloti in zona punti. Top 5 per Dan Ticktum, mentre Sergio Sette Camara ha artigliato il settimo posto. Tra i due si è inserito Mitch Evans che non è riuscito a sfruttare fino in fondo la pole. A completare la zona punti Norman Nato e Stoffel Vandoorne. Nulla da fare per l’italo svizzero Edoardo Mortara subito fuori per un problema elettrico accusato sulla sua Mahindra.

Sabato 13 aprile 2024, gara 1

1 - Antonio Felix da Costa (Porsche) - Porsche - 28 giri
2 - Oliver Rowland (Nissan) - Nissan - 0"410
3 - Jake Dennis (Porsche) - Andretti - 3"413
4 - Maximilian Günther (DS Maserati) - Maserati - 4"189
5 - Dan Ticktum (ERT) - ERT - 4"964
6 - Mitch Evans (Jaguar) - Jaguar - 6"083
7 - Sergio Sette Camara (ERT) - ERT - 7"936
8 - Jean-Eric Vergne (DS) - DS Penske - 7"969
9 - Norman Nato (Porsche) - Andretti - 7"998
10 - Stoffel Vandoorne (DS) - DS Penske - 8"049
11 - Sacha Fenestraz (Nissan) - Nissan - 8"178
12 - Lucas di Grassi (Mahindra) - Cupra Abt - 8"377
13 - Nico Müller (Mahindra) - Cupra Abt - 8"721
14 - Nyck De Vries (Mahindra) - Mahindra - 13"461
15 - Sébastien Buemi (Jaguar) - Envision - 13"857
16 - Jake Hughes (Nissan) - McLaren - 14"115
17 - Pascal Wehrlein (Porsche) - Porsche - 1'05"378
18 - Robin Frijns (Jaguar) - Envision - 1'18"770

Giro più veloce: Oliver Rowland 1'19"730

Ritirati
Jehan Daruvala (DS Maserati) - Maserati
Sam Bird (Nissan) - McLaren
Nick Cassidy (Jaguar) - Jaguar
Edoardo Mortara (Mahindra) - Mahindra

Il campionato piloti
1.Rowland 73 punti; 2.Dennis 68; 3.Wehrlein 63; 4.Cassidy 61; 5.Günther 60; 6.Evans 50; 7.da Costa 45; 8.Vergne 43; 9.Bird 37; 10.Frijns 21.