24 ore le mans

Ferrari: il sogno Le Mans continua
Dopo il bis, si punta al titolo mondiale

Da Le Mans – Michele Montesano A distanza di un anno, il circuit de la Sarthe si è tinto nuovamente di rosso Ferrari. Ma qu...

Leggi »
24 ore le mans

Ferrari si ripete a Le Mans
Fuoco-Nielsen-Molina compiono l’impresa

Da Le Mans - Michele Montesano La Ferrari 499P LMH si è confermata nuovamente la vettura da battere nella 24 Ore di Le Mans. ...

Leggi »
F4 Italia

Vallelunga - Gara 3
Tripudio Slater, tre su tre

Da Vallelunga - Davide Attanasio - Foto SpeedyTris di vittorie a Misano, tris di vittorie a Vallelunga, nel mezzo il suc...

Leggi »
24 ore le mans

Le Mans – Ore 14
Torna la pioggia, Ferrari in testa

Da Le Mans - Michele Montesano Con sei Hypercar racchiuse in meno di un minuto, e a meno di due ore dal termine, quella del 2...

Leggi »
24 ore le mans

Le Mans – Ore 12
Cadillac al comando,
Ferrari AF Corse KO

Da Le Mans - Michele Montesano È ancora tutto da scrivere l’esito finale della 24 Ore di Le Mans. Se fino a qualche ora fa la...

Leggi »
F4 Italia

Vallelunga - Gara 2
Ancora Slater

Da Vallelunga - Davide Attanasio - Foto SpeedyGara condotta dall'inizio alla fine, giro più veloce e vittoria per dispers...

Leggi »
22 Mar [13:36]

Sticchi Damiani lancia l'ennesimo
allarme sul futuro di Monza in F1

Massimo Costa

Sono momenti difficili per l'Autodromo di Monza. Il suo futuro nel calendario del Mondiale F1 è sempre più a rischio. Servono urgentemente lavori di ristrutturazione, di cui in verità si parla da anni ma ben poco è stato fatto. L'accordo con Liberty Media comprende i Gran Premi del 2023, 2024 e 2025, dopo di che occorrerà ridiscutere il tutto. E mentre il circuito di Imola sta rimodellando il paddock da qualche settimana, a Monza si discute ancora sui sottopassaggi, sempre quelli da decenni e pericolosissimi.

In merito, ha acceso l'allarme Angelo Sticchi Damiani, presidente ACI: “L'autodromo di Monza deve evolversi, cambiare, stare al passo coi tempi. Ma in questo non possiamo essere lasciati soli. Dicono che l’Europa abbia troppi Gran Premi di F1 e ci sono richieste dall’America, dall’Asia e ora anche dall’Africa. Noi abbiamo investito 44 milioni, e lo scorso anno, che è andato benissimo, abbiamo comunque perso dei soldi, perché l’Autodromo ha un costo di gestione molto alto, indipendentemente dal Gran Premio".

Sticchi Damiani ha proseguito: "Ora il nostro bilancio comincia ad avere delle difficoltà, e non possiamo essere lasciati soli in questa sfida. Abbiamo in essere quattro progetti, di cui due definitivi su asfalto e sottopassi. Quello di rifacimento dell’asfalto della pista è stato consegnato, mentre a breve avremo il progetto definitivo dei sottopassi, che sono necessari e indispensabili perché nel flusso del pubblico non possiamo avere promiscuità tra pedoni e auto. Ci aspettiamo un’approvazione veloce per procedere con la gara d’appalto“. 

Gli altri due dei quattro progetti riguardano lavori sulle tribune e sulla copertura del paddock.