Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
World Endurance

Test ad Alcaniz per la Peugeot 9X8
Il team salterà la 1000 Miglia di Sebring

Michele Montesano Continua senza sosta la tabella di marcia per il ritorno nel FIA WEC da parte di Peugeot Sport. Il team s...

Leggi »
altre

Adria sotto sequestro
Buco di 53 milioni di euro

Il paddock dell'area karting era strapieno, come sempre quando si è alla vigilia del primo evento internazionale organizz...

Leggi »
formula 1

La F1 pensa all'obbligo vaccinale:
non ci saranno casi simil Djokovic

Il caso di Novak Djokovic ha dominato la scena del dibattito internazionale, non solo sportivo. Il tennista serbo, numero 1 a...

Leggi »
Rally

Oreca obiettivo Dakar 2023 con l’ibrido
Allo studio anche un motore a idrogeno

Michele Montesano La quarantaquattresima edizione della Dakar è appena andata in archivio, ma Oreca punta lo sguardo già al...

Leggi »
21 Lug [19:17]

Hispania - Via Carabante, dentro Sala

Grandi cambiamenti alla Hispania. All’inizio del mese, quando la società di investimenti Thesan Capital aveva acquistato la quota di maggioranza del team dalla Hispania Racing Team pareva non ci dovessero essere, almeno nell’immediato, grandi cambiamenti. Invece, secondo quanto riportato dal quotidiano spagnolo AS, il primo a saltare è stato l’ex proprietario Josè Ramon Carabante, seguito a ruota dalla responsabile media Alba Saiz. Sul sito internet del team, inoltre, un nuovo logo – HRT Formula One Team – ha sostituito il vecchio della Hispania Racing.

Cambiamenti che, sempre secpndo quanto riporta AS, sarebbero dovuti all’impegno nel team di Luiz Perez-Sala, ex pilota Minardi in F.1 nella metà degli anni Ottanta e che da tempo si occupa della crescita dei piloti del RAC catalano. Va ricordato che tre anni fa a “siringare” denaro fresco nella Thesan Capital – ben 200 milioni di euro - era stato il colosso bancario giapponese Nomura. Che l’anno prossimo alla HRT sia in arrivo qualche pilota nipponico? Intanto Colin Kolles, team manager sopravvissuto, si è detto soddisfatto per i progressi fatti a Silverstone e ottimista in vista del Nurburgring. “Abbiamo portato due macchine al traguardo, possiamo dire a metà stagione abbiamo stabilizzato la qualità della macchina”. Di pari passo, verrebbe da dire, con la stabilizzazione economica del team.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone