Rally

Rally di Lettonia – 1° giorno
Rovanperä batte Neuville e Ogier

Michele Montesano Riga ha fatto da antipasto a quello che sarà il Rally di Lettonia. I piloti del WRC si sono sfidati sulla s...

Leggi »
formula 1

L'analisi del mercato piloti 2025
Cosa accadrà nelle prossime settimane

Con il passaggio di Esteban Ocon al team Haas, diventano quattro e... mezzo i sedili vacanti nel Mondiale F1 per la prossima ...

Leggi »
Rally

Rally di Lettonia – Shakedown
Tänak precede Neuville, Toyota insegue

Michele Montesano Il WRC, questo fine settimana, farà tappa per la prima volta nella sua storia in Lettonia. La repubblica ba...

Leggi »
formula 1

Haas e Ferrari, accordo fino al 2028
E intanto sta per arrivare Ocon

Il team Haas ha rinnovato l'accordo con la Ferrari per la fornitura dei motori. Il costruttore americano potrà avere le p...

Leggi »
World Endurance

Aston Martin: a Silverstone
il debutto della Valkyrie LMH

Michele Montesano Eppur si muove. Aston Martin ha tenuto fede alla sua tabella di marcia e, come previsto, ha portato al debu...

Leggi »
Rally

Ogier e Rovanperä al via in Lettonia
Torna Lappi in Hyundai, Sesks con Ford

Michele Montesano Questo fine settimana il Mondiale Rally farà tappa per la prima volta in Lettonia. La repubblica baltica, g...

Leggi »
6 Dic [22:30]

Stop ai nuovi motori 2.4
Restano i 2.2 con unità ibride

L’IndyCar ha annunciato di aver cancellato i piani per l’introduzione di un nuovo propulsore da 2.4 litri V6 al posto del 2.2 del medesimo frazionamento attualmente impiegato dal 2012. Il nuovo motore avrebbe dovuto essere accoppiato al sistema di recupero dell’energia in frenata della Mahle già in fase di test.

Tuttavia, i costi relativi allo sviluppo hanno imposto ai due costruttori Honda e Chevrolet di scegliere una delle due opzioni: o una nuova parte termica (originariamente prevista per il 2024), o l’inserimento dell’ibrido. Così, si è deciso di mantenere invariata la prima, sulla quale verrà implementato l’ibrido. Comunque, sarà necessario incrementare la potenza, anche visto l’importante incremento di peso atteso.

Inoltre, l’IndyCar ha raggiunto un accordo con Shell per l’introduzione di un carburante “rinnovabile” secondo le regole di legge USA. Si tratta di un tipo di etanolo derivato dai rifiuti della canna da zucchero.