formula 1

Vettel erede di Marko
nel team Red Bull?

L'idea lanciata da Helmut Marko è certamente suggestiva: Sebastian Vettel suo erede all'interno del team Red Bull. Al...

Leggi »
formula 1

Finalmente sono arrivate le
finte dimissioni di Binotto

Sono giorni non facili per il presidente della Ferrari John Elkann che ha appena licenziato il team principal Mattia Binotto,...

Leggi »
FIA Formula 2

PHM si unisce a Charouz per i
campionati di Formula 2 e Formula 3

La notizia era nell’aria ormai da qualche mese. Il team PHM, che nel 2022 ha rilevato la struttura di Formula 4 di Mucke per ...

Leggi »
Rally

Extreme E a Punta del Este
Loeb-Gutierrez, rimonta da campioni

Michele Montesano Finale vietato ai deboli di cuore quello andato in scena a Punta del Este. Il Team X44 di Lewis Hamilton ...

Leggi »
wtcr

Jeddah - Gara 2
Magnus vince e chiude un capitolo

Michele Montesano Tagliando per primo il traguardo del tracciato cittadino di Jeddah, Gilles Magnus ha vinto l’ultima manche...

Leggi »
wtcr

Jeddah - Gara 1
Berthon mette la seconda

Michele Montesano Successo mai messo in discussione quello conquistato da Nathanaël Berthon a Jeddah. Scattato dalla pole di...

Leggi »
2 Ott [8:33]

Road Atlanta, gara
Vittoria e titolo per l'Acura Shank

Marco Cortesi

Vittoria in gara e nel campionato IMSA per il team Meyer Shank alla Petit Le Mans 2022. Tom Blomqvist, Oliver Jarvis e Helio Castroneves hanno lottato in pista e decisivo è stato un veloce pit-stop finale, che ha portato l'Acura bianco-rosa ad assumere la leadership proprio davanti ai rivali diretti per il campionato, i piloti del team Taylor. Dopo aver condotto nelle fasi iniziali, l'altra Acura ufficiale, con Filipe Albuquerque subentrato a Ricky Taylor e Brendon Hartley, si è lanciata all'inseguimento ma il portoghese ha toccato una Mercedes GT3 doppiata, rompendo una sospensione. Sono così sfumate anche per quest'anno le speranze di titolo, con un nuovo secondo posto. Il team Shank, già vincitore di Daytona e secondo a Watkins Glen, ha incamerato anche la Endurance Cup.

Il team Ganassi si autoelimina
A dominare la corsa, almeno nelle fasi precedenti, erano state le Cadillac del team Ganassi, che entrando nelle fasi conclusive, si trovavano comodamente al comando. Tuttavia, Earl Bamber e Renger Van Der Zande si sono toccati in curva 1, finendo in sabbia. Così, altre Cadillac, quelle del team ActionExpress, hanno completato il podio. Per il team Ganassi, la vettura di Van Der Garde-Bourdais-Dixon ha terminato quarta a 4 giri. Un violento incidente ha invece messo KO il team JDC Miller.

Vittoria e titolo per Tower in LMP2
Quinta assoluta ha concluso la vettura vincente (e campione) della classe LMP2, l'areca del team Tower con Deletraz-Farano-Andrade. Proprio lo svizzero è stato protagonista del sorpasso decisivo nel finale, ai danni di Juan Pablo Montoya. Seconda ha così chiuso la vettura del duo Montoya padre e figlio, più Henrik Hedman. Un altro protagonista della lotta per il titolo, l'immancabile Ben Keating, è uscito di pista nelle prime fasi. La gara LMP3 è andata al team Andretti con Jarett Andretti, Josh Burdon e Gabby Chaves, mentre il vantaggio della vigilia è bastato a Jon Bennett e Colin Braun per vincere il titolo nonostante un quinto posto.

GTD davanti alle GTD-Pro
Situazione grottesca tra le GT3 con le cinque GTD "non pro" che hanno finito la gara davanti al migliore degli equipaggi top a causa della procedura di pass-around divisa per classe. I leader della GTD "normale" hanno passato i Pro per riaccodarsi al gruppo guadagnando un giro, ma a quel punto al volante c'erano i piloti più forti, che non si sono fatti prendere. Così ha concluso al vertice la Acura NSX del team Gradient, prima vittoria per la squadra, con Simpson-Bechtolsheimer-Farnbacher. Titolo invece per l'Aston Martin del team Heart of Racing, sesta di categoria, con Roman De Angelis, Maxime Martin e Ian James.

Ferrari squalificata in GTD-Pro, titolo a Porsche
Vittoria Ferrari sfumata in GTD Pro. Daniel Serra aveva tagliato il traguardo per primo passando la Lexus di Jack Hawksworth, ma il brasiliano ha guidato per più di 4 ore in un periodo di 6, cosa vietata dal regolamento, per un totale di 4 ore e 11 minuti. Vittoria in gara per Hawksworth quindi, insieme a Kyle Kirkwood e Ben Barnicoat. La sfida nella classe regina delle GT3 è stata eccezionale, con quattro vetture che si sono confrontate insieme nell'ultima ora arrivando più volte al contatto. Seconda alla fine la BMW di De Philippi-Edwards-Krohn, mentre terza ha chiuso la Porsche Pfaff di Jaminet-Campbell-Nasr, a cui è bastato prendere il via per conquistare il titolo.

Sabato 1 ottobre, 2022, gara

1 - Jarvis/Blomqvist/Castroneves (Acura DPi) - Meyer Shank - 423 giri
2 - Pla/Derani/Conway (Cadillac DPi) - AXR - 4”369
3 - Rockenfeller/Kobayashi/Johnson (Cadillac DPi) - AXR - 1 giro
4 - van der Zande/Bourdais/Dixon (Cadillac DPi) - Ganassi - 4 giri
5 - Farano/Deletraz/Pinto de Andrade (Oreca 07) - Tower - 5 giri
6 - Hedman/Montoya/Montoya (Oreca 07) - DragonSpeed USA - 5 giri
7 - Thomas/Pierson/Nunez (Oreca 07) - PR1 Mathiasen Motorsports - 5 giri
8 - Bamber/Lynn/Hunter-Reay (Cadillac DPi) - Ganassi - 5 giri
9 - Taylor/Albuquerque/Hartley (Acura DPi) - WTR - 9 giri
10 - Andersen/Fjordbach/Scherer (Oreca 07) - High Class - 9 giri
11 - Andretti/Chaves/Burdon (Ligier JS P320) - Andretti - 22 giri
12 - Balogh/Grist/Siegel (Ligier JS P320) - Jr III Racing - 22 giri
13 - Barbosa/Jakobsen/Pino (Ligier JS P320) - Sean Creech - 22 giri
14 - Robinson/Fraga/van Berlo (Ligier JS P320) - Riley - 23 giri
15 - Bennett/Braun/Kurtz (Ligier JS P320) - CORE Autosport - 24 giri
16 - Mantella/Marcelli/Sarchet (Duqueine D08) - AWA - 26 giri
17 - Fidani/Bell/Kern (Duqueine D08) - AWA - 28 giri
18 - Simpson/Bechtolsheimer/Farnbacher (Acura NSX) - Gradient - 36 giri
19 - Iribe/Pepper/Priaulx (McLaren 720S) - Inception - 36 giri
20 - Foley/Auberlen/Dinan (BMW M4) - Turner Motorsport - 37 giri
21 - Hardwick/Robichon/Heylen (Porsche 911R) - Wright - 37 giri
22 - Sellers/Snow/Johansson (BMW M4) - Paul Miller Racing - 37 giri
23 - Hawksworth/Barnicoat/Kirkwood (Lexus RC F) - VasserSullivan - 37 giri
24 - De Phillippi/Edwards/Krohn (BMW M4) - BMW M Team RLL - 37 giri
25 - Campbell/Jaminet/Nasr (Porsche 911R) - Pfaff Motorsports - 37 giri
26 - Gunn/Riberas/Gamble (Aston Martin Vantage) - HORT - 37 giri
27 - Garcia/Taylor/Catsburg (Corvette C8.R) - Corvette - 37 giri
28 - Skeen/McAleer/Mueller (Mercedes-AMG GT3) - Korthoff - 38 giri
29 - De Angelis/Martin/James (Aston Martin Vantage) - HORT - 38 giri
30 - Mann/Perez Companc/Vilander (Ferrari 488) - AF CORSE - 38 giri
31 - Buhk/Grenier/Goetz (Mercedes-AMG GT3) - WeatherTech Racing - 38 giri
32 - Serra/Rigon/Calado (Ferrari 488) - Risi Competizione - 37 giri
33 - Conwright/Holzer/Yount (Lamborghini Huracan) - NTE/SSR - 38 giri
34 - Lacorte/Sernagiotto/De Pauw (Ferrari 488) - Cetilar Racing - 39 giri
35 - Ward/Ellis/Dienst (Mercedes-AMG GT3) - Winward Racing - 40 giri
36 - Goldburg/Shields/Maxson (Ligier JS P320) - Performance Tech - 68 giri
37 - Ferriol/Legge/Boulle (Porsche 911R) - Team Hardpoint - 159 giri
38 - Merriman/Dalziel/Rasmussen (Oreca 07) - Era Motorsport - 174 giri
39 - Vautier/Westbrook/Duval (Cadillac DPi) - JDC Miller - 253 giri
40 - Montecalvo/Telitz/Heistand (Lexus RC F) - VasserSullivan - 265 giri
41 - Keating/Jensen/Huffaker (Oreca 07) - PR1 Mathiasen - 321 giri
42 - Potter/Lally/Pumpelly (Aston Martin Vantage) - Magnus - 361 giri
43 - Megennis/Lewis/Westphal (Lamborghini Huracan) - Peregrine - 401 giri

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone