2 Gen [13:39]

Stagione 2018 - I piloti Renault
Hulkenberg deve dare di più
Sainz rappresenta il futuro

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Massimo Costa - Photo 4

Conquistato all'ultimo Gran Premio il sesto posto nella classifica costruttori, la Renault per il campionato 2018 punta a divenire il primo dei team che vengono dopo Mercedes, Ferrari e Red Bull. Una bella scommessa per il costruttore francese che sarà al terzo anno da "fai da te". Per Renault, la sfida sarà anche con i team a cui fornisce i motori, Red Bull e McLaren.

Nico Hulkenberg
E’ stato la salvezza della Renault, unico pilota in grado di lottare per la Q3 e per la top 10 considerando la pochezza espressa da Palmer. Hulkenberg è stato un ottimo acquisto da parte del costruttore francese: quattro volte sesto, per dodici volte è entrato nella Q3 della qualifica. Giocava da solo praticamente ed è stato il faro per tutta la Renault fino all’arrivo di Sainz. Lo spagnolo infatti, si è subito portato al livello del tedesco pur non conoscendo alla perfezione la monoposto e questo ha cambiato un po’ le carte in tavola messe da Hulkenberg. E fatto nascere la domanda: ma non è che Nico poteva quindi fare qualcosa in più? Senza dubbio, nel 2018 Hulkenberg dovrà fare molto di più considerando che Sainz viaggerà al suo livello se non ancora meglio. Lo spagnolo sarà un ottimo pungolo per il tedesco, un po’ come quando in Force India e alla Sauber aveva come compagno Perez.

Carlos Sainz
Se Hulkenberg è stato la luce della Renault, Sainz lo è stato per la Toro Rosso considerando la pochezza espressa dal suo compagno Kvyat. Una stagione eccezionale quella che Carlos ha svolto per il team di Faenza, culminata con la quarta posizione di Singapore. La Toro Rosso ha accumulato nel 2017 53 punti, 48 di questi portano la firma di Sainz. Quando è passato in Renault per sostituire Palmer, il figlio d’arte si è subito fatto ben volere non solo per la professionalità mostrata nel lavoro ai box e con gli ingegneri, ma anche perché è stato subito veloce come Hulkenberg. Non è stato troppo fortunato Sainz nelle poche gare svolte con la Renault, a parte la settima posizione di Austin. L’affidabilità precaria gli ha impedito di conseguire altri punti, ma si rifarà nel 2018. L’obiettivo di Renault è ambizioso e si punta a togliere alla Force India la quarta piazza nel mondiale costruttori. Sainz e Hulkenberg saranno una delle coppie più belle del prossimo campionato.

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone