formula 1

Calendario F1 2021, le ipotesi:
il via in Australia, novità Arabia

Jacopo Rubino - XPB Images

"Siamo vicini ad avere un calendario per il 2021", ha dic...

Leggi »
Mondiale Rally

Italia Sardegna, finale
Sordo resiste e trionfa

Jacopo Rubino

Per il secondo anno consecutivo Dani Sordo trionfa al Rally d’Italia Sardegna: pilota Hyun...

Leggi »
12 Lug [0:41]

WSK Euro Series a Sarno
Spina si fa vedere in OKJ

E’ ormai tutto pronto a Sarno per disputare la fase finale di questa avvincente prima prova della WSK Euro Series sul Circuito Internazionale Napoli, nelle quattro categorie KZ2, OK, OKJ e MINI nel bel confronto fra i circa 180 piloti provenienti da 32 paesi, che segnano un altro bel successo di partecipazione alla ripresa dell’attività agonistica in Italia nel dopo-Covid, ad appena una settimana di distanza dalla conclusione della WSK Super Master Series. Dopo le “bollenti” manches di qualificazione di venerdì e sabato nel gran caldo di Sarno, si è definita la selezione dei finalisti che domenica 12 luglio sono chiamati a sfidarsi nel consueto e collaudato format della giornata conclusiva 

TUTTO APERTO IL DUELLO IN KZ2
In KZ2 l’ascesa di Matteo Viganò (Leclerc by Lennox/BirelArt-TM Racing-Vega), mattatore nelle prime due manches, si è bruscamente interrotta con un ritiro nella terza e ultima manche dopo i primi 6 giri, lasciando il testimone per una importante vittoria al finlandese Simo Puhakka (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), in gran forma anche a Sarno dopo essersi aggiudicato la settimana scorsa il titolo nella WSK Super Master Series. Molto buono anche il momento dei due piloti italiani di BirelArt, Riccardo Longhi e Giuseppe Palomba, alquanto regolari e sempre nelle prime posizioni. Nel duello fra i protagonisti su Tony Kart e BirelArt, sta cercando di inserirsi anche il francese Adrien Renaudin su Sodikart, autore della pole position in prova, insieme al suo connazionale Jeremy Iglesias su Formula K.
Classifica delle manches: 1. Puhakka; 2. Longhi; 3. Palomba; 4. Renaudin; 5. Irlando; 6. Iglesias; 7. Viganò; 8. Mollo; 9. Marseglia; 10. Camplese.

NELLA OK ANTONELLI IN PROGRESSIONE
Nella OK colpo di reni dell’italiano Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont), andato a segno soprattutto in chiusura di giornata sabato, con due vittorie e un secondo posto. L’inglese Oliver Gray (Leclerc By Lennox Racing/Birel Art-TM Racing-LeCont) si conferma vincente con ben tre successi di manche, insieme al finlandese Juho Michael Valtanen (Pantano Team/KR-Iame-LeCont) autore di due successi, il brasiliano Rafa Camara (Forza Racing/Exprit/TM Racing-LeCont) con un successo, l’inglese Joe Turney (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-LeCont) e l’altro inglese Taylor Barnard (Rosberg Racing Academy/KR-Iame-LeCont) ambedue autori di una vittoria di manche. Ottimi piazzamenti per il figlio d’arte Enzo Trulli (KR Motorsport/KR-Iame-LeCont).
Classifica delle manches: 1. Gray; 2. Valtanen; 3. Barnard; 4. Turney; 5. Antonelli; 6. Trulli; 7. Ravenscroft; 8. Coluccio; 9. Vant Hoff; 10. De Haan.

NELLA JUNIOR SVETTA TAPONEN
Nella OKJ a contrastare l’italiano figlio d’arte Brando Badoer (KR Motorsport/KR-Iame-Vega), in evidenza in prova con la pole position e nelle manches di venerdì con una vittoria, nelle manches di sabato ci ha pensato soprattutto il finlandese Tuuka Taponen (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), sugli allori con tre vittorie. Badoer comunque si è confermato ottimo protagonista piazzandosi alle spalle di Taponen in tutte e tre le manches di sabato. Fra i migliori della giornata di sabato anche l’altro italiano in forza a KR Motorsport, Alfio Andrea Spina con una vittoria da aggiungere al successo di venerdì, e l’altro compagno di squadra il ceco Igor Cepil con altre due vittorie. Fra i migliori si è confermato anche l’americano Ugo Ugochukwu, anche questi in forza con KR Motorsport. Fra i vincitori di manche, anche l’inglese Freddie Slater (Ricky Flynn Motorsport/Kosmic-Vortex-Vega).
Classifica delle manches: 1. Badoer; 2. Taponen; 3. Cepil; 4. Slater; 5. Kucharczyk; 6. Ugochukwu; 7. Powell; 8. Spina; 9. Gowda; 10. Dedecker.

NAKAMURA LEADER NELLA MINI. Nella MINI trasferta sofferta per il campione della WSK Super Master Series, il russo Dmitry Matveev (Energy Corse/Energy-TM Racing-Vega), senza tempo in prova e costretto a grandi rimonte dal fondo dello schieramento, con la soddisfazione di una vittoria nell’ultima manche di sabato. Sugli allori invece il giapponese Kean Nakamura Berta (Team Driver Racing Kart/KR-Iame-Vega), vincitore di tre manche e un secondo posto alle spalle dello spagnolo Christian Cotoya Sanabria (CRG-TM Racing-Vega). Vincenti anche l’americano James Egozi (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex-Vega), l’olandese René Lammers (Baby Race/Parolin-TM Racing-Vega), il polacco Jan Przyrowsky (AC Racing/Parolin-TM Racing-Vega), l’italo-asiatico Tiziano Monza (Team Driver/KR-TM Racing-Vega), il polacco Maciej Gladysz (Parolin/Parolin-TM Racing-Vega).
Classifica delle manches: 1. Nahamura; 2. Przyrowsky; 3. Gladysz; 4. Costoya; 5. Lammers; 6. Egozi; 7. Bouzar; 8. Helias; 9. Paniccia; 10. Nijs.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone