formula 1

La F1 piange Tambay, da
tempo malato di Parkinson

Se ne è andato, in silenzio, Patrick Tambay. Da tempo il 73enne pilota francese nato il 25 giugno 1949 a Parigi, soffriva di ...

Leggi »
World Endurance

Villeneuve ha provato la Vanwall LMH
a Montmelò, obiettivo Le Mans 2023?

Michele Montesano La voglia di rimettersi costantemente in discussione non è mai mancata a Jacques Villeneuve. Dopo aver vi...

Leggi »
FIA Formula 3

Fornaroli nuovo pilota Trident
Nel 2022 miglior rookie Alpine

Leonardo Fornaroli è il secondo pilota italiano dopo Gabriele Minì che parteciperà al campionato di F3. Il 18enne piacentino ...

Leggi »
formula 1

I benefici economici del
GP di Imola? 274 milioni

Uno studio sulla ricaduta economica del Gran Premio di F1 svoltosi a Imola, ha sancito il successo della manifestazione per q...

Leggi »
dtm

L'ADAC salva il DTM
La mediazione di Berger

Il DTM è salvo. L'ADAC, Allgemeiner Deutscher Automobil Club, sarà il nuovo organizzatore e promotore della serie più fam...

Leggi »
dtm

ITR non organizzerà il DTM
Berger spera nell'ADAC

Il 6 novembre Italiaracing aveva riportato la difficoltà da parte di Gerhard Berger e della ITR nell'organizzare il campi...

Leggi »
12 Lug [12:13]

Spielberg - Gara 2
Ancora un rookie, Lundgaard

Jacopo Rubino - XPB Images

Quattro vincitori diversi in quattro manche, a Spielberg la Formula 2 ha scongiurato il timore di gare-fotocopia sullo stesso circuito. La Sprint Race del secondo weekend stagionale è stata vinta da un bravo Christian Lundgaard, terzo in griglia ma capace di portarsi subito in seconda piazza. Al giro 4 il danese ha poi compiuto il sorpasso decisivo a Dan Ticktum, con una bella staccata che ha sorpreso il britannico, e da quel momento l'alfiere della ART Grand Prix ha viaggiato con autorità al comando. Ticktum ha mantenuto la piazza d'onore, mentre a chiudere terzo è stato Marcus Armstrong, con l'altra vettura ART: podio quindi monopolizzato dai rookies, tutti e tre membri di un programma junior F1 (Renault, Williams e Ferrari).

E la pattuglia dei debuttanti si conferma fortissima, in questa stagione 2020: sono andati nelle loro mani 3 successi dei 4 disponibili. I due protagonisti di ieri, il vincitore Robert Shwartzman e Yuki Tsunoda, oggi sono però rimasti a secco. Il russo è uscito immediatamente di scena per un testacoda in curva 1, che ha provocato una breve fase di safety-car virtuale, il giapponese è stato fermato da un probabile problema alla frizione. L'affidabilità delle auto, insomma, non è ancora ottimale: per un guasto si è ritirato anche un altro nipponico, Marino Sato della Trident.

Un inconveniente molto curioso ha invece colpito Mick Schumacher, davvero sfortunato: il tedesco della Prema era ottimo terzo quando al giro 14 si è azionato in modo improvviso l'estintore all'interno dell'abitacolo. Schumacher, che appena due tornate prima aveva superato Armstrong, ha potuto soltanto rientrare ai box. La sua caccia al titolo si fa già in salita.

Quarta posizione per Guanyu Zhou, che nel finale ha visto comparire negli specchietti la sagoma di Callum Ilott, suo compagno nel team UNI Virtuosi. L'inglese non ha però portato un attacco, terminando quinto: non avrebbe comunque ripreso la leadership del campionato, che resta a Shwartzman con 48 lunghezze. Ilott insegue a 43, a pari merito proprio con Lundgaard. Nikita Mazepin, ottavo dietro a Jack Aitken e Sean Gelael, ha regalato il primo punto in F2 alla Hitech. Altra giornata difficile per il nostro Luca Ghiotto, rimasto a metà gruppo. La doppia tappa austriaca non gli ha portato bene.

Domenica 12 luglio 2020, gara 2

1 - Christian Lundgaard - ART - 28 giri 36'51"582
2 - Dan Ticktum - DAMS - 2"063
3 - Marcus Armstrong - ART - 10"2226
4 - Guanyu Zhou - UNI Virtuosi - 10"944
5 - Callum Ilott - UNI Virtuosi - 11"534
6 - Jack Aitken - Campos - 20"458
7 - Sean Gelael - DAMS - 22"955
8 - Nikita Mazepin - Hitech - 23"632
9 - Jehan Daruvala - Carlin - 24"180
10 - Luca Ghiotto - Hitech - 27"770
11 - Nobuharu Matsushita - MP Motorsport - 28"381
12 - Louis Deletraz - Charouz - 29"247
13 - Felipe Drugovich - MP Motorsport - 32"770
14 - Pedro Piquet - Charouz - 34"113
15 - Giuliano Alesi - HWA - 41"821
16 - Artem Markelov - HWA - 49"240
17 - Guilherme Samaia - Campos - 50"818
18 - Roy Nissany - Trident - 1'11"311

Ritirati
14° giro - Mick Schumacher
11° giro - Yuki Tsunoda
2° giro - Marino Sato
1° giro - Robert Shwartzman

Il campionato
1.Shwartzman 48 punti; 2.Lundgaard 43; 3.Ilott 43; 4.Ticktum 36; 5.Armstrong 34; 6.Zhou 27; 7.Tsunoda 24; 8.Drugovich 21; 9.Deletraz 18; 10.Schumacher 14

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone