8 Set [11:51]

Monza - Gara 2
La prima di Tsunoda

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Mattia Tremolada

N‍obuharu Matsushita in Formula 2, Yuki Tsunoda nel FIA Formula 3, Toshiki Oyu in Euroformula e Ukyo Sasahara in Formula 3 Asia. Questo fine settimana è stato un vero e proprio tripudio per i piloti giapponesi, che grazie al supporto di Honda e Red Bull (fatta eccezione per Sasahara) stanno migrando in Europa. Se i primi piloti del Sol Levante portati nel vecchio continente dal costruttore giapponese hanno inizialmente faticato (Takuya Izawa, lo stesso Matsushita, ma anche Nirei Fukuzumi e Tadasuke Makino), quest'ultima generazione, che vede tra i propri esponenti Tsunoda, Oyu e Teppei Natori, sta mostrando un ottimo potenziale.

Nella prima parte di stagione, Tsunoda non ha brillato particolarmente, pagando lo scotto di non conoscere la maggior parte dei tracciati, ma dopo la pausa estiva il giapponese (che parallelamente corre in Euroformula) ha decisamente cambiato ritmo, ottenendo ben tre podi consecutivi tra Spa e Monza. Il pupillo di Honda e Red Bull è scattato bene dalla sesta casella, portandosi in zona podio già al primo giro e passando subito dopo Fabio Scherer in prima variante.

Jake Hughes, che aveva preso la testa proprio a scapito del tedesco con una splendida partenza, ha però allungato, portando il proprio vantaggio su Tsunoda a 2". Verso metà gara il pilota del team Jenzer h‍a però cambiato passo, infilando una serie di giri record che gli hanno permesso di rifarsi sotto e di prendere la prima posizione al quindicesimo giro. Hughes ha provato a rispondere, ma il giapponese è stato impeccabile, regalando al team svizzero il primo successo nella categoria. 

L'inglese di HWA ha anche ceduto la piazza d'onore a Liam Lawson, che ha completato la doppietta Red Bull per la soddisfazione di Helmut Marko. Buon quarto posto anche per il suo compagno di squadra in MP Motorsport Richard Verschoor, scartato dal programma dell'azienda austriaca tre stagioni fa. Pedro Piquet è riuscito ad avere la meglio di Leonardo Pulcini proprio nel corso dell'ultimo giro. Il pilota romano ha comunque ottenuto due piazzamenti in zona punti, risalendo bene dalla ventisettesima casella dello schieramento.

Scherer è scivolato fino al settimo posto, davanti a Robert Shwartzman, che in volata ha resistito all'attacco di Christian Lundgaard. Il pilota russo del team Prema esce da Monza con un vantaggio di 33 punti su Daruvala, rimasto l'unico pilota in grado di rovinargli la festa nella gara di casa di Sochi. La squadra di Grisignano si è invece assicurata la vittoria nella classifica riservata alle squadre già con la doppietta di gara uno.

Dopo la penalità rimediata in gara 1, che lo ha escluso dalla lotta per il titolo, Marcus Armstrong ha colpito David Beckmann alla prima variante, rompendo l'ala anteriore del tedesco. Il neozelandese è ripartito ultimo, ma grazie ad una grande rimonta ha chiuso quattordicesimo nella scia di un opaco Daruvala. Teppei Natori e Bent Viscaal hanno regalato spettacolo, toccandosi, saltando sui dissuasori e rimediando 15" di penalità il primo e 5" il secondo.

Domenica 8 settembre 2019, gara 2

1 - Yuki Tsunoda - Jenzer - 22 giri - 41'11"470
2 - Liam Lawson - MP Motorsport - 1"312
3 - Jake Hughes - HWA Racelab - 2"018
4 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 2"803
5 - Pedro Piquet - Trident - 6"861
6 - Leonardo Pulcini - Hitech - 7"930
7 - Fabio Scherer - Sauber by Charouz - 14"329
8 - Robert Shwartzman - Prema - 14"952
9 - Christian Lundgaard - ART - 15"019
10 - Logan Sargeant - Carlin - 16"320
11 - Juri Vips - Hitech - 16"417
12 - Felipe Drugovich - Carlin - 19"285
13 - Jehan Daruvala - Prema - 22"373
14 - Marcus Armstrong - Prema - 23"517
15 - Niko Kari - Trident - 25"101
16 - Devlin DeFrancesco - Trident - 25"759
17 - Raoul Hyman - Sauber by Charouz - 25"970
18 - Lirim Zendeli - Sauber by Charouz - 30"267
19 - Ye Yifei - Hitech - 35"425
20 - Simo Laaksonen - MP Motorsport - 36"412
21 - Max Fewtrell - ART - 37"328
22 - Keyvan Andres - HWA Racelab - 38"842
23 - Giorgio Carrara - Jenzer - 44"302
24 - Andreas Estner - Jenzer - 47"238
25 - Alessio Deledda - Campos - 1'16"932
26 - Sebastian Fernandez - Campos - 1'37"975
27 - Bent Viscaal - HWA Racelab - 1 giro
28 - David Beckmann - ART - 1 giro
29 - Teppei Natori - Carlin - 1 giro

Giro più veloce: Juri Vips 1'48"890

Non partito 
Alex Peroni

Il campionato
1.Shwartzman 180; 2.Daruvala 147; 3.Vips 122; 4.Armstrong 119; 5.Lundgaard 97; 6.Piquet 90; 7.Hughes 74; 8.Tsunoda 67; 9.Pulcini 66; 10.Fewtrell 57.‍

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone