formula 1

FIA e F1, missione compiuta:
approvate le regole sui motori 2026

Finalmente. Dopo mesi, per non dire un paio d'anni, di trattative e discussioni, sono ufficialmente confermate le regole ...

Leggi »
formula 1

Misure anti porpoising dal 2023:
la delibera FIA con un compromesso

Nel Consiglio Mondiale di oggi, oltre ad approvare le power unit 2026, la FIA ha deliberato le misure in vigore dal 2023 cont...

Leggi »
formula 1

Verstappen non ha dubbi: "La Ferrari
più competitiva della mia Red Bull"

Il suo ruolino di marcia è impeccabile, la stagione 2022 è senza dubbio una delle migliori della sua carriera. Otto le vitto...

Leggi »
World Endurance

Ferrari prosegue i test della LMH
Cosa nasconde la livrea mimetica

Michele Montesano È un’estate intensa e priva di soste quella del reparto Ferrari Competizioni GT. Gli uomini di Maranello ...

Leggi »
Regional by Alpine

Intervista a Dino Beganovic
“Tanto lavoro con Prema dietro i miei successi”

Una partenza eccezionale, con sette podi nelle prime sette gare della stagione. Quello di Dino Beganovic, pilota della Ferrar...

Leggi »
Formula E

Vandoorne, l'ennesimo campione che
la F1 ha snobbato con troppa fretta

Nelson Piquet, Sebastien Buemi, Lucas Di Grassi, Jean-Eric Vergne (due volte), Antonio Felix Da Costa, Nyck De Vries, Stoffel...

Leggi »
2 Lug [17:09]

Silverstone - Qualifica
Con la pioggia, prima pole di Sainz

Massimo Costa - XPB Images

Carlos Sainz non scorderà per molto tempo questo sabato 2 luglio. Su uno dei circuiti più iconici della F1, Silverstone, e con tanto di pioggia a mescolare le carte, lo spagnolo della Ferrari ha conquistato una bellissima pole, la prima della sua carriera in F1. Sainz, alla sua 150esima qualifica, è riuscito finalmente a dare una svolta a questa stagione fatta di alti e troppi bassi battendo per 72 millesimi Max Verstappen con la Red Bull-Honda. Un giro veramente bello quello di Sainz, capace di freddare l'olandese che guidava la classifica con il tempo di 1'41"055. Ma Sainz ha infranto il muro dell'1'41" realizzando un incredibile 1'40"983. E venendo festeggiato da un grande ex della F1 come Nigel Mansell, "parcheggiato" nel box Ferrari con tanto di cappellino col cavallino.

Poteva essere una prima fila tutta Ferrari con Charles Leclerc, che però nel suo giro finale è finito in testacoda. Aveva segnato il miglior primo settore, poi l'errore e così il monegasco scatterà terzo col tempo di 1'41"298. Dunque, tutto è cambiato in fretta perché con la pista asciutta del terzo turno libero del mattino, la superiorità della Red Bull appariva chiara con Verstappen e Perez facilmente davanti. Sainz non si è lasciato sfuggire la grande occasione e con una guida perfetta ha messo tutti in riga. Domani pioverà? Difficile da dire, il meteo dalle parti di Silverstone cambia rapidamente e non sai mai cosa aspettarti.

In seconda fila con Leclerc partirà Perez e sarà una partita Ferrari-Red Bull a meno che... la Mercedes non ci metta lo zampino. Lewis Hamilton ha disputato una splendida qualifica concludendo quinto, superato proprio al calare della bandiera a scacchi da Perez. Hamilton sperava di chiudere nelle prime tre posizioni, ma come ha ammesso, la strategia giocata con il proprio ingegnere nei due giri finali (penultima tornata un cool down poco utile) non ha funzionato. In terza fila avrà al proprio fianco la McLaren-Mercedes del sempre bravo Lando Norris. Quarta fila per Fernando Alonso con l'Alpine Renault, che non ha sfruttato al meglio il fatto di essere transitato per ultimo nel giro finale, e George Russell, con la seconda Mercedes. Il giovane inglese una volta tanto si è dovuto inchinare ad Hamilton e proprio in condizioni di pista dove poteva fare la differenza.



La quinta fila è a dir poco sorprendente con Guan Yu Zhou, abile a sfruttare il momento migliore per scendere in pista nel Q2, e Nicholas Latifi, che le ha azzeccate tutte una volta tanto. Per lui è stata la prima volta nel Q3 da quando è in F1 mentre il cinese vi era riuscito nel GP precedente a Montreal. La Q2 ha visto la pioggia aumentare di intensità dopo pochi minuti non permettendo a Valtteri Bottas, Esteban Ocon e Daniel Ricciardo, candidati ad entrare in Q3, a non migliorarsi più. Una vera disdetta per loro. Con pista bagnata, Pierre Gasly è uscito dalle ultime posizioni in cui era relegato nelle libere cogliendo una bella 11esima piazza. Male nel Q3 la Aston Martin-Mercedes che ha sbagliato tutto quel che poteva nella strategia mentre Alexander Albon era furioso per la scelta dell'ingegnere di fare un cool down nel momento clou e così le gomme non sono più andate in temperatura. 

Sabato 2 luglio 2022, qualifica

1 - Carlos Sainz (Ferrari) - 1'40"983 - Q3
2 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 1'41"055 - Q3
3 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'41"298 - Q3
4 - Sergio Perez (Red Bull-Honda) - 1'41"616 - Q3
5 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1'41"995 - Q3
6 - Lando Norris (McLaren-Mercedes) - 1'42"084 - Q3
7 - Fernando Alonso (Alpine-Renault) - 1'42"116 - Q3
8 - George Russell (Mercedes) - 1'42"161 - Q3
9 - Guan Yu Zhou (Sauber Alfa Romeo-Ferrari) - 1'42"719 - Q3
10 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 2'03"095 - Q3
11 - Pierre Gasly (Alpha Tauri-Honda) - 1'43"702 - Q2
12 - Valtteri Bottas (Sauber Alfa Romeo-Ferrari) - 1'44"232 - Q2
13 - Yuki Tsunoda (Alpha Tauri-Honda) - 1'44"311 - Q2
14 - Daniel Ricciardo (McLaren-Mercedes) - 1'44"355 - Q2
15 - Esteban Ocon (Alpine-Renault) - 1'45"190 - Q2
16 - Alexander Albon (Williams-Mercedes) - 1'42"079 - Q1
17 - Kevin Magnussen (Haas-Ferrari) - 1'42"159 - Q1
18 - Sebastian Vettel (Aston Martin-Mercedes) - 1'42"666 - Q1
19 - Mick Schumacher (Haas-Ferrari) - 1'42"708 - Q1
20 - Lance Stroll (Aston Martin-Mercedes) - 1'43"430 - Q1

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone