formula 1

Szafnauer e il caso Piastri-Alonso
"Fernando non ci ha detto nulla,
Piastri non è una persona leale"

E' una bella e lunga intervista quella che il team principal Otman Szafnauer ha rilasciato a Javier Rubio, giornalista de...

Leggi »
GT Internazionale

GT Masters - Nürburgring
Marciello e Mercedes sugli scudi

Michele Montesano Inarrestabile Raffaele Marciello che, dopo aver vinto la 24 Ore di Spa la settimana scorsa, ha dominato l...

Leggi »
indycar

Nashville - Gara
Dal caos emerge Dixon

1 - Scott Dixon (Dallara/Honda) - Ganassi - 80 giri2 - Scott McLaughlin (Dallara/Chevy) - Penske - 0"10673 - A...

Leggi »
Rally

Rally Finlandia – Finale
Tanak vince contenendo Rovanpera

Michele Montesano Ott Tanak, vincendo il Rally di Finlandia, ha spezzato ancora una volta il dominio di Kalle Rovanpera nell...

Leggi »
Rally

Rally Finlandia – 3° giorno finale
Tanak 1°, ma Rovanpera è in agguato

Michele Montesano Il finale del Rally di Finlandia, ottavo round del WRC, si preannuncia una volata a due. Con ancora 4 Prov...

Leggi »
formula 1

Piastri diventa l'incubo di Ricciardo
L'incredibile pasticcio dell'Alpine

Non ha mai disputato un Gran Premio, non ha mai avuto l'occasione di partecipare un turno libero del venerdì, al volante ...

Leggi »
18 Mar [1:32]

Sebring - Qualifica
Fulmine Alpine, AF Corse pole in LMP2

Michele Montesano

La stagione 2022 del FIA WEC è iniziata sotto il segno dell’Alpine. Nicolas Lapierre ha conquistato una perentoria pole position sul tracciato di Sebring. Il francese è stato autore di un giro fulmineo staccando di 1”3 la Glickenhaus di Oliver Pla. Come nelle prove libere, le LMP2 si sono dimostrate ancora una volta vicinissime alle LMH. Lo ha dimostrato il terzo crono assoluto dell’Oreca griffata AF Corse di Nicklas Nielsen. Doppietta Porsche in LMGTE Pro, mentre Aston Martin si è assicurata la prima fila di classe LMGTE Am.

Seconda pole per l’Alpine nel WEC. Dopo che Matthieu Vaxiviere ci era riuscito lo scorso anno a Portimão, questa volta è toccato a Lapierre issare la ex LMP1 Rebellion in cima alla lista dei tempi. Il transalpino ha fermato il cronometro in 1’47”407, un tempo davvero irraggiungibile per Pla. Una cosa è certa: alla 1000 Miglia di Sebring non vedremo partire nemmeno una Toyota dalla prima fila. Per ora non è dato sapere se i nipponici hanno fatto pretattica o si sono ritrovati effettivamente in difficoltà. Sicuramente avrà pesato un BoP (Balance of Performance) sfavorevole per quanto riguarda l’utilizzo dei motori elettrici, ricordiamo che le GR 010 Hybrid possono attivare la spinta supplementare solamente dopo aver oltrepassato i 190 Km/h. Brendon Hartley, a 1”8 dalla vetta, non è riuscito a fare meglio del quarto crono, mentre José Maria Lopez si è dovuto accontentare del settimo riferimento assoluto.



Non poteva esserci miglior esordio fra i prototipi per AF Corse. Nielsen, con un crono di 1’49”014, ha regalato alla squadra italiana il terzo tempo assoluto e la pole di classe LMP2. Nulla da fare per le due Oreca griffate United Autosports, con Felipe Albuquerque e Paul di Resta che scatteranno rispettivamente dalla quinta e sesta posizione assoluta. René Rast, quarto di classe, è riuscito ad avere la meglio su Ferdinand Habsburg. Mentre è toccato a Robert Kubica inaugurare l’esordio in LMP2 del Team Prema con un’incoraggiante ingresso nella top-10. La sessione è finita anzitempo per via di una rovinosa uscita in curva 1 da parte di Fabio Scherer, chiamato a sostituire Alex Brundle risultato positivo al Covid-19.

Sonante doppietta Porsche in classe LMGTE Pro. Michael Christensen, fermando le lancette in 1’57”233, è riuscito a beffare proprio nell’ultimo tentativo il compagno di squadra Gianmaria Bruni che stava già pregustando la pole. Il sogno di intrufolarsi per la lotta al vertice è durato un giro di valzer per il team Chevrolet, Nick Tandy si è fermato al terzo posto a quasi mezzo secondo dal poleman. Lontanissime le Ferrari dei campioni del mondo di AF Corse, addirittura dietro una GT di classe Am. Staccato di oltre 2” dal vertice James Calado, seguito da Antonio Fuoco alla sua prima uscita da ufficiale.



A intrufolarsi fra i Pro è stato il portacolori del TF Sport Ben Keating. L’alfiere dell’Aston Martin è stato l’unico pilota di classe LMGTE Am a siglare un crono inferiore ai 2’. Secondo posto per la Vantage di Paul Dalla Lana, mentre dalla seconda fila scatteranno la Porsche di Brendan Iribe e la Ferrari dell’Iron Dames Sara Bovy. A completare la top-5 Satoshi Hoshino sull’Aston del D’Station Racing. Da segnalare l’esposizione della bandiera rossa a metà sessione causata da Nicolas Leutwiler, protagonista di un contatto fin troppo ravvicinato contro le barriere di curva 17.

Venerdì 18 marzo 2022, qualifica

1 - Negrão/Lapierre/Vaxiviere (Alpine A480-Gibson) - Alpine - 1'47"407
2 - Briscoe/Dumas/Pla (Glickenhaus 007 LMH) - Glickenhaus - 1'48"741
3 - Perrodo/Nielsen/Rovera (Oreca 07-Gibson) - AF Corse - 1'49"014
4 - Buemi/Hirakawa/Hartley (Toyota GR010-Hybrid) - Toyota - 1'49"217
5 - Hanson/Owen/Albuquerque (Oreca 07-Gibson) - United Autosports - 1'49"388
6 - di Resta/Jarvis/Pierson (Oreca 07-Gibson) - United Autosports - 1'49"510
7 - Conway/Kobayashi/Lopez (Toyota GR010-Hybrid) - Toyota - 1'49"581
8 - Gelael/Frijns/Rast (Oreca 07-Gibson) - WRT - 1'49"670
9 - Andrade/Habsburg/Nato (Oreca 07-Gibson) - Realteam WRT - 1'49"688
10 - Kubica/Deletraz/Colombo (Oreca 07-Gibson) - Prema - 1'50"057
11 - Rasmussen/Jones/Aberdein (Oreca 07-Gibson) - Jota - 1'50"178
12 - Gonzalez/da Costa/Stevens (Oreca 07-Gibson) - Jota - 1'50"596
13 - Cameron/Collard/Nasr (Oreca 07-Gibson) - Penske - 1'50"629
14 - Wadoux/Ogier/Milesi (Oreca 07-Gibson) - Richard Mille - 1'50"916
15 - J. Lahaye/M. Lahaye/Heriau (Oreca 07-Gibson) - Ultimate - 1'50"954
16 - Müller/Cullen/Rockenfeller (Oreca 07-Gibson) - Vector - 1'50"955
17 - Konopka/Beche/van der Helm (Oreca 07-Gibson) - ARC Bratislava - 1'51"182
18 - Thomas/Allen/Binder (Oreca 07-Gibson) - Algarve Pro - 1'51"332
19 - Estre/Christensen (Porsche 911 RSR) - Porsche GT Team - 1'57"233
20 - Bruni/Lietz (Porsche 911 RSR) - Porsche GT Team - 1'57"383
21 - Milner/Tandy (Chevrolet Corvette C8.R) - Corvette - 1'57"696
22 - Keating/Latorre/Sorensen (Aston Martin Vantage AMR) - TF Sport - 1'59"204
23 - Pier Guidi/Calado (Ferrari 488 GTE Evo) - AF Corse - 1'59"299
24 - Fuoco/Molina (Ferrari 488 GTE Evo) - AF Corse - 1'59"388
25 - Dalla Lana/Pittard/Thiim (Aston Martin Vantage AMR) - Northwest - 2'00"570
26 - Iribe/Millroy/Barnicoat (Porsche 911 RSR) - Project 1 - 2'00"649
27 - Frey/Gatting/Bovy (Ferrari 488 GTE Evo) - Iron Dames - 2'01"140
28 - Hoshino/Fujii/Fagg (Aston Martin Vantage AMR) - D'Station - 2'01"379
29 - Ried/Priaulx/Tincknell (Porsche 911 RSR) - Dempsey-Proton - 2'02"079
30 - Flohr/Castellacci/Cassidy (Ferrari 488 GTE Evo) - AF Corse - 2'02"264
31 - Dezoteux/Ragues/Aubry (Ferrari 488 GTE Evo) - Spirit of Race - 2'02"800
32 - Mann/lrich/Vilander (Ferrari 488 GTE Evo) - AF Corse - 2'03"116
33 - Poordad/Lindsey/Andlauer (Porsche 911 RSR) - Dempsey-Proton - 2'03"560
34 - Schiavoni/Cressoni/Fisichella (Ferrari 488 GTE Evo) - Iron Lynx - 2'03"560
35 - Smiechowski/Scherer/Gutierrez (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - No Time
36 - Cairoli/Pedersen/Leutwiler (Porsche 911 RSR) - Project 1 - No Time

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone