17 Giu [15:17]

Darwin, gare
Reynolds fa sul serio

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Silvano Taormina

Inizia ad assumere contorni sempre più delineati la stagione 2018 del Supercars Championship, andata in scena a Darwin nel weekend appena concluso. Da un lato Scott McLaughlin, che non molla mai il colpo e incassa il sesto successo stagionale e una piazza d'onore agguantata con i denti nonostante qualche noia di troppo. Dall'altro David Reynolds che, nonostante non goda di un mezzo ufficiale, difficilmente si allonata dalle posizioni di vertice e con il successo in gara 2 si mantiene in lizza per il titolo finale. Poi c'è Shane Van Gisbergen, sempre nelle zone calde nonostante in questa occasione abbia mancato l'appuntamento con la vittoria. La gara disputata sabato pomeriggio sembrava volgere a favore di Reynolds, bravo a scattare bene dalla pole e mantenere salda la leadership nel primo stint. Purtroppo, al termine del cambio gomme, si è ritrovato invischiato in una lotta a cinque che, non solo lo ha rallentato, ma ha favorito anche un guizzo di Van Gisbergen che gli ha soffiato il secondo gradino del podio relegandolo a quello più basso. Il tutto mentre McLaughlin ringraziava per il favore ricevuto involandosi per primo sotto la bandiera a scacchi. Gara di spessore anche per Scott Pye, quarto davanti a Garth Tander che chiude la top-five. Ci si aspettava qualcosa di più da Rick Kelly, sesto con la Nissan, penalizzato da una strategia che lo ha visto anticipare il pit-stop dopo aver navigato in zona podio nelle prime battute. Proprio Kelly, nella Q2 disputata domenica mattina, ha colto una pole inaspettata. Al via, però, lo spunto migliore lo ha avuto Reynolds che dalla terza piazzola ha imboccato al comando la prima curva. McLaughlin si è installato alle sue spalle seppur impensierito da qualche sbuffata bianca di troppo dal motore della sua Ford Falcon. Una neutralizzazione nell'ultimo quarto di gara ha concesso a Whincup e Van Gisbergen, con quest'ultimo che ha optato per un pit-stop tardivo, di sopravanzare Kelly e concludere rispettivamente in terza e quarta posizione dietro a Reynolds e McLaughlin che al restart non hanno accennato alcuna lotta. A seguire Percat, Tander e Coulthard, quest'ultimo mai in linea con le performance del compagno di squadra. Ancora una volta non pervenute le Ford del Tickford Racing, con Mostert, Winterbottom e Waters mai in grado di avvicinare la top-ten. Da segnalare l'inutile scaramuccia nel finale di gara 1 tra Courtney e Stanaway con il neozelandese che, dopo aver tamponato il rivale all'ultimissima curva, è stato spedito sull'erba nel giro di rientro. La manovra è costata a Courtney mille dollari di multa. Con il successo di Darwin McLaughlin allunga in classifica su Van Gisbergen, a sua volta avvicinato da Reynolds.

Sabato 16 giugno, gara 1

1 - Scott McLaughlin (Ford Falcon) - DJR Penske - 42 giri in 48'20''312
2 - Shane Van Gisbergen (Holden Commodore) - Triple Eight - 0''425
3 - David Reynolds (Holden Commodore) - Erebus - 1''264
4 - Scott Pye (Holden Commodore) - WAU - 7''525
5 - Garth Tander (Holden Commodore) - GRM - 9''776
6 - Rick Kelly (Nissan Altima) - Kelly - 19''345
7 - Craig Lowndes (Holden Commodore) - Triple Eight - 19''645
8 - Jamie Whincup (Holden Commodore) - Triple Eight - 19''887
9 - Nick Percat (Holden Commodore) - BJR - 20''932
10 - Michael Caruso (Nissan Altima) - Kelly - 21''019
11 - Anton De Pasquale (Holden Commodore) - Erebus - 24''134
12 - Cameron Waters (Ford Falcon) - Tickford - 24''701
13 - Will Davison (Ford Falcon) - 23Red - 26''737
14 - Tim Slade (Holden Commodore) - BJR - 27''465
15 - Fabian Coulthard (Ford Falcon) - DJR Penske - 28''935
16 - Andre Heimgartner (Nissan Altima) - Kelly - 29''376
17 - Chaz Mostert (Ford Falcon) - Tickford - 30''909
18 - Jack Le Brocq (Holden Commodore) - Tekno - 31''707
19 - Tim Blanchard (Holden Commodore) - BJR - 35''688
20 - Mark Winterbottom (Ford Falcon) - Tickford - 36''419
21 - Lee Holdsworth (Holden Commodore) - Schwerkolt - 37''717
22 - Simona De Silvestro (Nissan Altima) - Kelly - 40''031
23 - Richie Stanaway (Ford Falcon) - Tickford - 44''798
24 - James Courtney (Holden Commodore) - WAU - 45''042
25 - Todd Hazelwood (Ford Falcon) - Stone - 46''135
26 - James Golding (Holden Commodore) - GRM - 1'00''061
27 - Macauley Jones (Holden Commodore) - BJR - 1 giro

Giro più veloce: Will Davison 1'06''878

Domenica 17 giugno, gara 2
1 - David Reynolds (Holden Commodore) - Erebus - 70 giri in 1.24'21''996
2 - Scott McLaughlin (Ford Falcon) - DJR Penske - 1''660
3 - Jamie Whincup (Holden Commodore) - Triple Eight - 2''246
4 - Shane Van Gisbergen (Holden Commodore) - Triple Eight - 5''379
5 - Rick Kelly (Nissan Altima) - Kelly - 9''983
6 - Nick Percat (Holden Commodore) - BJR - 10''475
7 - Garth Tander (Holden Commodore) - GRM - 11''443
8 - Fabian Coulthard (Ford Falcon) - DJR Penske - 11''802
9 - Michael Caruso (Nissan Altima) - Kelly - 12''245
10 - Craig Lowndes (Holden Commodore) - Triple Eight - 12''63
11 - James Courtney (Holden Commodore) - WAU - 14''641
12 - Chaz Mostert (Ford Falcon) - Tickford - 15''140
13 - Mark Winterbottom (Ford Falcon) - Tickford - 16''258
14 - Will Davison (Ford Falcon) - 23Red - 16''733
15 - Anton De Pasquale (Holden Commodore) - Erebus - 18''209
16 - Andre Heimgartner (Nissan Altima) - Kelly - 19''091
17 - Simona De Silvestro (Nissan Altima) - Kelly - 20''435
18 - Tim Blanchard (Holden Commodore) - BJR - 20''837
19 - Richie Stanaway (Ford Falcon) - Tickford - 22''249
20 - Scott Pye (Holden Commodore) - WAU - 57''192
21 - Tim Slade (Holden Commodore) - BJR - 1 giro
22 - James Golding (Holden Commodore) - GRM - 1 giro
23 - Todd Hazelwood (Ford Falcon) - Stone - 1 giro
24 - ark Winterbottom (Ford Falcon) - Tickford - 1 giro

Giro più veloce: Nick Percat 1'06''559

Ritirati
56° giro - Cameron Waters
56° giro - Lee Holdsworth
8° giro - Jack LeBrocq

Il campionato
1. McLaughlin 1775; 2. Shane Van Gisbergen 1614; 3. Reynolds 1448; 4. Lowndes 1362; 5. Whincup 1342; 6. Pye 1279; 7. Coulthard 1229; 8. Kelly 1216; 9. Mostert 1109; 10. Courtney 1104.

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone