FIA Formula 2

La sfida tra Antonelli e Bearman
coinvolge anche Mercedes e Ferrari

Mancano pochissimi giorni all'avvio del campionato di Formula 2 e mai come quest'anno l'attesa è altissima dalle ...

Leggi »
World Endurance

Nuovi orari per il Prologo a Lusail
Tre le sessioni obbligatore per i team

Michele Montesano Il Prologo del FIA WEC in Qatar ha subito un’ulteriore modifica. Finalmente nella mattinata della domenic...

Leggi »
World Endurance

BoP per il Qatar: Toyota penalizzata
Nuovo sistema per gestire le LMGT3

Michele Montesano Con l’imminente avvio stagionale del FIA WEC, puntale si torna a parlare di Balance of Performance. Croce...

Leggi »
Formula E

E-Prix di Misano: rivisto il tracciato
per accogliere le monoposto elettriche

Michele Montesano Pur mantenendo una tappa in Italia, quest’anno la Formula E si trasferirà dal tracciato cittadino di Roma...

Leggi »
formula 1

Test a Sakhir – 3° giorno finale
Leclerc archivia l’ultima giornata

416 giri in totale, miglior tempo complessivo di tutte e tre le giornate di test in Bahrain (1’29”921) e primo posto al termi...

Leggi »
formula 1

Test a Sakhir – 3° giorno mattina
Sainz e Ferrari primi in classifica
Altra sospensione per un tombino

Sembra esserci un rapporto speciale tra la Formula 1 e i tombini. A mezz’ora dall’avvio, una griglia di drenaggio dell’acqua ...

Leggi »
20 Set [10:30]

Mercedes carica per i prossimi GP,
ma va decisa la filosofia della W14

Jacopo Rubino

"Vogliamo provare a battere la Ferrari per il secondo posto nel Mondiale, e vogliamo provare a vincere una gara, o anche più di una". Il direttore tecnico Mike Elliott ha messo in chiaro gli obiettivi della Mercedes per la parte finale della stagione 2022. Che sia possibile superare la Rossa in classifica è ormai chiaro, visti i 35 punti di distacco in classifica, pur saliti un po' a Monza. Ma se il velocissimo tracciato brianzolo non ha esaltato la W13, i prossimi in calendario potrebbero invece risultare più congeniali.

"In base a quanto appreso quest'anno, ci aspettiamo che Singapore possa essere un po' più simile a quanto abbiamo visto a Budapest e Zandvoort. Per tipologia di curve, pensiamo che per la nostra macchina sia più favorevole", ha spiegato Elliott. La Freccia d'Argento ha dimostrato di rendere meglio su circuiti tortuosi, anche se sul cittadino di Marina Bay, dove la Formula 1 torna a distanza di tre anni, c'è l'incognita del fondo sconnesso che richiederà compromessi di assetto.

"Abbiamo avuto buone gare, e altre non così tanto, ma ad essere davvero incoraggiante è la comprensione che viene dal lavoro al simulatore e in galleria del vento. Stiamo venendo a capo del perché le nostre prestazioni siano altalenanti", ha sottolineato Elliott. Questo periodo è cruciale anche in ottica 2023: nel giro di qualche settimana, a Brackley bisognerà decidere se la futura monoposto, la W14, resterà fedele all'attuale filosofia aerodinamica, simboleggiata dalle micropance ma difficile da ottimizzare, o virerà su qualcosa di più allineato alla concorrenza.

Per il momento, come raccontato da George Russell, non viene esclusa nessuna idea: "Potremmo proseguire con questa configurazione, così come potremmo cambiare totalmente. Ma c'è di più, oltre alle pance, a fare la differenza nelle prestazioni. Dobbiamo continuare a sviluppare questa vettura, e adesso abbiamo un'idea chiara su come farlo, anche se non significa comunque risolvere i problemi all'istante".

Fino a qui, la Mercedes ha comunque avuto il merito di raccogliere quasi sempre il massimo possibile, a differenza ad esempio della stessa Ferrari: manca ancora un successo di tappa, ma sono maturati 13 piazzamenti sul podio (doppi in Francia e Ungheria). Russell ha chiuso in top 5 ogni volta che ha tagliato il traguardo ed è in lizza per diventare vicecampione, distante 16 lunghezze da Charles Leclerc e 7 da Sergio Perez. Conquistare almeno un Gran Premio, oltre alla spinta motivazionale, consentirebbe alla Mercedes di proseguire una striscia che dura dal 2012. E se avvenisse con Lewis Hamilton, permetterebbe al sette volte iridato eviterebbe l'onta della sua prima stagione in F1 priva di trionfi.

In ogni caso, a fine anno la W13 verrà pensionata senza nostalgia: "Non credo che avrà un posto d'onore al museo di Stoccarda. Magari finirà nei sottorranei...", aveva scherzato il team principal Toto Wolff. La sua erede dovrà essere di nuovo da titolo.