dtm

Spielberg - Gara 1
Domina Cassidy, Bortolotti terzo

Campionato completamente riaperto. Come avevamo sottolineato dopo la qualifica 1, la pessima prestazione della BMW Schubert d...

Leggi »
World Endurance

Prove di futuro a Portimão per Ferrari
Tre giorni di test per LMH e 296 GT3

Michele Montesano Dopo il test di agosto, svoltosi sull’Autodromo di Imola, la Ferrari aveva fatto sparire le tracce d...

Leggi »
GT World Challenge

Rivisti gli equipaggi Iron Lynx
per l’ultimo atto di Barcellona

Michele Montesano Il team Iron Lynx affronterà l’ultima gara del Fanatec GT World Challenge Europe Endurance Cup con le for...

Leggi »
formula 1

Che Aston Martin troverà Alonso?
Molto più forte, assicura il dt Fallows

La domanda, in fondo, viene spontanea. Al di là di un contratto più vantaggioso, per stipendio e durata, Fernando Alonso ha f...

Leggi »
formula 1

La Williams non conferma Latifi
De Vries in pole per il sedile

Tre anni di Formula 1 possono bastare. Nicholas Latifi a fine anno non verrà riconfermato dalla Williams e considerando che g...

Leggi »
formula 1

Tsunoda ha ottenuto il rinnovo:
correrà anche nel 2023 in AlphaTauri

Yuki Tsunoda ha ottenuto la riconferma in AlphaTauri. Nel 2023 il pilota giapponese disputerà la sua terza campagna in Formul...

Leggi »
16 Lug [11:40]

Rueda (Ferrari) spiega come cambia
il weekend inglese con il nuovo format

Massimo Costa

Come cambierà il lavoro dei team nel weekend del GP di Gran Bretagna, con i suoi orari rivoluzionati per via della gara sprint che si terrà sabato pomeriggio? Completamente, è la risposta. A spiegarlo nel dettaglio è Inaki Rueda, stratega della Ferrari, che alla Gazzetta dello Sport ha specificato: "La prima sessione di prove libere, che durerà un’ora, sarà fondamentale, perché bisognerà decidere l’assetto della macchina in vista della qualifica, prevista tre ore e mezza più tardi. Da quel momento, la configurazione della vettura non potrà più essere cambiata fino al termine della gara di domenica".

Rueda prosegue: "Arriveremo in pista con un assetto base, definito al simulatore, e proveremo altri due assetti, cercando di migliorare. Difficile portare sviluppi, a meno di essere sicuri che funzionino, perché non ci sarebbe il tempo di provarli. Inoltre avremo pochissimo tempo anche per fare comparazioni sull’assetto della macchina con i piloti che di solito girano al simulatore a Maranello nei venerdì dei gran premi". Da notare che la Mercedes ha invece portato un notevole inedito pacchetto aerodinamico per le sue W12.

Rueda continua a spiegare: "Sarà una sfida contro il tempo, con il rischio di dimenticare o sbagliare qualcosa. Questo ci preoccupa di più. Nelle libere sarebbe ideale provare la vettura sul giro singolo e fare almeno un giro a pieno carico. Ma ci dovremo subito chiedere se sia conveniente usare le gomme soft, visto che ne abbiamo a disposizione sei treni per la qualifica, dove è l’unica mescola ammessa, e ci potrebbe mancare per un tentativo. Mentre rimanderemo le valutazioni su durata e degrado degli pneumatici alle seconde prove libere del sabato".

Ma cosa ne pensa Rueda della gara sprint? "Purtroppo i calcoli al computer ci dicono che conterà soprattutto il primo giro per guadagnare posizioni. Dopo potrebbero restare invariate. In generale ci aspettiamo il 66% in più di sorpassi, da 44 a 68 di media nel weekend, e anche più incidenti. Mentre non si faranno pit-stop, visto che sarebbe impossibile recuperare il tempo perso ai box in soli 17 giri. Non ci fermeremo neppure con la safety-car. Significa che se Leclerc sorpasserà Hamilton o Verstappen, probabilmente resterà davanti. Nel GP di Austria, se fosse stata una gara sprint, sarebbe finito davanti a Perez. In ogni caso i piloti dovranno evitare che un sorpasso rischioso possa compromettere il risultato della gara di domenica, più importante per i punti».

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone