Formula E

Drudi nei test rookie di
Marrakech con l'Audi Abt

Massimo Costa

Bella opportunità per Mattia Drudi. Il pilota romagnolo, ufficiale Audi nel Gran Tu...

Leggi »
Mondiale Rally

Evans, il quarto incomodo
"Alle gare senza obiettivi"

Massimo Costa

Il 2020 deve essere l'anno di Thierry Neuville, abbonato nel laurearsi vice campione. Il 2020...

Leggi »
24 Apr [11:27]

Venturi continua a
credere in Arthur Leclerc

Alessandro Bucci

Il team Venturi, attualmente sesto nel campionato 2018-2019 di Formula E, ha esteso la propria partnership con il diciottenne monegasco Arthur Leclerc, in procinto di debuttare questo fine settimana con Sauber nel campionato F4 tedesco. Il fratello del più celebre Charles (pilota Ferrari) resta inserito nel programma 'junior' della scuderia Venturi e svolgerà molto lavoro al simulatore durante e fuori dai weekend di gara restanti in stagione. Leclerc ha vinto il campionato Kart Racing Academy all'età di 14 anni, entrando così nell'Accademia FFSA nel 2018, partecipando al campionato francese F4. Nel primo anno speso in monoposto Arthur ha conquistato una pole position (Spa) e due vittorie (Nogaro e Magny-Cours), chiudendo l'anno al quinto posto nella classifica finale generale.

Ricordiamo che Arthur aveva ben impressionato anche nei test di gennaio a Marrakech destreggiandosi bene con la Venturi VFE-05, tanto da convincere la team boss Susie Wolff e Gildo Pastor (presidente Venturi) a puntare su di lui. E' opportuno sottolineare, inoltre, la volontà della scuderia monegasca (l'unica presente nel motorsport) di continuare a supportare talenti provenienti dal Principato per cui, unitamente ai piani di Arthur (smanioso di approdare alla Venturi), il matrimonio sembra destinato a durare.

"Sono felice di continuare la mia collaborazione con Venturi" -ha esordito Arthur dopo la notizia della prosecuzione della sua collaborazione con la squadra monegasca: "Ho imparato molto da loro negli ultimi 12 mesi. Sono stato impressionato dal supporto che Gildo Pastor e Susie Wolff mi hanno fornito. Questo mi permetterà, al di fuori delle mie gare nel campionato F4 tedesco, di continuare a scoprire di più sul nuovo mondo della Formula E. È un campionato che si evolve continuamente.  Ha uno spirito giovane e moderno e questo mi piace. Penso sia molto positivo in questa fase della mia carriera e una grande cosa per un giovane pilota".


Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone