formula 1

Ben Sulayem investigato per
l'esito del GP di Jeddah 2023

Non c'è che dire, se i risultati in pista dei Gran Premi di F1 sono quanto meno scontati per via del dominio Red Bull, il...

Leggi »
World Endurance

Il BoP un male inevitabile nel WEC
purché usato nella giusta maniera

Michele Montesano - XPB Images Come prevedibile, a conclusione della 1812 km del Qatar si è tornato a parlare di BoP. Al di ...

Leggi »
formula 1

McLaren sotto le aspettative
Attesi importanti sviluppi

Massimo Costa - XPB Images La stagione 2023 per la McLaren si era conclusa in maniera brillantissima, con una seconda parte d...

Leggi »
World Endurance

Peugeot: oltre il danno la beffa
Squalificati Vergne-Müller-Jensen

Michele Montesano Dalla gioia di un podio tanto inseguito e finalmente alla portata, all’amara delusione della squalifica. C...

Leggi »
formula 1

Jos Verstappen attacca Horner
e terremota il team Red Bull

Chi ci legge da anni, conosce il nostro pensiero su Jos Verstappen, padre del pilota Max Verstappen. Un personaggio sempre&nb...

Leggi »
World Endurance

Lusail – Gara: dominio Porsche
Tripletta in Hypercar, vittoria in LMGT3

Michele Montesano La stagione 2024 del FIA WEC è iniziata nel segno della Porsche. Sempre al vertice, fin dalle prime sessio...

Leggi »
1 Dic [20:03]

Sargeant, ma quanto mi costi?
Spese incidenti, Williams al top
Ferrari sorprendentemente seconda

Massimo Costa - XPB Images

Quali sono i piloti di F1 che sono costati di più ai loro rispettivi team? Non parliamo dell'ingaggio, bensì dei danni provocati alle monoposto nel corso della stagione e le conseguenti spese che le squadre hanno dovuto sostenere. La Williams capeggia la classifica con ben 7.119.000 dollari sborsati per rimediare agli incidenti accumulati dai suoi piloti, Alexander Albon e Logan Sargeant.

L'americano, che quest'anno ha debuttato in F1, è stato la grande delusione del campionato per le scarse prestazioni offerte in 22 weekend di gara ed ha anche il record dei danni provocati, ben 4.333.000 dollari. Nonostante ciò, la Williams lo ha confermato oggi pomeriggio. Ma anche Albon non è stato da meno ed occupa la sesta posizione in questa particolare classifica, con 2.786.000 dollari che la squadra di James Vowles ha dovuto spendere per sistemare la sua FW43 a causa dei suoi errori. Da qui, la cifra di 7.119.000.

Sorprendentemente, la Ferrari è al secondo posto con una spesa sostenuta di 5.558.000 dollari. Soldi che il team di Frederic Vasseur ha dovuto prelevare dal conto più che altro negli ultimi due weekend stagionali. Il grosso problema causato sulla vettura di Carlos Sainz a Las Vegas, per via di quel tombino maledetto nel turno libero, e l'incidente di Abu Dhabi, sempre protagonista lo spagnolo, nuovamente nelle libere. Due problemi che hanno alzato notevolmente il budget dei soldi in uscita tanto che Sainz occupa la seconda posizione dietro a Sargeant per un totale di 3.644.000 dollari di danni mentre Charles Leclerc è decimo con 1.914.000.

La Red Bull ha dovuto fare i conti con un Sergio Perez che ha costretto Christian Horner a mettere mani al portafoglio per 3.224.000 dollari. Il messicano non si è risparmiato in questo senso ed è terzo nella classifica mentre, pensate un po', Max Verstappen è ultimo, con appena 345.000 dollari di danni. Il totale per la Red Bull è di 3.569.000 dollari. Una differenza economica, quella tra Perez e Verstappen, che alimenta i dubbi sul messicano, già enormi per quanto riguarda le prestazioni in pista.

Dopo Williams e Ferrari, il team con maggiori spese dovute agli incidenti è la Alpine, 5.425.000 dollari a causa di Esteban Ocon, 2.999.000 dollari (quarto nella graduatoria), e Pierre Gasly (ottavo), 2.426.000, che di errori ne hanno collezionati non pochi. Come Lance Stroll (quinto in classifica), costato a papà Lawrence qualcosa come 2.834.000 dollari per la Aston Martin . Meno male che Fernando Alonso è tra gli ultimi in graduatoria con 830.000 dollari. Pochi problemi in questo senso hanno dato alla Mercedes George Russell e Lewis Hamilton, in due 1.550.000 dollari di danni. La Mercedes è ultima nella classifica.

Fa sorridere il dato del team Haas, al quarto posto con 4.133.000 dollari. Puntare sui piloti di provata esperienza come Kevin Magnussen e Nico Hulkenberg, anziché sui giovani, non ha portato granché in quanto a risparmio nella voce incidenti. Il danese ha picchiato per un totale di 2.576.000 dollari (settimo in classifica), il tedesco per 1.557.000 dollari. Non male anche i danni provocati dai due piloti McLaren, 3.723.000 dollari il totale. Sorride, come la Mercedes, anche la Sauber, penultima con 1.907.000 dollari grazie alla "pulizia" di Valtteri Bottas e Guan Yu Zhou.

Le spese in dollari sostenute dai team per incidenti

1 - Williams - 7.119.000
2 - Ferrari - 5.558.000
3 - Alpine - 5.425.000
4 - Haas - 4.133.000
5 - McLaren - 3.723.000
6 . Aston Martin - 3.664.000
7 - Red Bull - 3.569.000
8 - Alpha Tauri - 2.777.000
9 - Sauber - 1.907.000
10 - Mercedes - 1.550.000

Totale - 39.425.000

Le spese in dollari provocate dai piloti per incidenti

1 - Logan Sargeant - Williams - 4.333.000
2 - Carlos Sainz - Ferrari - 3.644.000
3 - Sergio Perez - Red Bull - 3.224.000
4 - Esteban Ocon - Alpine - 2.999.000
5 - Lance Stroll - Aston Martin - 2.834.000
6 - Alexander Albon - Williams - 2.786.000
7 - Kevin Magnussen - Haas - 2.576.000
8 - Pierre Gasly - Alpine - 2.426.000
9 - Oscar Piastri - McLaren - 2.271.000
10 - Charles Leclerc - Ferrari - 1.914.000
11 - Nico Hulkenberg - Haas - 1.557.000
12 - Nyck De Vries/Daniel Ricciardo - Alpha Tauri - 1.522.000
13 - Lando Norris - McLaren - 1.452.000
14 - Yuki Tsunoda - Alpha Tauri - 1.255.000
15 - Guan Yu Zhou - Sauber - 1.207.000
16 - Lewis Hamilton - Mercedes - 880.000
17 - Fernando Alonso - Aston Martin - 830.000
18 - Valtteri Bottas - Sauber - 700.000
19 - George Russell - Mercedes - 670.000
20 - Max Verstappen - Red Bull - 345.000