World Endurance

Imola – Qualifica
Pole di Fuoco nella tripletta Ferrari

Da Imola - Michele Montesano La Ferrari ha infiammato Imola. Nelle qualifiche del FIA WEC il Cavallino Rampante ha monopolizz...

Leggi »
Rally

Rally di Croazia – 2° giorno
Neuville respinge gli attacchi di Evans

Michele Montesano Definito “The asphalt challenge” quello della Croazia si è rivelato, finora, il rally più combattuto della ...

Leggi »
formula 1

Shanghai - Qualifica
Dominio Red Bull, Verstappen in pole

La gara Sprint aveva lasciato intuire che la qualifica per il Gran Premio sarebbe stata a senso unico, quello della Red Bull-...

Leggi »
formula 1

Alonso, inutile penalità
per il contatto con Sainz

Avevamo scritto nel precedente articolo riferito alla gara Sprint, che i commissari sportivi non erano intervenuti per dirime...

Leggi »
World Endurance

Peugeot debutta con la nuova 9X8 LMH
Jansonne: “La pista ci darà il verdetto”

Da Imola - Michele Montesano Peugeot è legata a un doppio filo con l’Italia nel FIA WEC. Se a Monza, quasi due anni fa, la C...

Leggi »
formula 1

Shanghai - Gara Sprint
Verstappen di rimonta, poi Hamilton
Bagarre tra Sainz e Leclerc

E alla fine vince sempre lui. Max Verstappen, da quarto a primo nella prima gara Sprint del 2024. Pista asciutta ed ecco che ...

Leggi »
2 Mar [10:59]

Sakhir - Gara 2
Dominio di Browning

Massimo Costa

Dominio di Luke Browning nella main race della Formula 3 a Sakhir. Il pilota inglese del team Hitech, già vincitore della gara di Macao lo scorso novembre, è scattato perfettamente dalla seconda piazzola della prima fila e approfittando di una defaillance del poleman Dino Beganovic, avviatosi lentamente, ha sempre tenuto la prima posizione con grande sicurezza. Browning non è un pilota di "primo pelo", ha già 22 anni e una lunga esperienza in formula. Ha vinto la F4 inglese nel 2020, si è piazzato terzo nella F4 tedesca 2021, ha conquistato la GB3 nel 2022, serie dalla quale ha compiuto il salto nella F3 lo scorso anno.

Entrato nella Academy Williams, Browning ha conquistato a Sakhir la prima vittoria in F3 e si pone come uno dei principali candidati al successo finale. Certo è ancora presto per trarre conclusioni, ma la sicurezza evidenziata oggi non lascia molti dubbi che il pilota del team Hitech può giocarsi il titolo. In gara 1 ha commesso una leggerezza sfruttando troppo i track limits e per questo è stato penalizzato perdendo punti importanti, si sarebbe piazzato ottavo.

Sul traguardo, Browning ha preceduto un sorprendente Christian Mansell. Ottavo sulla griglia di partenza, l'australiano del team ART ha sbalordito tutti transitando quinto al 1° giro, poi superando Santiago Ramos, Tim Tramnitz e Sami Meguetounif. Ma non ne aveva più per tentare di andare a prendere Browning. Per Mansell, al secondo anno di F3, non è il primo podio nella categoria avendo ottenuto nel 2023 (con il team Campos) un secondo posto a Spa gara 2 e un terzo a Silverstone gara 1.

Primo dei rookie, e terzo all'arrivo, un ottimo Tim Tramnitz del team MP Motorsport. Il tedesco che da quest'anno è divenuto parte del programma Junior Red Bull, ha avuto la meglio su Meguetounif del team Trident, inizialmente secondo, ma quarto al traguardo. La squadra di Maurizio Salvadori registra anche il quinto posto di Santiago Ramos e il settimo di Leonardo Fornaroli, terzo in gara 1.

Gabriele Minì che si trovava in seconda fila non ha sfruttato il problema di Beganovic partendo non bene tanto che è transitato sesto al 1° giro e in quella posizione ha concluso. Beganovic, da ultimissimo ha compiuto una grande rimonta terminando 13esimo. Peccato perché poteva giocarsi la vittoria con Browning. Lo svedese del team Prema lascia il Bahrain con zero punti in quanto in gara 1 aveva urtato Ramos alla prima curva dopo la partenza ed era stato penalizzato. Il vincitore di gara 1, Arvid Lindblad, ha visto la bandiera a scacchi in ottava piazza.

Anche in gara 2 nessuna safety-car è dovuta intervenire, da registrare un contatto innescato da Cian Shields ai danni di Joshua Dufek. Oliver Goethe col decimo posto ha salvato il bilancio negativo del team Campos, con Sebastian Montoya disperso e Mari Boya subito in difficoltà per una foratura. Saluta il Bahrain con zero punti anche Martinius Stenshorne del team Hitech, vice campione Regional European by Alpine, sicuramente la grande delusione del weekend.

Sabato 2 marzo 2024, gara 2

1 - Luke Browning - Hitech - 22 giri 41'08"012
2 - Christian Mansell - ART - 1"264
3 - Tim Tramnitz - MP Motorsport - 2"432
4 - Sami Meguetounif - Trident - 5"654
5 - Santiago Ramos - Trident - 6"930
6 - Gabriele Minì - Prema - 8"200
7 - Leonardo Fornaroli - Trident - 8"888
8 - Arvid Lindblad - Prema - 9"542
9 - Alexander Dunne - MP Motorsport - 16"619
10 - Olvier Goethe - Campos - 17"032
11 - Nikola Tsolov - ART - 18"076
12 - Noel Leon - Van Amersfoort - 19"451
13 - Dino Beganovic - Prema - 20"021
14 - Martinius Stenshorne - Hitech - 21"734
15 - Laurens Van Hoepen - ART - 22"676
16 - Charlie Wurz - Jenzer - 23"108
17 - Sebastian Montoya - Campos - 23"679
18 - Nikita Bedrin - PHM - 29"902
19 - Matias Zagazeta - Jenzer - 30"847
20 - Tasanapol Inthrapuvasak - PHM - 34"409
21 - Callum Voisin - Rodin - 35"839
22 - Tommy Smith - Van Amersfoort - 37"465
23 - Joseph Loake - Rodin - 41"131
24 - Max Esterson - Jenzer - 42"347
25 - Piotr Wisnicki - Rodin - 52"341
26 - Cian Shields - Hitech - 53"921
27 - Joshua Dufek - PHM - 59"979
28 - Kacper Sztuka - MP Motorsport - 1'03"836
29 - Mari Boya - Campos - 1'28"231
30 - Sophia Floersch - Van Amersfoort - 1 giro

Il campionato
1.Browning 25; 2.Tramnitz 21; 3.Mansell 18; 4.Fornaroli 15; 5.Lindblad 14; 6.Meguetounif 13; 7.Minì 12; 8.Van Hoepen, Ramos 10; 10.Tsolov 7; 11.Esterson 5; 12.Boya, Goethe 3; 14.Dunne, Beganovic 2.