F4 Nel mondo

La F4 UAE per prima schiererà le
Tatuus di seconda generazione con halo

Il FIA Formula 4 UAE Championship powered by Abarth sarà la prima serie per monoposto di Formula 4 a schierare per la stagion...

Leggi »
indycar

VeeKay in forse per Road America
Ware debutta con Coyne

Infortunio alla clavicola per Rinus VeeKay, che è ora in dubbio per la tappa IndyCar a Road America. Il giovane pilota olande...

Leggi »
formula 1

Il "nuovo" Tsunoda funziona:
in Francia per confermarsi

In Formula 1 ci sono fatti non casuali, e casuale, forse, non è stato nemmeno il settimo posto di Yuki Tsunoda a Baku. Messo ...

Leggi »
formula 1

Più spettacolo a Le Castellet?
Il nuovo asfalto come speranza

Quando il Gran Premio di Francia è stato cancellato dal calendario 2020 a causa della pandemia, probabilmente, sono stati in ...

Leggi »
formula 1

Primo GP di casa per l'Alpine,
che deve crescere sul passo-gara

Si avvicina il Gran Premio di Francia, quello di casa per l'Alpine, il marchio scelto dal gruppo Renault per identificare...

Leggi »
formula 1

Dosare le risorse fra 2021 e 2022:
il dilemma di Red Bull e Mercedes

Da un lato c'è da preparare la rivoluzione tecnica 2022, ormai dietro l'angolo, dall'altro c'è il presente, c...

Leggi »
8 Mag [14:27]

Montmelò - Gara 1
Doppietta ART con Saucy-Minì

Da Montmelò - Mattia Tremolada - Actualfoto

Primo nelle libere, autore della pole position nei due turni di qualifiche e ora anche vincitore di gara 1. Gregoire Saucy era arrivato a Barcellona già in testa alla classifica di campionato, forte del successo ottenuto a Imola, e sul circuito di Montmelò ha allungato ulteriormente il proprio vantaggio, conquistando la seconda vittoria in tre gare. Dopo aver tenuto a bada allo spegnimento dei semafori il compagno di squadra in ART Gabriele Minì, Saucy si è involato verso la vittoria, gestendo alla perfezione anche le fasi di ripartenza dopo il regime di safety car.

Minì non è mai stato veramente in grado di impensierirlo, ma a propria volta ha potuto gestire agevolmente la seconda posizione, diventando il primo debuttante a salire sul podio in questa stagione. Terzo ha infatti chiuso Paul Aron, che diventa così il principale inseguitore di Saucy in classifica, scavalcando il compagno di squadra alla Prema David Vidales. Sono però già 15 le lunghezze di vantaggio del pilota svizzero nei confronti dell’estone, e addirittura 29 quelle su Vidales.

Il pilota spagnolo scattava dalla decima fila dopo una qualifica da dimenticare, ma già nel corso del primo giro è arrivato al contatto con Gabriel Bortoleto, finendo violentemente contro le barriere, mentre il brasiliano è riuscito a proseguire dopo un’escursione nella ghiaia. Quarta posizione per Alex Quinn, che ha anche tentato di sferrare l’attacco su Aron per il podio, ma senza successo. Al via entrambi avevano scavalcato Mari Boya, scivolato in quinta posizione dalla terza casella.

Sesto William Alatalo, sempre a punti in questo avvio di stagione, mentre settimo ha chiuso Isack Hadjar, protagonista di un bel sorpasso su Dino Beganovic. In evidente difficoltà, il pilota della Ferrari Driver Academy è poi stato scavalcato anche da Thomas Ten Brinke, e finendo nelle grinfie di Colapinto. Il pilota argentino è però arrivato lungo in curva 1, e rientrando in pista ha colpito Beganovic, rompendo la sospensione e costringendo la direzione gara a congelare la corsa con la safety car quando mancavano soltanto due giri al termine. Zane Maloney e Patrik Pasma hanno così completato la top-10, precedendo Pietro Delli Guanti, che ha sfiorato la zona punti con la monoposto del team Monolite.

Impressionante la rimonta di Hadrien David, che ha guadagnato ben 22 posizioni, chiudendo dodicesimo dopo essere partito dal fondo. Già nel corso del primo passaggio il pilota francese aveva recuperato dieci piazze, ma nonostante la lunga neutralizzazione, è riuscito a rimontare fino ad arrivare quasi in zona punti. Nel finale ha anche approfittato della confusione scatenata da Colapinto per scavalcare Andrea Rosso, tredicesimo sul traguardo. Un problema con la prima marcia ha attardato Francesco Pizzi, scivolato nelle retrovie in partenza, mentre sono finiti fuori fioco gli altri due piloti italiani, Nicola Marinangeli e Emidio Pesce.

Il pilota di Arden è stato colpito in fase di frenata da Kas Haverkort, danneggiando pesantemente la propria vettura, mentre anche il pilota olandese è stato costretto alla resa. Pesce si è invece fermato lungo la pista nel finale. Non ha preso il via Eduardo Barrichello, fermato da un problema tecnico nel giro di schieramento.

Sabato 8 maggio 2021, gara 1

1 - Gregoire Saucy - ART - 33'02"305
2 - Gabriele Minì - ART - 0"542
3 - Paul Aron - Prema - 1"756
4 - Alex Quinn - Arden - 3"201
5 - Mari Boya - VAR - 3"300
6 - William Alatalo - Arden - 6"229
7 - Isack Hadjar - R-Ace - 6"469
8 - Thomas Ten Brinke - ART - 6"835
9 - Zane Maloney - R-Ace - 7"205
10 - Patrik Pasma - KIC - 8"075
11 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 8"714
12 - Hadrien David - R-Ace - 8"971
13 - Andrea Rosso - FA Racing - 9"088
14 - Lorenzo Fluxa - VAR - 10"435
15 - Dino Beganovic - Prema - 11"606
16 - Brad Benavides - DR Formula - 12"137
17 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 13"285
18 - Elias Seppanen - KIC - 14"449
19 - Jasin Ferati - Monolite - 15"130
20 - Axel Gnos - G4 Racing - 18"602
21 - Francesco Pizzi - VAR - 19"036
22 - Tommy Smith - JD Motorsport - 20"114
23 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 20"681
24 - Nico Gohler - KIC - 22"155
25 - Lena Buhler - R-Ace - 23"156
26 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 25"574
27 - Belen Garcia - G4 Racing - 26"378

Ritirati
Franco Colapinto
Emidio Pesce
Alessandro Famularo
Kas Haverkort
Nicola Marinangeli
David Vidales

N‍on partito
E‍duardo Barrichello

I‍l campionato
1.Saucy 60 punti; 2.Aron 45; 3.Vidales 31; 4.Quinn 30; 5.David 27; 6.Alatalo, Minì 26; 8.Maloney 17; 9.Boya 15; 10.Hadjar 12; 11.Beganovic, Ten Brinke 4; 13.Bortoleto, Gohler 2; 15.Seppanen, Pasma 1.‍

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone