formula 1

23 Gran Premi per il 2023
Imola se la gioca con Le Castellet

Circola già una prima bozza del calendario del Mondiale F1 2022. I Gran Premio potrebbero essere 23, di cui due in Italia. Il...

Leggi »
formula 1

Mercedes lancia un assist al gruppo
Volkswagen: "Eliminare la MGU-H"

Come fare per coinvolgere in F1 un maggior numero di motoristi e che magari travolti dall'entusiasmo decidano di entrare ...

Leggi »
indycar

Laguna Seca - Gara
Herta non sbaglia, Palou vede il titolo

Colton Herta si è preso la rivincita per il difficile finale di Nashville nella "sua" Laguna Seca. Il californiano ...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 3
Øgaard firma la doppietta

1 - Sebastian Øgaard - Campos - 16 giri2 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 0”2363 - Filip Jenic - Teo Martin - 2”2094...

Leggi »
dtm

Assen - Gara 2
Vince Auer, Lawson secondo

Lucas Auer festeggia la sua prima vittoria stagionale nel DTM: l'austriaco ha fatto sua gara 2 ad Assen dopo essere parti...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 2
Macia penalizzato, primo Van’t Hoff

È stata una corsa davvero bella e combattuta quella che ha aperto la seconda giornata di gare dell’appuntamento di Valencia d...

Leggi »
21 Giu [0:29]

Puebla - Gara 2
Super Mortara, vittoria e leadership

Jacopo Rubino

Vittoria in gara 2 e leadership "improvvisa" nel Mondiale di Formula E: giornata da sogno per Edoardo Mortara a Puebla, dove l'italo-svizzero del team Venturi ha centrato la sua seconda affermazione in questa categoria dopo quella del 2019 a Hong Kong. Autore di una grande prova con la sua Mercedes clienti, mentre chi lo precedeva ha raccolto poco o nulla, Mortara ha compiuto un balzo clamoroso dall'ottavo posto in campionato.

Terzo in gara 1 e terzo in qualifica, Edo allo start ha subito scavalcato Pascal Wehrlein, poi ha azzeccato i momenti per usare gli Attack Mode: nella seconda attivazione, il ginevrino ha conservato la vetta provvisoria, guadagnando anzi un po' di terreno sul rivale della Porsche che aveva esaurito prima di lui la potenza aggiuntiva. A livello strategico, forse è stato il momento chiave. Il tedesco sembrava avere un ritmo superiore, pur chiedendo tanto ai pneumatici, quando era ormai in scia ha commesso una sbavatura che al giro 27 gli è costata circa un secondo, preziosissimo. Da lì in poi, infatti, Wehrlein non è più riuscito a mettere pressione, con Mortara lanciato verso il trionfo.

Per l'ex F1 è stata piazza d'onore, un buon risultato che però non compensa la delusione per il successo sfumato nella manche di ieri. Il rookie Nick Cassidy, terzo con l'Audi clienti del team Virgin, festeggia invece il primo podio in Formula E grazie al sorpasso nelle fasi finali sul poleman Oliver Rowland. Il britannico della Nissan è stato inizialmente in bagarre con Mortara e Wehrlein, ma ha gestito in modo un po' anomalo i due Attack Mode disponibili, attivando il primo al giro 5 e il secondo al giro 8, senza grossi benefici. In più, ha perso terreno pizzicando le barriere in curva 10, esponendosi alla minaccia Cassidy.

Jake Dennis (BMW) e Alex Alynn (Mahindra), quinto e sesto al traguardo, hanno confermato le stesse posizioni con cui sono partiti, ma non senza battagliare. Entrambi al giro 26 hanno inoltre approfittato del testacoda di Jean-Eric Vergne, scivolato ottavo dietro anche all'altra BMW di Maximilian Gunther.

Robin Frijns, undicesimo, è rimasto a mani vuote. L'olandese ha perso così la vetta della graduatoria, restando fermo a 62 punti contro i 72 del nuovo leader Mortara. Ma agli altri avversari diretti, complice il destino comune di una qualifica deludente, non è andata tanto meglio: nono Mitch Evans, decimo René Rast, pur bravo a recuperare dall'ultima casella (e a siglare il best lap). Per la Mercedes domenica in Messico da dimenticare, con l'unica consolazione del successo andato alla scuderia satellite Venturi grazie a Mortara. Tredicesimo Stoffel Vandoorne, ritirato Nyck De Vries speronato dal vincitore di gara 1, Lucas Di Grassi, per questo sanzionato con un drive-through. Ma entrambi viaggiavano fuori dalla top 10.

Brutto errore anche per il campione in carica Antonio Felix da Costa, che al giro 26 ha sbattuto in curva 7, se non altro scongiurando l'ingresso della safety-car. Fuori gioco pure Norman Nato, Alexander Sims e le due NIO di Oliver Turvey e Tom Blomqvist.

Aggiornamento: Puebla da incubo per Wehrlein, perde anche il podio di gara 2

Domenica 20 giugno 2021, gara 2

1 - Edoardo Mortara (Mercedes) - Venturi - 32 giri 46'41"685
2 - Pascal Wehrlein (Porsche) - Porsche - 2"296
3 - Nick Cassidy (Audi) - Virgin - 4"169
4 - Oliver Rowland (Nissan) - Nissan e.dams - 6"912
5 - Jake Dennis (BMW) - BMW Andretti - 9"986
6 - Alex Lynn (Mahindra) - Mahindra - 10"630
7 - Maximilian Gunther (BMW) - BMW Andretti - 10"968
8 - Jean-Eric Vergne (DS) - DS Techeetah - 21"111
9 - Mitch Evans (Jaguar) - Jaguar Racing - 21"261
10 - René Rast (Audi) - Audi Abt - 21"896
11 - Robin Frijns (Audi) - Mahindra - 22"216
12 - Sam Bird (Jaguar) - Jaguar - 27"945
13 - Stoffel Vandoorne (Mercedes) - Mercedes - 28"578
14 - Sébastien Buemi (Nissan) - Nissan e.dams - 35"720
15 - Joel Eriksson (Penske) - Dragon - 41"027
16 - Sergio Sette Camara (Penske) - Dragon - 41"029
17 - André Lotterer (Porsche) - Porsche - 46"250
18 - Lucas Di Grassi (Audi) - Audi Abt - 1'26"473

Giro più veloce: René Rast 1'25"370

Ritirati
28° giro - Tom Blomqvist
24° giro - Antonio Felix da Costa
20° giro - Alexander Sims
15° giro - Oliver Turvey
11° giro - Norman Nato
7° giro - Nyck de Vries

Il campionato
1.Mortara 72 punti; 2.Frijns 62; 3.Felix da Costa 60; 4.Rast 60; 5.Evans 60; 6.De Vries 59; 7.Vandoorne 54; 8.Dennis 54; 9.Wehrlein 50; 10.Vergne 50

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone