Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
World Endurance

Test ad Alcaniz per la Peugeot 9X8
Il team salterà la 1000 Miglia di Sebring

Michele Montesano Continua senza sosta la tabella di marcia per il ritorno nel FIA WEC da parte di Peugeot Sport. Il team s...

Leggi »
altre

Adria sotto sequestro
Buco di 53 milioni di euro

Il paddock dell'area karting era strapieno, come sempre quando si è alla vigilia del primo evento internazionale organizz...

Leggi »
formula 1

La F1 pensa all'obbligo vaccinale:
non ci saranno casi simil Djokovic

Il caso di Novak Djokovic ha dominato la scena del dibattito internazionale, non solo sportivo. Il tennista serbo, numero 1 a...

Leggi »
Rally

Oreca obiettivo Dakar 2023 con l’ibrido
Allo studio anche un motore a idrogeno

Michele Montesano La quarantaquattresima edizione della Dakar è appena andata in archivio, ma Oreca punta lo sguardo già al...

Leggi »
21 Mag [12:53]

Montecarlo - Gara 1
Zhou preciso, Nissany sul podio

Jacopo Rubino - XPB Images

Decimo in qualifica, primo al traguardo dopo essere partito davanti a tutti: l'inversione di griglia premia Guanyu Zhou, vincitore a Montecarlo di gara 1 della Formula 2. Da quest'anno non più Feature Race con sosta ai box, secondo il nuovo schema dei weekend, ma Sprint Race 1. Il cinese, giunto nel Principato da leader della classifica generale, in questo venerdì allunga ancora e festeggia il secondo successo consecutivo, dopo quello di gara 3 in Bahrain a fine marzo.

Per il pilota UNI Virtuosi è stata una corsa pulita, condotta sempre al comando e senza sbavature. Tutto ok anche nei tre giri conclusivi, alla ripartenza dalla safety-car intervenuta per l'incidente di Gianluca Petecof in uscita dalle Piscine: Zhou, junior Alpine, ha visto annullato il vantaggio di 7" che aveva saputo costruire, ma dopo la bandiera verde ha ripreso subito margine.

Il team britannico UNI Virtuosi celebra la doppietta, grazie al secondo posto del compagno Felipe Drugovich. Al via il brasiliano si era fatto superare da un ottimo Christian Lundgaard, ma al giro 15 il danese si è ritirato per la rottura del motore Mecachrome. Le prime avvisaglie sono emerse al giro 13, con fumata bianca dal retrotreno, l'alfiere della ART Grand Prix ha cercato di proseguire, ma si è dovuto arrendere parcheggiando all'esterno del Mirabeau. Il problema affidabilità in F2 persiste, contando inoltre il propulsore ko nelle prove libere sulla macchina dello stesso Petecof.

Ringrazia Roy Nissany, salito in terza posizione: dopo la bella qualifica del giovedì (7° tempo), l'israeliano ha raggiunto il primo podio della carriera nella categoria cadetta (foto sotto), vestendo i colori DAMS. E adesso Nissany ha la concreta possibilità di mettere in cascina altri punti importanti nel proseguimento del weekend. Anche per Ralph Boschung, quarto, quello di questa mattina è il miglior risultato di sempre in F2: per il team Campos, compensa il crash di Petecof.



Quinto Juri Vips, autore del best lap che vale due punti extra (1'22"125), ma in grossa difficoltà alla ripartenza, probabilmente con gomme ormai al limite. L'estone è riuscito comunque a resistere alla pressione di Dan Ticktum, sesto. Ha chiuso settimo il poleman di ieri, Theo Pourchaire: decimo sulla griglia rovesciata, il giovane francese allo start ha subito guadagnato due posizioni, poi ha beneficiato dello stop di Lundgaard, suo compagno di colori, per recuperare un'altra piazza.

A completare la top 10 sono Oscar Piastri (Prema), Liam Lawson (Hitech) e Marcus Armstrong (DAMS): il neozelandese, in extremis, ha messo a segno l'unico vero sorpasso visto oggi, con una manovra di forza tra la Rascasse e la chicane Anthony Noghes su Jehan Daruvala. In palio c'era la pole-position per la Sprint Race 2 di domani mattina.

Disastro per Robert Shwartzman, che in apertura ha urtato le barriere alla curva Massenet danneggiando l'ala anteriore e soprattutto la sospensione. Il russo della Ferrari Driver Academy ha dovuto abbandonare, e in gara 2 scatterà ultimo, con il rischio di restare ancora a mani vuote. Al penultimo giro Marino Sato ha invece sbattuto alla Sainte Devote, ma l'incredibile abilità dei commissari a Monaco ha permesso di liberare la zona a tempo record, senza necessità di un'altra safety-car.

Venerdì 21 maggio 2021, gara 1

1 - Guanyu Zhou - UNI Virtuosi - 30 giri 44'21"272
2 - Felipe Drugovich - UNI Virtuosi - 2"396
3 - Roy Nissany - DAMS - 5"909
4 - Ralph Boschung - Campos - 7"430
5 - Juri Vips - Hitech - 11"007
6 - Dan Ticktum - Carlin - 11"495
7 - Theo Pourchaire - Hitech - 13"247
8 - Oscar Piastri - Prema - 15"247
9 - Liam Lawson - Hitech - 17"514
10 - Marcus Armstrong - DAMS - 18"947
11 - Jehan Daruvala - Carlin - 19"290
12 - David Beckmann - Charouz - 19"546
13 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 19"915
14 - Bent Viscaal - Trident - 20"234
15 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 20"755
16 - Jack Aitken - HWA - 21"168
17 - Guilherme Samaia - Charouz - 21"873
18 - Alessio Deledda - HWA - 1 giro

Giro più veloce: Juri Vips 1'22"125

Ritirati
29° giro - Marino Sato
24° giro - Gianluca Petecof
15° giro - Christian Lundgaard
1° giro - Robert Shwartzman

Il campionato
1.Zhou 56 punti; 2.Lawson 30; 3.Daruvala 28; 4.Ticktum 23; 5.Piastri 22; 6.Verschoor 18; 7.Lundgaard 16; 8.Shwartzman 16; 9.Drugovich 14; 10.Pourchaire 14

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone