Rally

Rally di Montecarlo – 1° giorno
Ogier vola, Loeb lo marca a vista

Michele Montesano La novantesima edizione del Rally di Montecarlo ha aperto ufficialmente una nuova era del WRC, quella del...

Leggi »
formula 1

L'Alpine turbolenta,
fra uscite e tensioni

Via Ciryl Abiteboul, che era team principal, via Remi Taffin, capo del reparto motori, via Marcin Budkwoski, nel 2021 diretto...

Leggi »
Rally

Rally di Montecarlo – Shakedown
Ogier - Loeb è subito duello

Michele Montesano Finalmente è arrivato il tanto atteso giorno del debutto per le nuove Rally1. Come da tradizione è stato ...

Leggi »
formula 1

Gare sprint 2022 a rischio?
Manca l'intesa con tutti i team

Le gare sprint del sabato, nuovo pallino di Formula 1, quest'anno dovrebbero aumentare a 6. Dovrebbero, appunto, perché i...

Leggi »
Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
19 Mag [17:50]

Pau, gara 2
Monger vince il Grand Prix de Pau

Mattia Tremolada

B‍illy Monger è entrato nella leggenda. Rimasto vittima di un terribile incidente a Donington il 16 aprile 2017, Billy ha scritto un pezzo di storia diventando il primo pilota a correre ad alto livello in formula con una vettura dotata di comandi speciali. Dopo la prima pole position conquistata proprio a Donington nel British F3, oggi è arrivata la prima vittoria in monoposto. Un successo pesante, ottenuto nel prestigioso 78° Grand Prix de Pau, su un circuito cittadino tosto e selettivo, reso ancora più insidioso dall'asfalto umido. 

Monger ha subito indovinato le condizioni della pista, rientrando ai box al termine del giro di formazione per montare le gomme da bagnato. Aldo Festante e Nicolai Kjaergaard lo hanno seguito, ma non sono poi riusciti a tenere il passo del pilota di Carlin, che ha iniziato immediatamente una splendida rimonta, risalendo il gruppo a suon di sorpassi. Compito non certo facile su un tracciato stretto e difficile come quello di Pau.

Nel frattempo, in testa alla corsa Julian Hanses, Yuki Tsunoda e Liam Lawson hanno preso il largo sul resto del gruppo capitanato da Marino Sato, incapace di tenere il ritmo dei compagni di squadra dopo aver ceduto la terza piazza a Lawson al via. Il pilota neozelandese ha tentato a lungo di trovare un varco per infilare il compagno di colori Red Bull, riuscendo a passare alla chicane dopo un bel confronto.

Il pupillo di Helmut Marko si è subito lanciato all'inseguimento del battistrada Hanses, mentre Monger ha scavalcato Tsunoda, prendendosi la terza posizione provvisoria. Messo sotto pressione dalla rimonta dal pilota del team Carlin, Lawson ha tentato di replicare la manovra vincente ai danni di Tsunoda su Hanses, che ha però chiuso come se non ci fosse il compagno di squadra. Le due Dallara F317 sono finite violentemente contro il muro, cedendo la prima piazza ad un incredulo Monger.

B‍illy è stato perfetto a gestire la ripartenza dalla safety car, resistendo brillantemente alla pressione messagli da Kjaergaard e ottenendo una strepitosa e meritatissima vittoria. Tsunoda, dopo essere rientrato ai box per montare le gomme rain, è riuscito a recuperare ben quattro posizioni, artigliando con i denti un bel podio. Quarto Lukas Dunner, autore del giro più veloce della corsa, mentre Christian Hahn ha raggiunto la quinta piazza grazie ad una gara di conserva, precedendo Marino Sato, in difficoltà sull'asfalto umido.

Settimo l'altro pilota giapponese Teppei Natori, seguito da Cameron Das. Il pilota americano ha anche occupato la terza posizione prima di scivolare nelle retrovie. I due piloti del team Teo Martin G‍uilherme Samaia e Aldo Festante hanno completato la zona punti. Il pilota italiano aveva azzeccato la strategia, rimontando fino al quarto posto. Purtroppo nei minuti finali è rimasto coinvolto nell'incidente di Linus Lundqvist, perdendo diverse posizioni. Weekend da dimenticare per Jack Doohan, mai a proprio agio sul circuito di Pau.

Domenica 19 maggio 2019, gara 2

1 - Billy Monger (Dallara-Spiess) - Carlin - 24 giri 
2 - Nicolai Kjaergaard (Dallara-Spiess) - Carlin - 1"121
3 - Yuki Tsunoda (Dallara-Spiess) - Motopark - 1"630
4 - Lukas Dunner (Dallara-HWA) - Teo Martin - 8"893
5 - Christian Hahn (Dallara-Spiess) - Carlin - 18"506
6 - Marino Sato (Dallara-Spiess) - Motopark - 23"251
7 - Teppei Natori (Dallara-Spiess) - Carlin - 24"146
8 - Cameron Das (Dallara-HWA) - Fortec - 37"788
9 - Guilherme Samaia (Dallara-HWA) - Teo Martin - 38"729
10 - Aldo Festante (Dallara-HWA) - Teo Martin - 39"499
11 - Calan Williams (Dallara-HWA) - Fortec - 1 giro

Giro più veloce: Lukas Dunner 1'20"993

Ritirati
17° giro - Linus Lundqvist
14° giro - Julian Hanses
14° giro - Julian Hanses
3° giro - Jack Doohan
0 giri - Rui Andrade

Il campionato
1.Lawson 65 punti; 2.Sato 58; 3.Dunner 56; 4.Tsunoda 41; 5.Lundqvist 33; 6.Monger 28; 7.Hanses, Samaia 26; 9.Natori, Kjaergaard 18; 11.Hahn 16; 12.Das 12; 13.Williams 6; 14.Festante 5; 15.Doohan 4.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone