formula 1

Whitmarsh torna in Formula 1:
ruolo dirigenziale in Aston Martin

Martin Whitmarsh rientra nel giro della Formula 1, e lo fa con il team Aston Martin: sarà responsabile della nuova divisione ...

Leggi »
F3 FIA Asia

È pronto il calendario 2022
Cinque eventi tra Yas Marina e Dubai

La bella e avvincente stagione 2021 della F3 Asia organizzata dalla Top Speed dell'italiano Davide De Gobbi è alle spalle...

Leggi »
formula 1

Prost contro le strane idee di Liberty
"La griglia invertita? Non sarebbe più F1"

C'è un signore che ha fatto la storia della F1. Un signore che ha vinto quattro campionati del mondo e da qualche stagio...

Leggi »
formula 1

23 Gran Premi per il 2023
Imola se la gioca con Le Castellet

Circola già una prima bozza del calendario del Mondiale F1 2022. I Gran Premio potrebbero essere 23, di cui due in Italia. Il...

Leggi »
formula 1

Mercedes lancia un assist al gruppo
Volkswagen: "Eliminare la MGU-H"

Come fare per coinvolgere in F1 un maggior numero di motoristi e che magari travolti dall'entusiasmo decidano di entrare ...

Leggi »
indycar

Laguna Seca - Gara
Herta non sbaglia, Palou vede il titolo

Colton Herta si è preso la rivincita per il difficile finale di Nashville nella "sua" Laguna Seca. Il californiano ...

Leggi »
10 Lug [17:47]

Alcaniz, qualifiche
Vervisch beffa tutti

Michele Montesano

Prima pole nel WTCR alla nuova Audi RS3 LMS: a compiere l’impresa è stato Frederic Vervisch che, con una zampata vincente, ha svettato sul circuito di Alcaniz. Il pilota del Comtoyou Racing, grazie ad un quarto settore superlativo, ha scalzato dalla vetta Thed Björk, a sua volta decisamente competitivo sul tracciato spagnolo. Terzo tempo per l’altra Audi di Gilles Magnus, non così incisivo nel Q3 come lo era stato nelle precedenti sessioni. Con il decimo crono sarà Gabriele Tarquini a partire dalla pole in gara 1, grazie all’inversione della griglia.

Sceso in pista per ultimo, in occasione degli shootout del Q3, Vervisch inizialmente è parso in affanno. Il belga ha cercato di ricucire il divario e nell’ultimo settore, complice la maggior potenza dell’Audi, ha recuperato più di tre decimi da Björk strappandogli la pole. Lo svedese, grazie ai primi tre settori record, credeva di avere già messo in cassaforte la partenza dal palo, ma è stato costretto ad accontentarsi della seconda posizione. Magnus ha poi completato il podio virtuale seguito dalle due Hyundai Elantra N di Norbert Michelisz e Jean-Karl Vernay, quest’ultimo chiamato al doppio impegno con il PURE ETCR in questo weekend.

Se metà box Comtoyou Racing ha di che festeggiare, dall’altro lato ci sono Nathanaël Berthon e Tom Coronel che hanno di che recriminare. Ritrovatisi solamente sesto e settimo nel Q2, sono stati i primi ad essere stati esclusi. Oltretutto i due piloti erano parsi i più in palla con le Audi, avendo monopolizzato le prime due sessioni di prove libere. Ottavo posto finale per il campione in carica Yann Ehrlacher, il pilota del Cyan Racing aveva siglato anche un effimero primo crono del Q1. Nono tempo per Mikel Azcona che partirà in prima fila di gara 1 al lato del nostro Tarquini. Il portacolori del team BRC è riuscito a conquistare il decimo crono sul calare della bandierina a scacchi beffando per soli 81 millesimi Yvan Muller.

Se nel weekend portoghese dell’Estoril erano state le Lynk & Co. a lamentarsi del BoP (Balance of Performance), questa volta è toccato alle Honda recriminare sui 70 kg di zavorra sulle Civic Type R. Tutte e quattro le vetture del Münnich Motorsport non hanno superato la tagliola del Q1. Solamente sedicesimo Esteban Guerrieri, non è andata meglio agli altri piloti del marchio giapponese che hanno occupato le ultime due file. Fanalino di coda Attila Tassi, costretto a fermare la sua vettura a bordo pista nel corso dei primi minuti a causa di un problema elettrico. Quindicesimo ed escluso anche Rob Huff, nonostante avesse fatto vedere un buon passo nelle prove libere.  

Sabato 10 luglio 2021, qualifica

1 - Frederic Vervisch (Audi) - Comtoyou - 2'06"169 (Q3)
2 - Thed Björk (Lynk & Co) - Cyan - 2'06"190 (Q3)
3 - Gilles Magnus (Audi) - Comtoyou - 2'06"354 (Q3)
4 - Norbert Michelisz (Hyundai) - BRC - 2'06"380 (Q3)
5 - Jean-Karl Vernay (Hyundai) - Engstler - 2'06"719 (Q3)
6 - Nathanaël Berthon (Audi) - Comtoyou - 2'06"466 (Q2)
7 - Tom Coronel (Audi) - Comtoyou - 2'06"566 (Q2)
8 - Yann Ehrlacher (Lynk & Co) - Cyan - 2'06"611 (Q2)
9 - Mikel Azcona (Cupra) - Zengő - 2'06"620 (Q2)
10 - Gabriele Tarquini (Hyundai) - BRC - 2'06"709 (Q2)
11 - Yvan Muller (Lynk & Co) - Cyan - 2'06"790 (Q2)
12 - Luca Engstler (Hyundai) - Engstler - 2'07"071 (Q2)
13 - Santiago Urrutia (Lynk & Co) - Cyan - 2'06"899 (Q1)
14 - Jordi Gene (Cupra) - Zengő - 2'07"130 (Q1)
15 - Robert Huff (Cupra) - Zengő - 2'07"430 (Q1)
16 - Esteban Guerrieri (Honda) - Münnich - 2'07"481 (Q1)
17 - Andreas Bäckman (Hyundai) - Target - 2'07"724 (Q1)
18 - Bence Boldizs (Cupra) - Zengő - 2'07"755 (Q1)
19 - Jessica Bäckman (Hyundai) - Target - 2'07"948 (Q1)
20 - Néstor Girolami (Honda) - Münnich - 2'07"951 (Q1)
21 - Tiago Monteiro (Honda) - Münnich - 2'08"028 (Q1)
22 - Attila Tassi (Honda) - Münnich - No Time (Q1)

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone